Liquami fognari in via Panoramica. Morabito è costretto a rivolgersi al sindaco - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Liquami fognari in via Panoramica. Morabito è costretto a rivolgersi al sindaco

Liquami fognari in via Panoramica. Morabito è costretto a rivolgersi al sindaco

martedì 08 Aprile 2014 - 08:10

Il presidente della V circoscrizione ripercorre la grottesca vicenda. Il cattivo odore accompagna i cittadini da tempo senza che nessuno intervenga, con continui rimpalli di responsabilità. I liquidi hanno raggiunto il viale Annunziata e si staccano pezzi di cemento dal muretto di contenimento

Una perdita fognaria segnalata quattro mesi fa e non ancora riparata. Un problema di poco conto, di solito affrontato con i dipartimenti comunali o con l’Amam, che però non si riesce a risolvere. Per questo, il presidente della V circoscrizione, Santino Morabito, si rivolge direttamente al sindaco.

Tutto inizia il 12 dicembre, con la segnalazione di liquami maleodoranti sul marciapiede della via Panoramica dello Stretto nel tratto compreso tra il viale dei Tigli ed il complesso Eden Park. Cinque giorni dopo, l’Amam rileva che la fuoriuscita era determinata da un guasto della rete fognaria afferente ai complessi residenziali posti a monte della Via Panoramica e, pertanto, non soggetta a manutenzione pubblica. Morabito chiama allora la Polizia Municipale e l’area viene recintata e interdetta al transito pedonale. La fuoriuscita di liquami, però, continuava sempre più abbondante. Il 9 gennaio, la V circoscrizione sollecita al dipartimento comunale ai Lavori Pubblici la messa in sicurezza del muro di contenimento dal quale si andavano staccando pezzi. Nessuna risposta e intanto il rivolo di liquami raggiunge il viale Annunziata. L’11 febbraio una nuova nota al dipartimento, anch’essa ignorata, inviata per conoscenza anche al Nucleo Decoro Urbano, che però demanda la competenza al dipartimento comunale. Il 20 marzo, Morabito chiama nuovamente in causa l’Amam, ma la risposta è la stessa di tre mesi prima: “Si tratta di scarichi fognari provenienti da aree private non di competenza dell’Amam”.

“A questo punto – scrive Morabito – è palese che siamo in presenza di un rebus giocato da più settori della pubblica amministrazione ma sempre a spese e danno dei cittadini messinesi. Se il problema è da attribuire ad un impianto privato, il Comune ha l’obbligo di intervenire per accertare le responsabilità, intimare la risoluzione del problema e, in caso di inadempienza, provvedere in danno ai responsabili”.

Il presidente della V circoscrizione si rivolge al sindaco “nella qualità di massimo garante della sicurezza pubblica e dell’igiene cittadina nella speranza che il suo autorevole intervento possa finalmente portare alla positiva conclusione di una vicenda che ha ormai travalicato i limiti dell’ordinaria amministrazione per riversarsi in quelli dell’ordinaria follia”.

Tag:

Un commento

  1. “Morabito chiama allora la Polizia Municipale e l’area viene recintata e interdetta al transito pedonale. La fuoriuscita di liquami, però, continuava sempre più abbondante.”
    E grazie!!!!!
    Se il danno non viene riparato potrà mai cessare il fetido scolo?
    George

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x