A Messina la pulizia è cominciata, adesso tocca ai cittadini - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

A Messina la pulizia è cominciata, adesso tocca ai cittadini

Pippo Trimarchi

A Messina la pulizia è cominciata, adesso tocca ai cittadini

lunedì 27 Luglio 2020 - 09:17
A Messina la pulizia è cominciata, adesso tocca ai cittadini

Pulizia a Messina. L'amministrazione comincia ad essere più incisiva ma senza l'aiuto dei cittadini il problema non si risolve

La città è ancora sporca: lo testimoniano le tante segnalazioni che arrivano al numero WhatsApp di Tempostretto. Al contempo, però, non si può negare che il comune, attraverso il suo braccio operativo Messinaservizi bene comune, stia mettendo in campo, soprattutto nell’ultimo periodo, un impegno incisivo per rendere le nostre strade e i nostri marciapiedi all’altezza di una città civile.

Spazzatrice meccanica in azione

All’opera nuovi mezzi per la pulizia

Da qualche tempo sono entrate in azione nove spazzatrici automatiche, impegnante non soltanto in centro ma anche in zone periferiche della città come testimoniano le immagini della fotogallery. Importanti interventi sono stati, così, eseguiti a Giostra, a Bordonaro così come a Piazza San Vincenzo, a Piazza Casa Pia, intorno al Lago di Ganzirri, alla Passeggiata a mare. Il lavoro da fare è ancora tanto, ma è confortante osservare che finalmente si stia affrontando la problematica con il giusto piglio e con gli strumenti più efficaci.

Photogallery

La bonifica della battigia alla Passeggiata a mare

Un lavoro che può essere l’emblema del cambio di passo è la pulizia che è stata effettuata nel tratto di battigia al di sotto della Passeggiata al mare. Diverse segnalazioni al nostro numero WhatsApp avevano evidenziato la piccola discarica soprattutto di bottiglie di plastica che rovinava il magnifico panorama che si gode dall’area verde di fronte alla nostra Madonnina del Porto. La bonifica effettuata in sé è un piccolo lavoro, anche se reso complicato dalla difficoltà di accesso. Tuttavia esso assume un significato simbolico perché testimonia attenzione rispetto alle sollecitazioni che, anche attraverso il nostro giornale, provengono dai cittadini.

I messinesi devono fare la loro parte

E qui si innesta un ragionamento che è decisivo per riuscire a vedere la città costantemente pulita. Se non c’è la collaborazione dei cittadini Messinaservizi non ce la potrà mai fare a fronteggiare con la necessaria efficacia e tempestività tutte le situazioni che si propongono in una territorio esteso come quello di Messina.
Come dice Pippo Lombardo, presidente della società di gestione dei rifiuti: “I messinesi devono mostrare più sensibilità verso gli spazi aperti della città che sono di tutti. Messina si terrà pulita in due . La MSBC che deve pulire e i cittadini che devono sporcare sempre meno.

Deve prevalere la civiltà sull’inciviltà

Insomma si impone un radicale cambiamento di mentalità. Bisogna comportarsi con la città così come ci si comporta con la propria abitazione. Bisogna abituarsi tutti a buttare le carte, le bottiglie, le cicche di sigaretta nei contenitori appositi. Bisogna abituarsi a fare bene la raccolta differenziata e a non attuare comportamenti furbeschi che poi ricadono sulla qualità della vita di ognuno di noi. Infine, non bisogna mai recedere dal contestare i comportamenti scorretti a coloro che li praticano. Pur sapendo con quale arroganza spesso reagiscano i maleducati. Se questi ultimi si sentiranno circondati da persone che pretendono un comportamento più civile nei confronti della città qualcosa finalmente cambierà e saranno gi zozzoni a provare disagio e non chi li contesta.

Articoli correlati

9 commenti

  1. Giustamente i cittadini devono fare la loro parte per mantenere la città decorosa, ma la pulizia dell’amministrazione comunale non deve essere ‘una tantum’.

    19
    1
  2. Giustissimo, lo spazzamento deve essere continuo e non evento straordinario. I cittadini messinesi sono incivili, cafoni e riluttanti ai richiami di buon senso. Vivere in una città pulita rende più consapevoli che forse non è poi così male.

    12
    0
  3. Il lavoro è ancora lungo.
    Iniziò con la liquidazione della vecchia società.
    Senza quella oggi non saremmo in grado di investire neanche un euro in mezzi e personale.
    Ad oggi manca la continuità nello spazzamento, che però ad onor del vero faticosamente prende piede.
    Resta da vedere che impatto avrà sulla città l’assunzione dei nuovi operatori ecologici, il cui utilizzo però attualmente è solo previsto per un anno se non sbaglio.
    Perchè si parli di risultati tangibili bisogna che tutto il ciclo di raccolta e spazzamento vada a regime e copra l’attività ordinaria.
    Oggi però vedo una consapevolezza che seppur ancora insufficiente, sembra crescere.
    Vedere messina pulita sarebbe un sogno per qualunque cittadino che la ama.

    4
    0
  4. Vivo in via 158 b Fiumara Guardia, la pulizia della strada è effettuata dai cittadini visto che negli ultimi 10 anni i responsabili della spazzatura delle strade si sono visti forse 2 volte; ognuno pulisce da sé, è giusto questo? Si parla di decoro e civiltà ma ho l’impressione che questo valga solo per le strade più visibili e frequentate tutto il resto può aspettare altri 10 anni

    3
    0
  5. Alcune vie cittadine, come la Panoramica, sono disseminate di sacchetti di spazzatura. Lanciati dalle automobili tra i cespugli o dove c’è una piccola rientranza, lontano dalle telecamere dei condomini. E’ una vergogna. Incivili, cafoni. A Messina non si cambierà mai……..
    Spero solo non facciano questo in presenza dei figli. Bell’esempio di civiltà……..

    3
    0
    1. ..carissima giuseppina..di che ti meravigli..sono i padri i figli i nipoti le madri le figlie le sorelle…. da un asino cosa può nascere..(con tutto il rispetto per gli asini che sicuramente sono migliori del messinese)

      0
      0
  6. Un segnale certamente positivo ed anche un obbligo civile e morale dei cittadini di collaborare. Altre cose da fare subito rimuovere le tante autovetture abbandonate che ingombrano le strade e fare opere di potatura mirata per rimuovere arbusti o fogliame che ostacolano pericolosamente la visuale dei passaggi pedonali (ad es. lungo tutto la linea del tram sul viale S. Martino).

    1
    0
  7. …ora vorrei capire le segnalazioni al numero della redazione…cos’è un’accusa all’amministrazione attuale o un attestato che il messinese è sporco ed incivile…io direi di stare zitti… e aspettare che le cose quadrino…e siamo obiettivi qualcosa si muove tranne la responsabilità civile del messinese…purtroppo

    0
    0
  8. C' eraunavoltamessina 27 Luglio 2020 19:00

    Grazie Sindaco! Questa è la Messina che vogliamo vedere….. Operai che lavorano, strade pulite, cittadini che fanno la differenziata, multe a chi imbratta monumenti e muri condominiali, strade asfaltate, cartellonistica e illuminazione stradale, spiagge pulite, lotta all’ abusivismo, impianti sportivi fruibili, acquario in Fiera, ronde diurne e notturne, attrazioni turistiche Colli San Rizzo/ 4 strade, Messina calcio nei professionisti! Noi ci speriamo sempre……

    1
    2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x