Jobs act, precariato, licenziamenti: numeri e dati fotografano l'occupazione - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Jobs act, precariato, licenziamenti: numeri e dati fotografano l’occupazione

Jobs act, precariato, licenziamenti: numeri e dati fotografano l’occupazione

martedì 02 Maggio 2017 - 06:43
Jobs act, precariato, licenziamenti: numeri e dati fotografano l’occupazione

Fast Confsal e Ugl, in occasione del 1 maggio, hanno voluto dedicare una riflessione sulle politiche nazionali nel settore dell’occupazione, analizzando con numeri alla mano l’attuale andamento dopo il famigerato Jobs Act.

Jobs Act, aumentano i licenziamenti, giù i contratti stabili, Inps +30% di licenziamenti disciplinari nelle aziende over 15. Con taglio degli sgravi, -12% contratti a tempo determinato. 284 mila contratti a tempo determinato e 35 mila contratti di apprendistato “traiano” l'occupazione nazionale a gennaio febbraio 2017. 10 milioni e 526 mila voucher venduti in un anno fino al 17 marzo, giorno in cui il governo Gentiloni ha abolito con un decreto i “buoni lavoro”.

Fast Confsal e Ugl, in occasione del 1 maggio, hanno voluto dedicare una riflessione sulle politiche nazionali nel settore dell’occupazione, analizzando con numeri alla mano l’attuale andamento dopo il famigerato Jobs Act.

Uno studio fatto nei mesi di gennaio febbraio del 2017 su scala nazionale attenua i trionfalismi del Governo in merito alle riforme del lavoro e dimostra che il risultato principale della coppia Jobs act-decontribuzione è per il momento una massiccia virata sul tempo indeterminato, piuttosto che un boom di posti di lavoro. Lo studio sostiene in particolare che il rapporto a tempo indeterminato che vediamo crescere nelle statistiche non è più quello che vigeva in passato. Infatti, con le nuove tutele crescenti, il rischio è che, allo scadere dei tre anni di decontribuzione, quando il

tempo indeterminato diventerà di nuovo costoso per i datori di lavoro, le aziende tornino ad assumere a tempo determinato, liberandosi dei contratti a tempo indeterminato prima che le tutele “crescano” troppo.

Bisogna inoltre tenere a mente che, secondo i sostenitori del Jobs act, l’aumento delle assunzioni e delle cessazioni evidenziato dai dati Inps e Istat rappresenterebbe un passo verso un sistema in cui il lavoratore può essere assunto e licenziato più facilmente, sulla scorta di ammortizzatori sociali rinforzati e delle cosiddette politiche attive. Le misure in merito contenute nel Jobs act, anche secondo alcune analisi Ocse, potrebbero favorire un aumento dei livelli di produttività e di occupazione nel lungo periodo. Per il momento lo studio prevede una nuova impennata dei contratti a tempo indeterminato nel mese di dicembre, l’ultimo mese utile per usufruire della decontribuzione piena. Di lì al 2018, con la progressiva uscita di scena degli incentivi sui nuovi assunti, capiremo se la nostra economia sta effettivamente scommettendo sul tempo indeterminato o se siamo di fronte a una bolla dovuta esclusivamente agli sgravi fiscali.

La speranza del governo è che la ripresa si rinforzi nel frattempo, permettendo di consolidare i nuovi posti di lavoro e magari di mantenere conveniente dal punto di vista fiscale il lavoro a tempo indeterminato. L’aumento dei nuovi contratti a tempo indeterminato è quindi un buon segno ma, più che cedere ai trionfalismi, bisognerebbe tenere alta la guardia: la scommessa sulla ripresa

dell’economia e del lavoro stabile deve ancora essere vinta.

Le turbolenze dei mercati finanziari che negli ultimi giorni hanno fatto temere un ritorno al 2008, le previsioni di crescita di un punto e mezzo di pil per il 2016 che appaiono fin d’ora difficili da raggiungere non promettono però niente di buono.

I dati dell’Inps, purtroppo confermano le nostre paure. Gli unici effetti del Jobs Act sono precariato e licenziamenti, effetti che certamente non servono a far crescere l'economia e a risollevarsi dalla crisi, rendendo il futuro delle famiglie ancora più incerto, bisogna pertanto intervenire urgentemente attraverso politiche correttive che mirino alla stabilità ed al consolidamento dell'ordinamento del mondo del lavoro.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Il JOB ACT è una delle cosiddette “RIFORME” imposte dalla B.C.E. o dalla TROIKA. Riforme che servono a creare una forza lavoro simile a quella cinese, cioè lavorare come pazzi e senza sosta e senza nessun diritto. Questa è la COMPETITIVITA’ imposta dai trattati europei.

    0
    0
  2. Il JOB ACT è una delle cosiddette “RIFORME” imposte dalla B.C.E. o dalla TROIKA. Riforme che servono a creare una forza lavoro simile a quella cinese, cioè lavorare come pazzi e senza sosta e senza nessun diritto. Questa è la COMPETITIVITA’ imposta dai trattati europei.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007