Avvocati Messina: per far ripartire giustizia puntare su edilizia giudiziaria - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Avvocati Messina: per far ripartire giustizia puntare su edilizia giudiziaria

Alessandra Serio

Avvocati Messina: per far ripartire giustizia puntare su edilizia giudiziaria

martedì 23 Giugno 2020 - 17:54
Avvocati Messina: per far ripartire giustizia puntare su edilizia giudiziaria

Gli avvocati di Messina spingono per la ripartenza della giustizia, ancora paralizzata nella fase 2 dopo l'emergenza coronavirus

Puntare sull’edilizia giudiziaria, accelerando sul palagiustizia e riaprendo i tribunali periferici, per far ripartire la giustizia a Messina, ancora ferma nella fase 2 dopo l’emergenza coronavirus.

E’ questa la proposta che è arrivata dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Messina e dall’Organismo congressuale forense, che hanno promosso l’incontro “L’avvocatura italiana per i diritti di tutti – delegittimata – paralizzata – indifesa: salviamo la Giustizia”

Al tavolo con il presidente dell’Ordine di Messina Mimmo Santoro e il segretario dell’Organismo congressuale forense Vincenzo Ciraolo c’erano anche il presidente dell’Ordine di Patti Franco Pizzuto e Antonio Centorrino per l’Unione dei Fori siciliani.

“Proprio in questi giorni si discute delle riaperture delle cancellerie, e si pensa ai turni su i due giorni a settimana. Ma per garantire sicurezza pur riprendendo a lavorare la soluzione c’è, ed è spingere sull’adeguamento dell’edilizia giudiziaria. Recuperando spazio, i cancellieri possono lavorare in maniera adeguata. Si possono poi riaprire le sedi periferiche. Penso al Tribunale di Taormina, che è stato accorpato a Messina, dove peraltro già gli spazi non erano adeguati prima e dove adesso i fascicoli sono ammassati a migliaia. Per riaprire le sedi periferiche non sarebbe necessario neppure impiegare ulteriore personale, visto che quello prima lì destinato è stato spostato a Messina”, ha detto il presidente Santoro, ricordando che “prima di prevedere lo smartworking anche per cancellerie e giudici avrebbero dovuto verificare che funzionasse, così non è stato.”

Al centro del dibattito non ci sono state soltanto le problematiche locali ovviamente. “E’ un problema nazionale”, ha ricordato il segretario Ciraolo “Non aver adottato misure unitarie per far fronte all’emergenza vuol dire rendere problematico il lavoro degli avvocati nei vari fori italiani, col risultato che a perderci è sempre il cittadino”.

“E‘ una battaglia che vede l’avvocatura unita in tutte le sue componenti, quella per ripristinare il funzionamento della giustizia, ancora paralizzato“, ha detto il presidente Pizzuto, al quale ha fatto eco l’avvocato Centorrino.

Oggi, quindi, sono stati ribaditi i problemi sempre più grossi che la mancata ripartenza della giustizia sta creando. Problemi che si ingrossano via via che si protraggono nel tempo. Una situazione che tutte le componenti dell’Avvocatura hanno più volte denunciato, proponendo anche diverse soluzioni concrete per il superamento. Soluzioni che il Guardasigilli non sembra ancora voler considerare.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007