Dopo le parole di Accorinti, il caso gettonopoli irrompe di nuovo in aula: nervi a fior di pelle e attacchi pesantissimi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Dopo le parole di Accorinti, il caso gettonopoli irrompe di nuovo in aula: nervi a fior di pelle e attacchi pesantissimi

Francesca Stornante

Dopo le parole di Accorinti, il caso gettonopoli irrompe di nuovo in aula: nervi a fior di pelle e attacchi pesantissimi

lunedì 21 Dicembre 2015 - 23:40

Seduta tesissima quella di ieri pomeriggio per il consiglio comunale. A tenere banco le dichiarazioni del sindaco andate in onda su Rai 1 durante L'Arena di Giletti. Consiglieri a muso duro contro sindaco e giunta, in tanti vogliono dire basta e si sono dichiarati pronti a chiudere questa esperienza amministrativa.

Nonostante sia trascorso più di un mese, il terremoto gettonopoli continua a far tremare Palazzo Zanca. E tutto il caos che non era scoppiato platealmente in quei giorni, quando tutti avevano deciso di tenere un profilo basso presi dalla bufera dell’inchiesta che ha letteralmente sconquassato il consiglio comunale, è improvvisamente esploso in aula consiliare. Nervi a fior di pelle, interventi urlati, parole pesanti come macigni, amarezza, rabbia, un gioco al massacro che rischia di paralizzare la vita amministrativa di Palazzo Zanca mentre fuori i cittadini continuano ad aspettare risposte. Dentro il palazzo ha creato non poco scompiglio l’intervento del sindaco Accorinti nella puntata de L’Arena dedicata a gettonopoli. Una puntata che ha come riaperto un vaso di pandora che a fatica il consiglio comunale stava cercando di chiudere per poter andare avanti e che in questi ultimi giorni si era inevitabilmente legato al caso politico di mezzo Pd transitato a Forza Italia al seguito di Francantonio Genovese. Le parole di Accorinti, seguite dalle dichiarazioni arrivate da leader e deputati, hanno scosso molti consiglieri comunali, al punto da ritrovarsi in un’aula in cui la tensione si tagliava visibilmente con il coltello. E, come se non bastasse, proprio mentre i consiglieri urlavano, lanciavano attacchi durissimi contro il sindaco, contro questa esperienza amministrativa, anche contro se stessi ormai svuotati di passione e legittimità, Accorinti rincarava la dose affidando in una nota stampa una serie di considerazione sui consiglieri comunali convolti nel caso gettonopoli (vedi articolo a parte).

Ad accendere i riflettori sull’argomento, aprendo un dibattito che poi ha monopolizzato l’intera seduta, l’accorato intervento della neo forzista Donatella Sindoni che già durante i lavori mattutini della commissione non aveva risparmiato toni durissimi. «Il sindaco non può permettersi di parlare in quei termini del lavoro dei consiglieri, non è assolutamente vero che non è al corrente di ciò che accade nelle commissioni, del fatto che non si può lavorare perché gli assessori disertano le convocazioni. Ci sono commissioni che durano ore e che però non producono nulla perché manca il confronto politico con l’amministrazione» ha letteralmente urlato la Sindoni che non ha più intenzione di tollerare attacchi che gettano ancora fango su consiglieri che sono prima di tutto persone. «Non ci sto a questo gioco al massacro. Basta».

Un intervento che ha scatenato una lunghissima scia di reazioni da quasi tutti gli scranni dell’aula. A riprendere le parole della Sindoni il collega Daniele Zuccarello: «L’intero consiglio è stato delegittimato ed è iniziata la gara della moralità. Tutti i problemi della città sono i gettoni e gettonopoli. Tutti sono diventati moralisti, a cominciare dal Sindaco che con dietro la bandiera della pace istiga all’odio mentre ci definisce “certa gente”. Ancora peggio è che i nostri deputati si ricordano dopo un mese che c’è gettonopoli, ci dicono che siamo inetti e che dobbiamo andare tutti a casa. E i deputati che fanno rimpasti per restare seduti su quelle poltrone? I deputati palermitani indagati per i rimborsi ai gruppi parlamentari fanno la morale a noi. La verità è che i deputati si sono svegliati e hanno capito che c’è un problema, che qualcosa si sta riorganizzando per presentare un progetto politico per la città. Che inizino ad andare a casa i signori che stanno a Palermo e Roma e poi andiamo a casa noi». Zuccarello non ha risparmiato nessuno e si è rivolte anche alle colleghe Risitano e Fenech, protagoniste nei giorni scorsi di una conferenza stampa e di un convegno dedicato proprio a gettonopoli e ai cambi di casacca: «Ci dicano quante proposte hanno fatto. Quali contributi hanno portato in due anni e mezzo. Siamo stanchi di questa ipocrisia».

Da Pierluigi Parisi un messaggio diretto agli assessori Perna e Cacciola, rimasti in aula sotto il fuoco incrociato dei consiglieri: «Abbiate rispetto per noi. Quante volte noi abbiamo sistemato i vostri errori di ignoranza? Quante volte non siete stati capaci di produrre delibere che potessero ottenere i pareri favorevoli? Quanti atti in X commissione sono arrivati da parte della giunta e quanti di questi erano sbagliati e abbiamo dovuto rimandarli indietro per errori tecnici o amministrativi? E la mia commissione era quella che doveva stare più a cuore a questa giunta. Ognuno risponde e risponderà ai cittadini del lavoro svolto, io farò un passo avanti, presenterò nei prossimi giorni tutto ciò che è stato fatto nella X commissione, ciò che ha presentato la giunta e ciò che ha fatto la commissione così mettiamo tutto sulla bilancia».

Da Giuseppe Santalco un’amara, quasi rassegnata, riflessione su ciò che sta accadendo al consiglio, ai consiglieri, ad un’intera esperienza amministrativa inevitabilmente segnata dai suoi protagonisti politici. Santalco si è rivolto direttamente a Perna e Cacciola, per spronarli a rendersi conto che stanno suonando le campane a morto anche per l’amministrazione Accorinti, poi anche ai colleghi: «Saremmo miopi a preservare in queste condizioni il posto in consiglio comunale. Ci abbiamo rimesso tutti la faccia, il primo io che in soli due anni e mezzo ho bruciato un’adamantina carriera politica. Siamo tutti nella cloaca. Pensate che la giunta Accorinti ne uscirà pulita da questa esperienza? Dobbiamo porre termine a questa esperienza per dare un futuro a questa città». Per Santalco l’amministrazione intera ha perso una grandissima occasione per cambiare davvero le cose e le dichiarazioni del sindaco hanno chiuso un percorso politico amministrativo.

Sulla stessa scia Nicola Cucinotta che non ha risparmiato attacchi neanche contro il commissario del Pd Carbone, che sempre all’Arena di Giletti ha parlato del caso messinese. L’altro ex consigliere Pd ha contestato a muso duro le apparizioni televisive di Accorinti: «Abbiamo un sindaco che quando si presenta in tv pensa solo a prendere consensi dicendo che non si mischia a chi fa certe malefatte, e un altro che quando viene in aula ci dice che ha 40 consiglieri. Non riesco più a comprendere come si possa andare avanti, ci siamo trovati con tonnellate di melma addosso senza che nessuno della giunta abbia detto una parola a nostra difesa e a difesa del lavoro che abbiamo fatto».

Un’arringa degna di un’aula tribunalizia quella fatta da Pio Amadeo che ha parlato a lungo di gettonopoli e dell’alibi che ha creato alle inefficienze della giunta. «Nessuno ha il coraggio, la schiena dritta, l’obiettività di dire le cose come stanno. Si è cercato di trovare il capro espiatorio in questo sgangherato e sottoculturato consiglio comunale. Sono per sfiduciare il sindaco subito, ma non perché lo dice D’Alia, che se avesse dignità non dovrebbe parlare. Noi siamo sacrificabili, lo capisco. A Palermo dove c’è un presidente che ne ha combinato molte di più rispetto a questo sindaco e dove ci sono stati cambi di casacca molto più opportunistici rispetto a quello di questi consiglieri comunali nessuno si scandalizza».

Nonostante le dichiarazioni del leader D’Alia, ha provato a gettare acqua sul fuoco il consigliere Udc Franco Mondello che ha invitato tutti ad abbassare i toni e ha rivolto un appello agli assessori in aula: «Sento troppa aria inquinata, velenosa. Dovreste contenere l’esuberanza del sindaco che quando va nelle trasmissioni deve comprendere che non è più il promotore di un pensiero politico, ma è il primo cittadino della tredicesima città d’Italia. Non so se ci sono le condizioni per andare avanti, invito però tutti a concentrarci sui temi che ci propone l’amministrazione, anche se gli impegni che erano stati assunti nei confronti della città sono stati traditi».

A prendere le difese del sindaco la consigliera Ivana Risitano che ha voluto chiarire che l’espressione “certa gente” non era riferita all’intero consiglio comunale ma significava prendere le distanze da certi atteggiamenti legati a gettonopoli e che ha voluto ricordare che è stato proprio D’Alia a dire che si devono dimettere tutti i consiglieri. Non è mancata neanche la replica a Zuccarello, etichettato come colui che si era presentato come la politica nuova che che si voleva staccare dal Pd genovesiano e che invece non ha perso un attimo per seguire proprio Genovese.

Durante il dibattito c’è stato anche chi ha parlato di azzeramento delle commissioni e dell’ufficio di presidenza, a tirare fuori l’argomento il vicepresidente del consiglio Nino Interdonato che non ha gradito il documento della collega Lucy Fenech e ha ufficialmente dichiarato di non avere intenzione di lasciare il suo posto finché non saranno i partiti che lo hanno eletto a chiederglielo. E anche la capogruppo Ncd Daniela Faranda non ha gradito di essere stata tirata in ballo dalla Fenech, nonostante la sua richiesta di azzeramento degli uffici di presidenza, e ha detto a gran voce di non avere intenzione di farsi tirare dalla giacca su decisioni non condivise e non concordate.

Qualcuno ad un certo punto ha cercato di riportare la discussione sui temi che più riguardano da vicino i messinesi, Libero Gioveni ha ricordato la nuova emergenza idrica che dovrebbe spingere ad una reale trattazione della questione, Nora Scuderi ha poi portato l’aula a votare per riprendere la discussione dai punti all’ordine del giorno, soprattutto quel contratto di servizio Atm che poteva essere trattato, vista la presenza in aula dell’assessore Cacciole e del dirigente alla Mobilità Mario Pizzino. Ma proprio su questa votazione è caduto il numero legale e così si sono ritrovati a dover rimanere in silenzio anche gli assessori Cacciola e Perna che avrebbero voluto replicare al duro attacco frontale subìto in aula.

«E’ scandaloso, abbiamo atteso fino alla fine per poter parlare e non ne abbiamo avuto l’opportunità. Volevamo spiegare che la trasmissione di ieri si è rivelata una trappola anche per il sindaco che si è trovato suo malgrado a doversi giustificare di un caso che non è certo imputabile a questa amministrazione» ha commentato Perna.

«Questo è il solito comportamento, i consiglieri parlano contro di noi, possono dirci di tutto, ma non riescono ad accettare nessun tipo di replica. I toni e le modalità usati non sono confacenti ad un luogo come questo. Non si può urlare a squarciagola pensando così di essere presi più in considerazione, sono state dette tante cose fuori luogo, avremmo voluto semplicemente replicare».

E invece nessuna replica è stata concessa agli assessori. Seduta andata a vuoto e uno strascico di profonda amarezza, uno spettacolo indecoroso e figlio di una situazione ormai insostenibile dentro il Palazzo. Un corto circuito che difficilmente porterà qualcosa di buono alla città.

Francesca Stornante

Tag:

26 commenti

  1. Siamo al capolinea, ma nessuno dei viaggiatori vuole scendere da un autobus mezzo sgangherato, che ha dovuto attraversare un percorso disagiato, pieno di buche. Ad inizio , ognuno portava con se la voglia di arrivare al traguardo dopo aver fatto tappe per sistemare il percorso che altri avevano danneggiato, ognuno si credeva bene attrezzato, a cominciare dal conducente, che al momento della partenza chiedeva accoratamente la fattiva collaborazione dei viaggiatori. Purtroppo il viaggio si rivelava più periglioso di quanto si era valutato alla partenza. Il conducente ogni tanto sbandava, i suoi assistenti, arrancavano come potevano, persino il motorista sbagliava a mettere a punto il mezzo, e i viaggiatori non trovavano più ne il modo d,agire

    0
    0
  2. Siamo al capolinea, ma nessuno dei viaggiatori vuole scendere da un autobus mezzo sgangherato, che ha dovuto attraversare un percorso disagiato, pieno di buche. Ad inizio , ognuno portava con se la voglia di arrivare al traguardo dopo aver fatto tappe per sistemare il percorso che altri avevano danneggiato, ognuno si credeva bene attrezzato, a cominciare dal conducente, che al momento della partenza chiedeva accoratamente la fattiva collaborazione dei viaggiatori. Purtroppo il viaggio si rivelava più periglioso di quanto si era valutato alla partenza. Il conducente ogni tanto sbandava, i suoi assistenti, arrancavano come potevano, persino il motorista sbagliava a mettere a punto il mezzo, e i viaggiatori non trovavano più ne il modo d,agire

    0
    0
  3. La posizione politica dei con nsiglieri indagati e dei “cambiacasacca” è da stralciare rispetto a chiunque altro abbia mantenuto un minimo di dignità politica.
    Non avete credibilità. La vostra scorrettezza ve l’ha sottratta.
    Inutile tentare di fare di tutta l’erba un fascio in questo tutti contro tutti.
    Fa comodo solo a chi come voi vorrebbe foste posti tutti sul medesimo piano per ripartire poi al prossimo turno elettorale.
    Avete distrutto una città voi i vostri amici indagati ed i capoccia romani che tirano le vostre fila.

    Salvatore

    0
    0
  4. La posizione politica dei con nsiglieri indagati e dei “cambiacasacca” è da stralciare rispetto a chiunque altro abbia mantenuto un minimo di dignità politica.
    Non avete credibilità. La vostra scorrettezza ve l’ha sottratta.
    Inutile tentare di fare di tutta l’erba un fascio in questo tutti contro tutti.
    Fa comodo solo a chi come voi vorrebbe foste posti tutti sul medesimo piano per ripartire poi al prossimo turno elettorale.
    Avete distrutto una città voi i vostri amici indagati ed i capoccia romani che tirano le vostre fila.

    Salvatore

    0
    0
  5. in sintesi,ieri a questi signori gli abbiamo pagato il gettone di presenza per discutere di gettonopoli e non dei problemi dei cittadini?

    0
    0
  6. in sintesi,ieri a questi signori gli abbiamo pagato il gettone di presenza per discutere di gettonopoli e non dei problemi dei cittadini?

    0
    0
  7. E che aspettano a dimettersi tutti? L’ordine dall’alto?
    Dignità zero.

    0
    0
  8. E che aspettano a dimettersi tutti? L’ordine dall’alto?
    Dignità zero.

    0
    0
  9. Ci lamentiamo sempre che ci chiamano “buddaci”. Il contrario del significato di tale termine potrebbe essere “uomo tutto di un pezzo”. Dei nostri ineffabili Consiglieri comunali quanti potrebbero essere annoverati in questa categoria?
    Presumo pochi, il che conferma il famoso appellativo.
    Meditate, gente, meditate prima di scagliarvi contro chi osa “ingiuriare” i prodi Messinesi …

    0
    0
  10. Ci lamentiamo sempre che ci chiamano “buddaci”. Il contrario del significato di tale termine potrebbe essere “uomo tutto di un pezzo”. Dei nostri ineffabili Consiglieri comunali quanti potrebbero essere annoverati in questa categoria?
    Presumo pochi, il che conferma il famoso appellativo.
    Meditate, gente, meditate prima di scagliarvi contro chi osa “ingiuriare” i prodi Messinesi …

    0
    0
  11. Se amiamo Messina abbiamo il dovere di cacciare questi xxxxxxxxxxxx

    0
    0
  12. Se amiamo Messina abbiamo il dovere di cacciare questi xxxxxxxxxxxx

    0
    0
  13. HO AVUTO CARISSIMI AMICI CANDIDARSI CON PARTITI DALLA DESTRA ,I QUALI I VOTI NEANCHE MELO CHIEDEVANO,PERCHè SAPEVANO CHE VOTAVO LA SINISTRA.NORMALMENTE DOVREBBE FUNZIONARE COSì,NON VOTI SOLO LA PERSONA ,MA ANCHE IL PROGRAMMA POLITICO E GLI IDEALI DEL SUO PARTITO.NON SORRIDETE,SE PARLO DI IDEALI E PROGRAMMI,GUARDATE INVECE COME è RIDOTTA mESSINA

    0
    0
  14. HO AVUTO CARISSIMI AMICI CANDIDARSI CON PARTITI DALLA DESTRA ,I QUALI I VOTI NEANCHE MELO CHIEDEVANO,PERCHè SAPEVANO CHE VOTAVO LA SINISTRA.NORMALMENTE DOVREBBE FUNZIONARE COSì,NON VOTI SOLO LA PERSONA ,MA ANCHE IL PROGRAMMA POLITICO E GLI IDEALI DEL SUO PARTITO.NON SORRIDETE,SE PARLO DI IDEALI E PROGRAMMI,GUARDATE INVECE COME è RIDOTTA mESSINA

    0
    0
  15. Cari messinesi, NON FACCIAMOCI INGANNARE da QUESTA GENTE, fra qualche ora avranno il Consuntivo 2014 e il Previsionale 2015, votando quelle cifre ratificano l’indirizzo politico di RENATO sindaco nei due anni in questione, se li approvano per il bene di Messina, quelle cifre sono il bene di Messina, altrimenti devono respingerle, mettendo termine a questa esperienza di cui a parole vogliono scrivere la parola FINE. NON FACCIAMOCI INGANNARE. L’arrivo dei Commissari complicherà le cose a chi vuole riconquistare Messina, non conviene a nessuno, perché non si ricorrerà più ad anticipazioni, gli stipendi saranno pagati con ritardo, anche le cooperative sociali, ci saranno disordini sociali, e rimpiangeremo quel poco di spazzatura per le strade.

    0
    0
  16. Cari messinesi, NON FACCIAMOCI INGANNARE da QUESTA GENTE, fra qualche ora avranno il Consuntivo 2014 e il Previsionale 2015, votando quelle cifre ratificano l’indirizzo politico di RENATO sindaco nei due anni in questione, se li approvano per il bene di Messina, quelle cifre sono il bene di Messina, altrimenti devono respingerle, mettendo termine a questa esperienza di cui a parole vogliono scrivere la parola FINE. NON FACCIAMOCI INGANNARE. L’arrivo dei Commissari complicherà le cose a chi vuole riconquistare Messina, non conviene a nessuno, perché non si ricorrerà più ad anticipazioni, gli stipendi saranno pagati con ritardo, anche le cooperative sociali, ci saranno disordini sociali, e rimpiangeremo quel poco di spazzatura per le strade.

    0
    0
  17. Perché non dimostrano con le dimissioni che non sono attaccati al gettone di presenza. Ieri per difendersi dalle accuse, giuste, gridate da tutte le parti erano tutti presenti, guarda caso quando si doveva cominciare a produrre qualcosa per la città e per i cittadini è caduto il numero legale.Cosa che succede spesso

    0
    0
  18. Perché non dimostrano con le dimissioni che non sono attaccati al gettone di presenza. Ieri per difendersi dalle accuse, giuste, gridate da tutte le parti erano tutti presenti, guarda caso quando si doveva cominciare a produrre qualcosa per la città e per i cittadini è caduto il numero legale.Cosa che succede spesso

    0
    0
  19. Ma quando parlano di gran lavoro fatto a cosa si riferiscono? Non ho contezza di cosa abbiano prodotto in questi anni questi signori.

    0
    0
  20. Ma quando parlano di gran lavoro fatto a cosa si riferiscono? Non ho contezza di cosa abbiano prodotto in questi anni questi signori.

    0
    0
  21. sergio indelicato 22 Dicembre 2015 12:41

    Se ci fosse un minimo di dignità politica bisognerebbe porre fine a questa esperienza politica e alle prossime elezioni non andare a votare nessuno ( ne di destra , ne di sinistra ne di sotto o a fianco), Credo che solo così si può dare una forte scossa alla città.
    Caso contrario ognuno tirerà la propria carretta e coltivare il proprio orticello. Ma l’acqua sale inesorabilmente…

    0
    0
  22. sergio indelicato 22 Dicembre 2015 12:41

    Se ci fosse un minimo di dignità politica bisognerebbe porre fine a questa esperienza politica e alle prossime elezioni non andare a votare nessuno ( ne di destra , ne di sinistra ne di sotto o a fianco), Credo che solo così si può dare una forte scossa alla città.
    Caso contrario ognuno tirerà la propria carretta e coltivare il proprio orticello. Ma l’acqua sale inesorabilmente…

    0
    0
  23. Vladimiro Putin 22 Dicembre 2015 14:26

    Ma come? Ancora parlano? Indagati, voltagabbana e nullafacenti. Certa gente è senza pudore.

    0
    0
  24. Vladimiro Putin 22 Dicembre 2015 14:26

    Ma come? Ancora parlano? Indagati, voltagabbana e nullafacenti. Certa gente è senza pudore.

    0
    0
  25. Appena dobbiamo parlare di fatti cade il numero legale. Questi sono i personaggi che ammorbano il civico consesso.

    0
    0
  26. Appena dobbiamo parlare di fatti cade il numero legale. Questi sono i personaggi che ammorbano il civico consesso.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x