"Ero innamorata, era una prigione. Alle vittime dico: denunciate subito" VIDEO - Tempostretto

“Ero innamorata, era una prigione. Alle vittime dico: denunciate subito” VIDEO

Redazione

“Ero innamorata, era una prigione. Alle vittime dico: denunciate subito” VIDEO

venerdì 25 Novembre 2022 - 07:30

La testimonianza di Marta: dalle botte e la paura del pregiudizio alla denuncia, grazie al centro anti violenza

MESSINA – “Subivo violenza ma avevo paura a denunciare perché temevo il giudizio degli altri. Poi però ho pensato ai miei figli, ho temuto anche per loro, e ho trovato il coraggio di denunciare. E ho fatto bene, perché nelle istituzioni e nel centro anti violenza ho trovato sostegno e aiuto. A tutte quelle che subiscono violenza dico: non aspettate, alle prime avvisaglie correte a denunciare”.

La testimonianza di Marta, una delle donne aiutate dal centro Al tuo fianco, nel video di Matteo Arrigo. Oggi Marta è fuori dall’incubo ma un poco di paura c’è ancora, parla con le spalle alle telecamere, chiede di schermare la propria voce.

Però le sue parole raccontano di un percorso di uscita dalla violenza puntellato di fiducia e speranza, quella che ha trovato grazie alle forze dell’Ordine e ai volontari del Centro.

Oggi ha chiaro qual è la prima “mossa” per non essere più vittime. Denunciare subito, al primo schiaffo, alla prima minaccia. Prima che le botte, l’umiliazione, l’auto colpevolizzarsi, costruiscano intorno a sé una prigione.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007