Gli studenti del La Farina come moderni "Indiana Jones" nella Valle dei Templi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Gli studenti del La Farina come moderni “Indiana Jones” nella Valle dei Templi

Gli studenti del La Farina come moderni “Indiana Jones” nella Valle dei Templi

mercoledì 01 Febbraio 2017 - 07:30
Gli studenti del La Farina come moderni “Indiana Jones” nella Valle dei Templi

Nel racconto della professoressa Lo Castro l'esperienza vissuta da alcuni studenti del liceo La Farina "sul campo" al fianco degli archeologi ad Agrigento. Un percorso riuscito grazie all'alternanza scuola-lavoro

Nell’ambito delle attività previste per il progetto di Alternanza Scuola-Lavoro, 25 alunni del terzo e quarto anno del Liceo Classico “G. La Farina” accompagnati dalla prof.ssa Lo Castro, referente del progetto, e dalla prof.ssa Cantone, hanno scelto di prendere parte attiva agli scavi che si stanno effettuando nella Valle dei Templi ad Agrigento, nella località dove si presume fosse ubicato il Teatro Romano dell’antica Akragas. Gli studenti sono stati ricevuti dalla Responsabile dell’Ente Parco Valle dei Templi – referente per l’alternanza scuola lavoro, l’ archeologa Valentina Caminneci che in una prima fase conoscitiva ha fatto da guida, per scoprire i tesori della Valle.

Gli studenti hanno ammirato non solo i templi ma hanno percorso per la prima volta La Via dei Sepolcri, necropoli paleocristiana la cui visita è stata resa possibile solo da poco tempo grazie agli interventi di recupero messi in atto dall’Ente. I ragazzi quindi hanno preso possesso visivo e cognitivo del luogo dove si sta svolgendo la campagna di scavi che potrebbe portare a mettere in luce l’antico teatro di Agrigento. Gli alunni durante il periodo degli scavi sono stati dipendenti a tutti gli effetti dell’Ente Valle dei Templi, e hanno lavorato insieme con gli archeologi Zelia Di Giuseppe e Michele Scalici, che stanno svolgendo gli scavi archeologici.

Gli studenti hanno provveduto alla collocazione nelle apposite cassette dei reperti che sono stati estratti: pezzi di terracotta, vetri, metalli, ossa, sempre sotto la guida dell’archeologa Di Giuseppe, che con estrema competenza e grande capacità comunicativa ha guidato i ragazzi in questa settimana presso la Valle.

“L’esperienza appena vissuta mi ha fatto capire che oltre l’Indiana Jones che tutti immaginiamo si celi dietro ogni archeologo, sono studiosi attenti e scrupolosi che affrontano grandi sacrifici per amore del proprio mestiere” sono le parole di Ludovico Crisafulli.

Marianna Leo invece scrive nella relazione “Questa esperienza mi ha fatto capire la vera importanza dell'archeologia: portare alla luce la nostra storia e farci conoscere la grandezza e la genialità dei popoli che hanno abitato la nostra regione. Tutto questo grazie agli archeologi appassionati e pazienti, che ancora oggi lavorano perché ancora c'è tanto da scoprire… e da scavare”.

Prof.Antonella Lo Castro

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007