Ecco il caveau della Banca d'Italia. Nel 2001, custodì mille miliardi di lire VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ecco il caveau della Banca d’Italia. Nel 2001, custodì mille miliardi di lire VIDEO

Rosaria Brancato

Ecco il caveau della Banca d’Italia. Nel 2001, custodì mille miliardi di lire VIDEO

mercoledì 15 Luglio 2020 - 14:55

Vi mostriamo le immagini del caveau e come funzionava.

Grazie all’ingegner Angelo Di Dio (tecnico di fiducia dello storico palazzo) abbiamo potuto visitare tutti i locali della Banca d’Italia, che si presentano comunque in ottimo stato. La chiusura è del 2016 ma l’agonia iniziò molti anni prima. Costruito nel 1924 è stato acquistato dall’Ateneo per 6 milioni di euro e sarà trasformato in Polo museale, biblioteca e centro di ricerca. Quando chiuse la Banca d’Italia c’erano 60 dipendenti e 20 carabinieri. I locali sono molto ampi, attrezzati con impianti di aria condizionata e ben 5 archivi.

L’ingegner Di Dio nell’illustrare tutto il Palazzo ha anche raccontato alcuni episodi. Un giorno una cliente chiese notizie dell’ufficio “pignolata” (con riferimento ai pignoramenti), o un cliente chiese “voglio soldi nuovi e infiammabili”. L’ingegnere ha spiegato con dovizia di particolari come funzionava il caveau. E lo mostriamo ai lettori. Tra il 2001 e il 2002 (passaggio dalla lira all’euro) vi furono fino a mille miliardi di lire



Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Un altro palazzo vuoto ,Messina relegata a città marginale senza più poteri!
    La politica ha permesso tutto questo anno dopo anno.

    1
    0
  2. Mi fanno pena . Lascerò un centesimo a Sant Antonio per accendere un cero

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007