Milazzo, liberate le tartarughe Sveva e Elena, i due esemplari di Caretta Caretta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Milazzo, liberate le tartarughe Sveva e Elena, i due esemplari di Caretta Caretta

Serena Sframeli

Milazzo, liberate le tartarughe Sveva e Elena, i due esemplari di Caretta Caretta

martedì 21 Luglio 2015 - 22:09
Milazzo, liberate le tartarughe Sveva e Elena, i due esemplari di Caretta Caretta

Sono tante le segnalazione che ogni giorno giungono alla capitaneria di porto per la presenza di tartarughe marine in stato di difficoltà, dovuta a molteplici fattori riconducibili più che altro all’ingerimento di materiale plastico o di ami da pesca

Si è tenuta lo scorso 17 luglio la Giornata della Memoria, organizzata dall’Associazione La Fenice onlus di Milazzo nell’ambito degli eventi organizzati per il 150° anniversario dalla costituzione del Corpo delle Capitanerie di Porto.

Per l’occasione sono state liberate in mare due esemplari di tartaruga marina appartenenti alla specie Caretta Caretta, ritrovate in stato di agonia e sottoposte alle cure mediche specialistiche dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri” di Palermo.

La liberazione delle tartarughe ha suscitato l’interesse e l’emozione di moltissimi bagnati accorsi per l’occasione. Sono tante le segnalazione che ogni giorno giungono in capitaneria per la presenza di tartarughe marine in stato di difficoltà, dovuta a molteplici fattori riconducibili più che altro all’ingerimento di materiale plastico o di ami da pesca.

Le tartarughe che sono state liberate sono state chiamate Sveva e Elena; Sveva si era spiaggiata per via dell'ingestione di un amo da pesca e della lenza messi in evidenza tramite indagine radiografica. Venne poi sottoposta ad intervento chirurgico di esofagotomia e terapia antibiotica ed antidolorifica per 10 giorni, mentre una terapia di riabilitazione in piscina di 5 settimana è riuscita a portarla alla completa ripresa. Elena invece è stata recuperata per problemi di galleggiabilitá dovuti all'ingestione di plastica. Sottoposta a terapia di supporto al fine di favorire la rimozione del corpo estraneo ed evitare di andare incontro a fenomeni di ostruzione intestinale, ha effettuato poi una riabilitazione in piscina che le ha permesso la completa ripresa.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007