Authority: su Mega presidente i "no" alla Camera anche in casa 5Stelle - Tempostretto

Authority: su Mega presidente i “no” alla Camera anche in casa 5Stelle

Rosaria Brancato

Authority: su Mega presidente i “no” alla Camera anche in casa 5Stelle

giovedì 03 Ottobre 2019 - 09:58

In Commissione Germanà ribadisce: due Regioni contrari. E la 5stelle Raffa rincara: "Se la Consulta dà ragione alla Calabria salta tutto"

Per quanto sia scontato il prossimo voto della Commissione Trasporti alla Camera, nella seduta di ieri non sono mancati i malumori alla nomina di Mario Paolo Mega alla presidenza dell’Authority dello Stretto.

Malumori in casa 5stelle

L’ok alla presidenza Mega, peraltro nonostante il parere contrario delle due Regioni interessate (la Regione Siciliana relativamente al curriculum, mentre la Regione Calabria ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale) è stato rinviato alla prossima settimana, ma le voci di dissenso si sono fatte sentire. Ed almeno una, quella della deputata Angela Raffa, è in casa M5S.

Ieri quindi l’audizione in sede di Commissione, durante la quale il presidente Mega, scelto dall’ex ministro Toninelli, ha illustrato quelle che saranno le strategie da portare avanti per l’AP dello Stretto che comprende i porti di Messina, Milazzo, Reggio Calabria e Villa San Giovanni.

Il no di Sicilia e Calabria

Sulla proposta di nomina, come si ricorderà, non è stata raggiunta l’intesa con le Regioni Calabria e Sicilia ed anche la procedura prevista per il superamento del dissenso è stata infruttuosa. Il 6 agosto il Consiglio dei ministri non ha accolto l’opposizione della Regione Siciliana sposando la tesi del Ministero dei Trasporti e confermando la presidenza di Mega.

Tesi ribadita anche ieri in sede di Commissione.

Il governo: Mega è competente

Circa la competenza in materia dell’ingegner Mega si è laureato in Ingegneria Civile Idraulica nel 1985. Ha svolto sin dal 2003 il ruolo di dirigente tecnico di Autorità con competenza anche sulla Pianificazione Strategica e sull’Innovazione Tecnologica. Dal 2015 al 2017 è stato Segretario Generale facente funzioni e poi segretario generale ad interim dell’Autorità portuale di Bari. È stato nel 2017, Segretario generale ad interim della soppressa Autorità Portuale di Manfredonia. Attualmente è direttore del dipartimento Sviluppo e Innovazione Tecnologica dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale”.

Il sì di D’Uva

A evidenziare la competenza, anche specifica di Mega, per ricoprire il ruolo di Presidente dell’Authority dello Stretto è stato il capogruppo del M5S Francesco D’Uva, che ha sottolineato i punti qualificanti del curriculum.

Il no di Musumeci

Il governatore Musumeci aveva espresso parere negativo in quanto in base al curriculum la comprovata esperienza e qualificazione professionale di Mega appariva “principalmente riconducibile ad ambiti tecnici (infrastrutture, manutenzione e ambiente. Inoltre non ha mai espletato incarichi professionali in strutture portuali riconducibili all’area dello Stretto, con evidente pregiudizio per la soluzione delle complesse problematiche connesse al territorio”.

Germanà: contro 2 Regioni

La posizione della Regione Siciliana è stata respinta ad agosto dal governo nazionale ma a sostenerla in Commissione Trasporti è stato il deputato messinese Nino Germanà:Ci sono lacune che riguardano proprio la specificità dell’AP dello Stretto. Ma quel che è più preoccupante è che il governo si ostini a imporre un presidente nonostante l’opposizione delle due Regioni coinvolte: la Sicilia e la Calabria”.

Il no della 5Stelle Raffa

Proprio questo secondo aspetto è stato ricordato dalla deputata messinese pentastellata Angela Raffa (che va quindi controcorrente rispetto alla posizione ufficiale del suo partito): “Il 28 gennaio 2020 si terrà l’udienza presso la Corte Costituzionale del ricorso presentato dalla regione Calabria. Se venisse accolto, salterebbe tutto. Ritengo sia il caso di trovare un accordo con le regioni e scongiurare tale ipotesi. Non si può andare avanti con uno stato che fa causa a sè stesso, pagando ricche parcelle ad avvocati scelti dai politici, litigando sulla pelle e l’economia di cittadini e territorio”.

Il voto della Commissione sarà l’8 ottobre.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007