Roccalumera. Tornano balneabili 300 metri di costa, negative le analisi eseguite dall'Asp - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Roccalumera. Tornano balneabili 300 metri di costa, negative le analisi eseguite dall’Asp

Carmelo Caspanello

Roccalumera. Tornano balneabili 300 metri di costa, negative le analisi eseguite dall’Asp

martedì 18 Agosto 2015 - 07:30
Roccalumera. Tornano balneabili 300 metri di costa, negative le analisi eseguite dall’Asp

Revocata l’ordinanza che vietava la balneazione all’altezza della Piazza del pescatore. Il provvedimento era stato firmato il 10 agosto scorso in seguito al copioso sversamento di fogna sulla spiaggia, causato dall’otturazione della condotta

Il mare che bagna Roccalumera all’altezza di via Verdi e la piazza del Pescatore (150 metri di costa a Nord ed altrettanti a Sud), è balneabile. Il sindaco, Gaetano Argiroffi, ha revocato l’ordinanza che vietava la balneazione, firmata dal suo vice Biagio Gugliotta, in seguito ad un copioso sversamento di fogna che ha richiesto tempi lunghe ed operazioni laboriose prima di essere eliminato. Il disagio era stato causato dall’otturazione della rete fognaria, determinato dalla pioggia. Terminata l’emergenza si è dovuto però attendere il risultato delle analisi disposte ed eseguite dall’Asp, l’Azienda sanitaria provinciale. L’esito è stato negativo ed immediatamente è stata revocata l’ordinanza che vietava la balneazione. Il flusso di liquami era stato bloccato nel tardo pomeriggio dell’11 agosto, al termina di una giornata convulsa, nel corso della quale si è persino reso necessario l’intervento del metal detector per individuare il pozzetto collegato al tratto di condotta intasato, che si trovata 30 centimetri sotto l’asfalto.

“Il disagio – ha spiegato il vicesindaco, Biagio Gugliotta – è stato causato dall’intasamento della condotta. Che comunque è obsoleta e non più consona all’esigenza dell’attuale popolazione, che peraltro in estate raddoppia. Stiamo studiando un intervento per monitorare l’intera rete fognaria”. Intanto sono in dirittura d’arrivo i lavori per l’ampliamento dell’impianto di depurazione consortile che sorge alla periferia sud del paese e serve i Comuni di Roccalumera, Furci e Pagliara. Un intervento da 1 milione e 300mila euro, che dovrebbe risolvere una serie di gravi disagi che da anni, ormai, attanagliano la popolazione.

Carmelo Caspanello

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007