Messina e il suo futuro. Il sindaco Basile a tutto campo: "Una svolta è vicina" VIDEO - Tempostretto

Messina e il suo futuro. Il sindaco Basile a tutto campo: “Una svolta è vicina” VIDEO

Marco Olivieri

Messina e il suo futuro. Il sindaco Basile a tutto campo: “Una svolta è vicina” VIDEO

domenica 06 Novembre 2022 - 10:56

I progetti aperti e quelli imminenti in una città in attesa durante una passeggiata a Piazza Cairoli

di Marco Olivieri, riprese in diretta di Silvia De Domenico

MESSINA – Un confronto ampio su tutti i nodi e i progetti aperti, imminenti o in attesa di avvio, superato lo scoglio della burocrazia. Per il sindaco Federico Basile “una svolta per Messina è vicina”. Vediamo alcuni dei temi chiave trattati in un dialogo a Piazza Cairoli, lì vicino alla zona dell’isola pedonale che partirà dal mese di dicembre.

“L’isola pedonale in una visione più ampia con il Pgtu”

Sottolinea Basile: “Il progetto di isola pedonale è all’interno di una visione più ampia data dal Pgtu, Piano generale del traffico urbano. Pedonalizzazione e zone a traffico limitato, in centro, renderanno la città più fruibile ai pedoni, alle biciclette, ai monopattini e ai sistemi di mobilità sostenibili diversi dalle auto. Vanno potenziati i sistemi di mobilità alternativi e il servizio dell’Atm, già ottimo rispetto al passato, sarà ancora più rafforzato. Arriveranno nuovi bus elettrici. Stiamo pure lavorando sulla tranvia. I risultati si vedranno”.

Quale futuro per i giovani?

Vogliamo dare la possibilità ai ragazzi di scegliere se rimanere o andare via, creando quegli strumenti, quegli incubatori d’impresa, gli hub, nei quali possano esprimere le loro passioni. Vogliamo creare un sistema nel quale i giovani possano fare esperienza con professionalità esterne, ad esempio, in base ai loro interessi, senza dovere necessariamente spostarsi fuori. In questo ambito – precisa Basile – stiamo lavorando sull’Innovation hub, un progetto già finanziato, e vogliamo pure attrarre imprese. Siamo una città con vocazione turistica e non croceristica, lo voglio chiarire”.

“I bandi per le 600 assunzioni del Comune entro dicembre e nel 2023 si potrà procedere alle assunzioni a tempo indeterminato”

“Le assunzioni del Comune? Abbiamo adottato in Giunta il piano del fabbisogno decennale del personale. Si tratta di un comparto importante che prevede oltre 600 assunzioni e che deve essere approvato dalla Commissione per la stabilità degli enti locali perché siamo ancora in procedura di riequilibrio. Siamo stati confortati a Roma sui contenuti del piano. Sono sicuro che entro dicembre usciranno i bandi e nel 2023 potremo procedere con queste assunzioni. Le procedure saranno lunghe. Che un Comune assuma 600 persone a tempo indeterminato, dopo trent’anni, è davvero unico o raro”.

“Il Comune – spiega Basile – ha necessità di queste figure dato che si è depauperato per le anzianità dei dipendenti. Sono convinto che ci saranno tantissime domande. L’esperienza di direttore generale mi è servita. Se io sostengo che ci serva quasi il 50 per cento di personale in più, è perché so come impiegare il futuro personale e quali direzioni attivare. Già a dicembre ne attiveremo tre in più. Le assunzioni sono funzionali a far funzionare meglio la macchina amministrativa. A metà novembre vorrei fare partire invece i bandi per i nuovi dirigenti. Quindi la sfida è arrivare nei primi sei mesi di mandato, entro dicembre, a mettere i campo le azioni programmate. Il nucleo di valutazione dei dirigenti è attivo da due anni e sta facendo un grande lavoro”.

Dal Porto di Tremestieri alla via Don Blasco i tanti nodi

Ma qual è la situazione del Porto di Tremestieri? “Si tratta di un’opera che da più di dodici anni attende di essere completata. L’auspicio è che questo mandato che mi vede protagonista, assieme alla Giunta, possa dare una svolta. Oggi abbiamo un problema oggettivo: si va verso una rescissione e stiamo aspettando gli ultimi pareri legali per evitare intoppi burocratici. Non voglio creare altri problemi ma risolverli. Abbiamo una riunione sul Porto martedì 8 novembre e io credo che, in settimana, scioglieremo tutti i dubbi per far ripartire un’opera arenata”.

Era stata inoltre annunciata più volte l’apertura del nodo Atm in via Don Blasco e del parcheggio al mercato Zaera. “Ci siamo. Lo so che la politica degli annunci non aiuta ma stiamo riprendendo un filo che in questi quattro mesi si era rallentato in maniera forse eccessiva. Sulla via Don Blasco si stanno facendo le ultime verifiche con l’impianto semaforico elettrificato e abbiamo fatto un’azione di sinergia con Atm, dato che ci passa il tram. Stesso ragionamento per il parcheggio Zaera. In questa settimana, conto di aprire sia il nodo Atm in via Don Blasco sia il parcheggio al mercato”.

“Stiamo agendo su decentramento, Panoramica e villaggi”

Un altro quesito per il sindaco. C’è la possibilità che si realizzi il progetto della strada Annunziata – Pace, in zone particolarmente trafficate e con in più l’ospedale Papardo? “C’è un’idea progettuale. Bisogna definirla. Stiamo lavorando sulla programmazione dei nuovi fondi 2021-27, con la possibilità di avere in dotazione finanziaria oltre 200 milioni di euro, e in questo contesto l’idea è quella di finanziare altre opere infrastrutturali importanti. Ma, tra strade e parcheggi, tutto va inquadrato nella visione del Piano generale del traffico urbano. Torniamo sempre lì”.

“Programmare e realizzare nel tempo un sogno che si avvera”

Dall’illuminazione sulla Panoramica al dissesto idrogeologico, con situazioni critiche come quella segnalata ad esempio ad Acqualadroni, le emergenze non mancano: “Rispetto al torpore del passato – ci tiene a mettere in evidenza Basile – sono tutte opere che abbiamo ripreso e sono in fase di progettazione. Il decentramento è un punto importante della mia amministrazione e puntiamo a dare nuova vita ai villaggi. Dall’oggi al domani non cambia nulla ma pogrammare le cose, in una città così desiderosa di riscatto, e vederle realizzate nel tempo è, per me, la realizzazione di un sogno”.

Intervista completa nel video.

Articoli correlati

Tag:

11 commenti

  1. ne esistono tante …alcune non segnalate bene e si incorre in divieti di transito……mi raccomando segnaliamole bene queste svolte….

    6
    0
  2. Non per criticare sempre, ma tanti bei sogni che (vorrei sbagliarmi) restano nel cassetto !Si parla sempre delle stesse cose ma ci dimentichiamo di alcuni aspetti importanti per il vivere quotidiano! Acqua il suo predecessore aveva promesso H24 per tutti i cittadini in tre anni, ma siamo quasi al quarto e andiamo peggio di prima! In molti quartiere compreso il mio! Fa presto a parlare di isole pedonali, mobilità ecc…quando dove abito io in viale Europa è stato stravolto tutto con gravi disagi ormai da mesi sia da un punto di vista ambientale, di viabilità e di vita!
    Bisogna combattere l’inciviltà radicata in molti cittadini sul loro modo di comportarsi in tutti i sensi e qui si dovrebbe partire dalle periferie con progetti mirati specie nei confronti delle future generazioni! Nessun progetto per rimboschire le colline intorno alla città ormai desertificate da anni di incendi, così come il verde carente in molte zone della città..potremmo continuare ma credo che sia solo utopia!! Poi se ci riuscirà… Complimenti!

    25
    0
  3. Un incubatore come si usa chiamarlo non può essere di per sé una semplice struttura. Mi sarebbe piaciuto che questo tema fosse stato approfondito, perché fumoso.
    L’incontro tra ragazzi ed aziende può già avvenire nel mondo virtuale così come già avviene che il telelavoro permetta di vivere in un luogo pur essendo stati assunti altrove.
    Le startup più importanti sono nate addirittura in alcuni scantinati.
    La domanda quindi è in cosa consista questo processo di incubazione, come si farà a richiamare menti e attenzioni giuste?
    Come si farà a richiamare le aziende a Messina?
    Questo non mi è chiaro e sarebbe interessante se ci venisse spiegato, perché l’unico stimolo sino ad oggi comprovato è il ritorno in termini economici per le aziende.
    Sgravi fiscali etc come fatto ad esempio in Irlanda per Google.
    Qui come si intende ricreare un clima attrattivo per imprese e giovani?
    Grazie

    20
    0
  4. Basile ma la svolta di che ?
    Per favore facciamo le cose essenziali, l’arte del possibile. Suggerirei tra i grandi progetti in essere, visto che siamo una città a vocazione turistica e non croceristica di porre un argine ai morti ammazzati sulle strisce pedonali in tutta le strade cittadine ormai quasi con cadenza giornaliera.

    I parenti delle vittime della strada lo vogliono fortemente e non possono essere più nè i grandi suonatori di clacson ne tantomeno gli spensierati centauri messinesi a decidere la vita o la morte delle persone.

    PS: from Santa Monica (CA) un’idea semplice ed efficace, a piazza Duomo dalle ore 11,30 alle 12,15 invece di fare stare i turisti in mezzo alla munnizza un simpatico operatore di Messina Ambiente con un carretto a raccogliere e cartacce dei cittadini messinesi che sporcano (il 99%).

    26
    2
  5. Le bretelle dell’Annunziata? Riapertura di giostra? Ennesima proroga concessa alla ditta?

    13
    0
  6. Senza un aeroporto vicino a Messina, come quello del Mela, non si va da nessuna parte!

    12
    13
  7. Per il momento, solo chiacchiere. Come sempre. Spero vivamente di essere smentito

    19
    0
  8. Che dire? La scuola del maestro si vede! Bla, Bla,Bla. Premesso che fondamentalmente condivido tutti i commenti precedenti, vorrei solo aggiungere un “dettaglio”: perché non comincia a risolvere il problema delle piscine che si formano in città ( una su tutte Viale Libertà fronte Ancora) alle prime piogge? Una “piccola” vergogna che ormai si trascina da troppo tempo. O no?

    24
    0
  9. Una città moderna?! Ahahah…….
    Io partirei dalla cosa più semplice che si chiama ACQUA! Il resto è solo bla bla bla!

    17
    0
  10. CACCAMO CARMELO 17 Novembre 2022 15:17

    …ringraziamo il Sindaco Basile per avere realizzato le strisce pedonali e lo stop all’incrocio tra via Sciascia e Viale Regina Elena … erano anni che aspettavamo …

    2
    0
  11. Parole parole parole, parole parole parole,

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007