Ministero degli Interni: tendopoli sia... nel campo da baseball - Tempostretto

Ministero degli Interni: tendopoli sia… nel campo da baseball

Veronica Crocitti

Ministero degli Interni: tendopoli sia… nel campo da baseball

giovedì 14 Novembre 2013 - 14:37

Secondo l'Asp, il PalaNebiolo non è idoneo ad un uso di lungo periodo, per cui via al trasferimento in tendopoli. L'allestimento sarà curato dal locale Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, mentre la gestione del centro sarà curata dalla ditta vincitrice dell'appalto

L’ufficialità è giunta stamani: il Ministero degli Interni ha autorizzato l’allestimento di una tendopoli per ospitare i 182 profughi che si trovano oggi al PalaNebiolo di Contrada Conca D’Oro.

Si tratterà di un campo attrezzato in cui gli immigrati sosteranno temporaneamente fino al trasferimento in un CARA governativo o in una struttura SPRAR.

A quanto ammonti questo “temporaneamente” non è ancora dato sapere ma la Prefettura rende noto che “la struttura sarà allestita nei prossimi giorni” e “darà inoltre la possibilità di far fronte ad eventuali ulteriori richieste di ospitalità temporanea”.

Sulla possibilità di creare una tendopoli da piazzare nel campo da baseball affianco alla palestra dell’Annunziata se ne parlava già da tempo considerando che, dopo l’arrivo degli ultimi 80 ragazzi, il PalaNebiolo era palesemente sul punto di scoppiare.

In realtà ancora nessuna ufficialità sul luogo preciso in cui sorgerà il campo attrezzato, anche se le indiscrezioni sono tante, soprattutto quelle riguardanti un nuovo ed imminente arrivo di profughi in città.

Il “via libera”, infatti, ha anche l’obiettivo di consentire a Messina di aiutare con ancor più vigore il decongestionamento dei centri di prima accoglienza della Sicilia.

Il principio è sempre lo stesso: i numerosissimi sbarchi degli ultimi mesi hanno condotto ad una situazione di sovraffollamento dei centri quali Lampedusa, Pozzallo e Mineo, a cui il Ministero degli Interni ha cercato di far fronte chiedendo l’aiuto delle varie città.

E la Prefettura di Messina, come è noto, ha subito risposto mettendo a disposizione ciò che aveva.

Poco, in realtà, considerando che l’unica struttura adeguata è risultata alla fine quella dell’Università, il PalaNebiolo appunto.

Il problema è che, adesso, neanche quello va più bene.

La locale Azienda Sanitaria, infatti, “ha ritenuto che l’impianto sportivo non sia idoneo ad un uso di lungo periodo”.

Ecco perché la soluzione della tendopoli ed il trasferimento immediato sono divenuti fattori necessari.

D’altro canto, così come evidenziato dalla nota della stessa Prefettura, al momento non esistono vie alternative.

“Si ritiene opportuno informare che – si legge – fin dalla metà dello scorso mese di settembre è iniziata una serrata attività volta alla individuazione di siti utili per soddisfare eventuali contingenti esigenze collegate agli sbarchi dei profughi. Per tutto lo scorso mese di ottobre poi e fino al 4 novembre sono state promosse 6 riunioni formali allargate e numerosi incontri ristretti con il coinvolgimento di tutti i rappresentanti delle istituzioni territoriali”.

Risultato? Nulla.

Tranne il “no” categorico dell’Amministrazione Comunale all’allestimento di una tendopoli di qualsivoglia tipologia.

E non che dalla provincia ci sia stato un qualche riscontro, anzi. “E’ stata inoltre diramata una circolare a tutti i Sindaci della Provincia – si legge ancora – per acquisire eventuali disponibilità. Tale attività, fino ad oggi, non ha sortito alcun esito utile, fatta eccezione per la piena disponibilità del Rettore dell’Unime che ha messo a disposizione le proprie strutture”.

Il Consiglio della V Circoscrizione, non appena giunta la notizia, ha espresso grande preoccupazione parlando di situazione "irrazionale e disumana".

"Il Diamante dell'Annunziata – hanno scritto in una nota – in cui si sono svolti i Mondiali di Baseball, fiore all'occhiello del Mezzogiorno d'Italia, finirà per esser trasformato in un centro di prima accoglienza. Con lo scopo di far emergere e confrontare soluzioni più idonee e condivise, il Consiglio della V Circoscrizione ha convocato un'Assemblea Aperta per Venerdì 15 Novembre 2013 alle ore 17:00 presso l'Aula Magna dell'Istituto d'Arte “Basile” alla quale sono invitati a partecipare i Cittadini, Volontari e le numerose Associazioni che intendono apportare un contributo, ed inoltre tutti gli organi di informazione interessati a questa delicata ed importante vicenda. Il Consiglio della V Circoscrizione ha chiesto l'intervento degli esponenti dell'Amministrazione Comunale e la persona del Sindaco della Città di Messina, e di un Rappresentante dell'Amministrazione Universitaria. Inoltre, il Consiglio comunica l'apertura immediata di uno Sportello di Assistenza Sociale, Legale e di Mediazione Interculturale presso il Centro Civico Circoscrizionale in collaborazione con la Rete Associativa rivolto ai cittadini stranieri ospitati presso il PalaNebiolo".

Veronica Crocitti

@VCrocitti

Tag:

13 commenti

  1. MessineseAttento 14 Novembre 2013 17:50

    Come mai ancora non si legge nessun commento dell’ignorantone asservito di turno, che da la colpa all’amministrazione per l’imminente allestimento della tendopoli??
    Certo, ci fosse stato Calabrò, sarebbero tutti sistemati al Royal Palace Hotel ed al Liberty. Ovvio!

    0
    0
  2. Scelta azzeccata ! Chi sa a quanti ml di. Euro ammonteranno i danni alle strutture
    W la chiesa che si. È fatta subito avanti per offrire riparo ai profughi.
    Se vuoi fare un campo profughi dovresti realizzarlo in suolo demaniale…perché il campo sportivo?
    Ho letto da qualche parte che le tende costano circa 3000 euri e sono usa e getta in quanto a fine utilizzo costa meno ricomprarle che santificarle ( dicono loro)

    0
    0
  3. Il tutto non è nato da una iniziativa del Prefetto, ma dall’offerta sutonoma dello pseudo-sindaco, che, per farsi pubblicità, si è offerto di sistemare i clandestini per “tre giorni”.
    Con poco sperava di guadagnare spazio sui giornali di gossip.
    Invece, Messina verrà trasformata in un centro di raccolta di clandestini.
    Grazie alle pagliacciate di uno pseudo-sindaco una delle poche strutture sportive buone di Messina, costruita con soldi pubblici, per uno scopo preciso, verra ridotta ad un letamaio.
    Perchè la tendopoli non la fanno all’ex GIL?
    In fin dei conti, il ginnastico scalzo ha una certa frequenza con quel luogo.
    Un appello allo staff dello pseudo-sindaco: imbavagliatelo o farà sempre più danno.
    O, almeno, fatelo contare fino a 1.000.000 prima di farlo parlare.
    Pazientate fino a Dicembre.

    0
    0
  4. facciamo ………… ridere (temporaneamente, si intende, come la presenza degli immigrati).

    0
    0
  5. George, george (“G” come g-iornalaio), i giardinetti ti aspettano!!!(e i piccioni pure!!!).
    Oltre che inconcludente,brontolone,criticone sei anche noioso e ripetitivo!
    .
    .
    .
    Pazientiamo fino a dicembre!!!
    Già non ne possiamo più, DI TE!!!

    0
    0
  6. Accorinti voleva farsi bello col …. ehm… degli altri?

    0
    0
  7. “G” come Galbusera, il mago della bontà. Tu invece non mi sembri molto Osservatore e neanche osservatore imparziale.

    0
    0
  8. MessineseAttento 15 Novembre 2013 12:14

    Ammiro il suo coraggio nel non aver paura di perdere la dignità, facendo affermazioni di cui, lei per primo, conosce la mendacità.
    Poi però mi ricordo che c’è il nick a metterla a riparo dagli sfottò degli amici del bar e della briscola, e allora il mito dell’uomo coraggioso si sgretola impietosamente.

    P.S. mi riferiscono che non ha mai avuto parole tenere neanche per Calabrò. Eh ma allora…?

    0
    0
  9. MessineseAttento te li spedirei tutti sotto casa tua, in modo da vedere come si sta con questi zulù. Spero solo che gli abitanti dell’annunziata si sveglino e cominciano a protestare sonoramente, perché c’è il rischio di tenerli per sempre li.

    0
    0
  10. Ma di cosa parlate, il campo da Baseball in cui centinaia e centinaia di atleti, giornalmente, praticano questo meraviglioso sport che tanto appassiona i messinesi !!
    Piuttosto, perché non utilizzare le centinaia di possibilità che lo svuotamento delle caserme o degli istituti religiosi offrono? Oppure il campo…..esercitazioni del 24° artiglieria con attiguo campo di calcio inutilizzato ? Oppure il vuoto Ignatianum ? Non pensate che si tratta di esseri umani che, in pieno inverno, non devono essere stipati in tendopoli da emergenze. Cosa sono, terremotati ? Adesso in tenda farà freddo,ma ai mitici buddaci cosa gliene frega !!!
    Già, la colpa è di Accorinti, perché non sa fare politica. Se c’erano Buzzanca o Genovese, allora sì , che avrebbero preso la situazione di petto e …….. Ma di cosa parlate, quacquaracquelli ???

    0
    0
  11. MessineseAttento 15 Novembre 2013 19:18

    Lei si commenta da solo.
    Qui l’unico zulù è lei, insieme a quelli che sfruttano questa situazione per fare campagna politica a favore del padrone.

    0
    0
  12. SI LA COLPA E’ DI ACCORINTI E DEI MESSINESI PASSIVI. Inutile il suo nick “parliamone”. Lei non vuole parlarne, lei vuole unicamente aggredire chi non la pensa come la sua “eroina” di riferimento. Accorinti Batman Topolino Berlusconi o la Juve per lei sarebbe uguale.
    La superficialità dimostrata da Accorinti nel gestire cose che vanno oltre gli slogan è molto “buddace”.
    Lei chiama “quaqquaracquelli” quelli che non sono disposti a trasformare Messina in un campo profughi.
    Lei non è quaqquaraqquà, è semplicemente DISINFORMATO SIA A LIVELLO LOCALE CHE A LIVELLO ITALIANO, EUROPEO E MONDIALE.
    Lei ignora la provenienza di questi “profughi”, la loro cultura sanguinaria e lo scopo del loro “allontanamento”.

    Si informi, perché forse i “buddaci” vedono soltanto Accorinti-si vs. Accorinti-no, ma questa non è una partita di pallone.

    0
    0
  13. MessineseAttento 16 Novembre 2013 21:26

    Lei ignora che i sindaci non hanno voce in capitolo in materia di emergenze umanitarie e questo dimostra che è talmente impegnato a fare propaganda al padrone da non leggere nemmeno agli articoli.
    S’impegna tanto a dare dell’ignorante agli altri quando il suo post è una perla di baggianate false ed in malafede.
    Sicuro che il primo buddace non sia lei?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007