Indagati dirigenti e funzionari del Cas per il tragico incidente del viadotto Fiorentino - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Indagati dirigenti e funzionari del Cas per il tragico incidente del viadotto Fiorentino

Indagati dirigenti e funzionari del Cas per il tragico incidente del viadotto Fiorentino

martedì 16 Agosto 2011 - 12:20

Salgono a cinque gli indagati per l'incidente di venerdì pomeriggio sul viadotto Fiorentino dell'autostrada Messina-Palermo costato la vita ad una donan di 30 anni ed al figlio di 16 mesi. Avviso di garanzia anche per il commissario del CAS Gaetano Sciacca. La Procura intende accertare le condizioni di sicurezza dell'autostrada ed in particolare l'efficienza delle barriere protettive.

Adesso sono cinque gli indagati per l’incidente avvenuto venerdì pomeriggio sull’autostrada Messina-Palermo all’altezza di Villafranca Tirrena. Un tragico volo dal viadotto Fiorentino di una Renault “Laguna” che ha strappato alla vita la trentenne Giovanna De Salvo ed il figlio Andrea D’Arrigo di 16 mesi che viaggiava fra le sue braccia sul sedile posteriore.
Il sostituto procuratore Alessia Giorgianni ha iscritto nel registro degli indagati l’ingegner Gaetano Sciacca, attuale Commissario del CAS, l’ingegner Gaspare Sceusa, dirigente Area tecnica di gestione del Consorzio, l’architetto Letterio Frisone, dirigente dei Servizi di gestione ed il geometra Carmelo Cigno responsabile di zona. Vanno ad aggiungersi al 26enne di Spadafora. Davide Giorgianni l’automobilista che si trovava alla guida della Renault “Clio” che si sarebbe toccata, durante un sorpasso, con la Renault “Laguna” pochi attimi primi del volo fatale. L’ipotesi di reato per tutti è di concorso in omicidio colposo,
Il sostituto procuratore Giorgianni, con la firma dei provvedimenti, vuole approfondire gli aspetti legati alla sicurezza dell’autostrada Messina-Palermo. Dopo l’incidente, infatti, si è riproposto in tutta la sua gravità il problema dell’efficacia delle barriere protettive. La Renault “Laguna”, infatti, dopo aver urtato con la “Clio” ha sfondato il guard rail con grande facilità. Il magistrato dovrà stabilire le ragione per le quali sul viadotto Fiorentino, alto una ventina di metri, le vecchie barriere protettive non sono state sostituite, come in molti altri punti dell’A\20, con quelle più moderne e resistenti in grado di trattenere un auto sulla sede stradale. In molti sono convinti che con un guard rail più efficiente l’auto non sarebbe finita nella scarpata e le conseguenze sarebbero state molto meno tragiche. Intanto oggi pomeriggio all’obitorio del Policlinico il medico legale Elvira Spagnolo ha eseguito l’autopsia su due corpi.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Che bello leggere questi articoli, finalmente qualcuno si sta muovendo nella giusta direzione!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007