"Alì' Terme è una polveriera, dimenticate le opere di messa in sicurezza. Così mi dimetto". VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Alì’ Terme è una polveriera, dimenticate le opere di messa in sicurezza. Così mi dimetto”. VIDEO

Carmelo Caspanello

“Alì’ Terme è una polveriera, dimenticate le opere di messa in sicurezza. Così mi dimetto”. VIDEO

venerdì 16 Ottobre 2020 - 11:54

Il sindaco Giaquinta ha scritto al presidente della Repubblica, al primo ministro, al Governatore e al Prefetto: "Nessuna certezza su lavori e date, non mi siedo più a tavoli in cui si fanno solo chiacchiere"

ALI’ TERME (La diretta video. di Carmelo Caspanello) – “Voglio tempi certi sulle opere necessarie per mettere in sicurezza il paese di Alì Terme. Altrimenti sono pronto a dimettermi, non ha senso rimanere qui e fare il sindaco in queste condizioni. Mentre il paese è una polveriera”. Carlo Giaquinta è un fiume in piena. Questa mattina il primo cittadino ha convocato la stampa per amplificare il suo appello alle istituzioni superiri. Ha scritto a tutti: dal Presidente della Repubblica Mattarella al presidente del Consiglio Conte; dal Governatore Musumeci al sindaco metropolitano, al Prefetto. “E’ da oltre 10 anni che si attendono opere vitali per il territorio. Il torrente Scoppo è dissestato, versa in condizioni critiche dall’alluvione del 2009 che causò disastri e morti a Scaletta e Giampilieri. La Statale 114, l’Orientale Sicula, all’altezza del Capo è rimasta come nel lontano 1800. Il quartiere Davì è ad alto rischio e lo stesso vale per Contrada Ariella. Per non parlare – chiosa Giaquinta – del torrente Mastroguglielmo colpito da una devastante alluvione il 25 ottobre del 2007. Ciliegina sulla torta il Ponte che unisce Alì Terme e Nizza, chiuso da due anni, in attesa di essere demolito e ricostruito. I disagi sono enormi. Ebbene – conclude Giaquinta – non mi siederò più in alcun tavolo in cui si fanno solo chiacchiere. Voglio un cronoprogramma con date certe. Guardiamo al ponte di Genova… Qui i tempi sono biblici. Ma la cosa peggiore è che non si vede la luce in fondo al tunnel. Che ci sta a fare un sindaco in queste condizioni? Come difende la sua comunità? Come programma il futuro?”. (Carmelo Caspanello)

Articoli correlati

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007