acque torbide
Il progetto per la realizzazione dell’impianto che consentirebbe ai cittadini l’utilizzo di un acqua finalmente potabile è presentato dall’Amam nel 2005 e inserito nel bilancio di Previsione Esercizio Finanziario 2010 Pluriennale 2010/2012. Da allora più nessuna notizia
Lunedì, 29. Agosto 2011 - 10:39
Categoria: politica


Un progetto di cui si sono perse le tracce, ma che per i consiglieri, comunale e di quartiere, Guerrera e Biancuzzo, deve essere nuovamente “intercettato” dall’amministrazione. Le carte di cui si discute nell’interrogazione sottoscritta dai due rappresentanti politici, riguardano la mancata realizzazione di una rete idropotabile e di un impianto fognante nella zona compresa tra Mortelle e Spartà. Tutto ciò con grave disagio per i residenti dei villaggi che affacciano lungo la SS113, affollatissimi nei mesi estivi, costretti a dotarsi di pozzi neri, nella maggior parte dei casi non tenuta stagna, con inquinamento delle falde acquifere sotterranee.Essi,infatti, presentano un'alta percentuale di colo batteri e coli fecali, rappresentando un grave rischio per la salute.

Della questione, spiegano Guerrera e Biancuzzo sottolineando tutti i passaggi della vicenda, si era interessata l’Amam, che nel 2005 aveva redatto un progetto relativo ai lavori per il completamento della rete idrica a copertura del servizio idropotabile tra Mortelle e Spartà, trasmesso a distanza di qualche mese all’Ato3 di Messina, così come richiesto dallo stesso Ente. Il progetto, del costo complessivo di 2 milioni 365 000 euro, era stato inserito nel piano annuale di spesa 2005 del POT1 triennio 2005. A distanza di qualche anno, nel 2008, l’opera, ritenuta “… propedeutica allo sviluppo residenziale della zona attenzionata …”, veniva votata favorevolmente dal Consiglio Comunale ed inserita nel bilancio di Previsione Esercizio Finanziario 2010 Pluriennale 2010/2012, per un importo di € 2.800.000.

«Nonostante, però – evidenziano i consiglieri - le pressioni e il lavoro svolto dall’Amam, a tutt’oggi, la riviera nNord compresa tra Mortelle e Spartà è l’unica zona del territorio comunale a non essere servita da rete idrica anche se sono presenti numerosi insediamenti residenziali e turistico - alberghieri. Il progetto oltre a dotare la riviera di un servizio idropotabile prevede un nuovo serbatoio nella zona collinare compresa tra Spartà e Mortelle, che ottimizza l’alimentazione idrica dei villaggi di Faro sup., Serri e Sperone eliminando la precarietà che comporta l’alimentazione diretta, con la distribuzione per caduta, più controllata e funzionante grazie alla possibilità di avere un accumulo della portata emunta».

I rappresentanti comunali, facendosi portatori del disagio più volte manifestato dai cittadini, che hanno avviato anche una raccolta firme per manifestare le loro esigenze, chiedono che venga individuata una soluzione, che passi perché no anche dalla firme di un contratto di servizio tra Amam e Comune, attualmente inesistente. (EDP)

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

node comment

Vorrei ricordare che il progetto per la realizzazione dell’impianto che consentirebbe ai cittadini l’utilizzo di acqua finalmente potabile è stato redatto dai tecnici interni,su mia personale richiesta durante la mia presidenza(2003-2006), presentato dall’Amam nel 2005 e inserito nel bilancio di Previsione Esercizio Finanziario 2010 Pluriennale 2010/2012. Il sottoscritto si è poi dimesso da presidente dell' AMAM quando Francantonio Genovese è stato eletto sindaco di Messina. Nel frattempo alla presidenza dell'AMAM(da me trasformata da Azienda Municipalizzata in SpA) si sono succeduti Domenico Battaglia,nominato da Genovese e poi Tanino Sutera,nominato da Buzzanca. Da allora più nessuna notizia!!!!!!!!!!

e perchè ti sei dimesso quando è salito genovese? Non avevi più i tuoi referenti politici a cui xxxxxxxxxxxxxxxxx?

Della serie: meglio spendere quei soldi dove ci sono più elettori

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007