Amam, 24 milioni di crediti prescritti. Si regolano i rapporti col Comune di Messina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Amam, 24 milioni di crediti prescritti. Si regolano i rapporti col Comune di Messina

Marco Ipsale

Amam, 24 milioni di crediti prescritti. Si regolano i rapporti col Comune di Messina

venerdì 25 Ottobre 2019 - 12:56
Amam, 24 milioni di crediti prescritti. Si regolano i rapporti col Comune di Messina

Due rate da 2 milioni e mezzo ciascuna, della transazione con Enel, scadono il 30 novembre e il 30 dicembre. Ma l'Amam non riuscirà a pagarle

MESSINA – “24 milioni di crediti sono prescritti e quindi inesigibili, contrariamente a quanto riportato nei precedenti bilanci”. Il presidente dell’Amam, Salvo Puccio, spiega che questo non consentirà di onorare le transazioni definite con Enel, che prevedrebbero il pagamento di due rate da 2 milioni e mezza ciascuna con scadenza il 30 novembre e il 30 dicembre. Il debito totale è di 16 milioni: gli altri 11 sono rateizzati nei prossimi dieci anni. Questo cosa comporta? Le attuali forniture si continueranno a pagare con un costo maggiorato del 25 %.

Puccio, insieme ai membri del Cda Amam, Roberto Cicala e Loredana Bonasera, ne ha parlato ieri col sindaco Cateno De Luca, l’assessore Salvatore Mondello, i dirigenti dei dipartimenti comunali Servizi Finanziari e Servizi Tecnici, Giovanni Di Leo e Antonio Amato, la responsabile del monitoraggio aziende speciali e partecipate, Alessandra Cucinotta, e l’esperto Federico Basile.

Comune di Messina e Amam hanno concordato le azioni per “sistemare” il rapporto debiti/crediti tra le parti.

Il Comune restituirà ad Amam 1 milione e 200mila euro di utili “per espressa destinazione vincolata agli investimenti dell’Azienda o all’abbassamento della tariffa cosi come previsto dalla normativa vigente”.

Palazzo Zanca, inoltre, rinuncerà a 7 milioni 434mila euro di dividendi Amam dal 2013 al 2017 per coprire la perdita di esercizio 2018.

L’Amam restituirà al Comune di Messina, con un piano di rientro quinquennale, 10 milioni e 200mila euro, somma che sarà compensata nell’ambito di ricavi previsti per le prestazioni rese in attuazione del contratto di servizi.

Inoltre il Comune liquiderà subito 386mila euro per i servizi resi fino al 31 dicembre 2018 e salderà la parte rimanente, 741mila euro, riconoscendo un debito fuori bilancio. Ma tutto dovrà passare dal Consiglio comunale.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007