Messina. A Villa Mazzini il caso del chiosco, Nastasi: "Combatto per la verità" VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. A Villa Mazzini il caso del chiosco, Nastasi: “Combatto per la verità” VIDEO

Giuseppe Fontana

Messina. A Villa Mazzini il caso del chiosco, Nastasi: “Combatto per la verità” VIDEO

mercoledì 13 Ottobre 2021 - 06:55

Gli sgomberi prima dell'inizio dei lavori riaprono una vicenda che risale alla precedente amministrazione

Di Giuseppe Fontana e Silvia De Domenico

MESSINA – Tra una Villa Mazzini in stato di degrado più o meno avanzato e l’inizio degli effettivi lavori per ripristinare la pavimentazione, riaprire i bagni e garantire la sicurezza ai tanti bambini che ogni giorno vengono portati dai genitori lì per passare i pomeriggi, si frappone la questione legata a chioschi e attività gestite all’interno dell’area. Una vicenda che risale ormai a qualche anno fa e che ora si ripropone perché prima di partire il cantiere, come ha dichiarato l’assessore Dafne Musolino, bisognerà provvedere a sgomberare quelli che ha definito “gli occupanti abusivi”.

Tra i chioschi della Villa Mazzini c’è quello storico di Umberto Nastasi, la cui battaglia è iniziata già anni fa, nel 2016. “Combatto per sapere la verità”, ha dichiarato Nastasi, “perché se il chiosco è abusivo qualcuno mi ha truffato. Sono stato denunciato alla Procura di Messina per costruzione abusiva e occupazione di suolo pubblico ma le pratiche poi sono state archiviate nel 2019”. Nastasi chiede risposte al sindaco e all’Amministrazione e gli fa eco l’avvocato Giuseppe Saija: “La battaglia è ad un bivio, se si dimostra che il signor Nastasi è stato truffato è il Comune che avrebbe dovuto controllare. Poi c’è l’altra parte, cioè chi ha ceduto avrebbe dovuto fornire tutte le autorizzazioni del caso quindi se mancano è stato truffato”.

Dafne Musolino: “Andremo avanti con le ordinanze di sgombero”

Tra processi e ricorsi al Tar, sono passati degli anni dalle prime denunce e tutto è rimasto fermo e così sarà almeno fino alla prossima settimana. “È una vicenda che abbiamo ereditato da prima del nostro arrivo”, ha spiegato l’assessore Musolino, “era in una fase di stallo e noi abbiamo ridato impulso a questa attività con le ordinanze di sgombero. Le ordinanze sono state impugnate al Tar e il Tar ha respinto le istanze di sospensione per tutte loro, questo significa che noi possiamo andare avanti”. Lunedì potrebbe già essere il giorno della verità per il chiosco di Villa Mazzini e per tutti gli altri piccoli esercizi commerciali al suo interno.

Tag:

Un commento

  1. È arrivata Attila il flagello di Dio, speriamo che questa Autorità all’assessore Musolino finisca presto, mi sa che gode nell’affondare la gente. Ho questa brutta sensazione. Il mio augurio è che al più presto del sindaco e del suo “codazzo” la gente dimentichi anche i nomi.

    17
    12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x