Il caso della mancata difesa al Cga "scuote" palazzo Zanca: avvocati invitati ad una maggiore tempestività nelle comunicazioni - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il caso della mancata difesa al Cga “scuote” palazzo Zanca: avvocati invitati ad una maggiore tempestività nelle comunicazioni

ELENA DE PASQUALE

Il caso della mancata difesa al Cga “scuote” palazzo Zanca: avvocati invitati ad una maggiore tempestività nelle comunicazioni

martedì 10 Gennaio 2012 - 00:28
Il caso della mancata difesa al Cga “scuote” palazzo Zanca: avvocati invitati ad una maggiore tempestività nelle comunicazioni

Dopo l’incredibile vicenda che ha visto Palazzo Zanca “scoperto” di qualsiasi difesa di fronte al ricorso presentato dalla Simei, il Capo di Gabinetto del sindaco ha richiesto al dirigente dell’Avvocatura di predisporre una circolare in cui si invitano tutti i difensori dell’Ente a comunicare eventuali notifiche per dare tempo all’amministrazione di predisporre tutti gli atti opportuni e necessari

Un calendario ben definito, che a tappeto permetterà di “soddisfare” le necessità delle sei circoscrizioni cittadine. Parliamo degli interventi manutentivi agli impianti di pubblica illuminazione che nelle prossime settimane e fino ad inizio febbraio, verranno effettuati dagli operai della ditta Aristea Service che nel luglio scorso si è aggiudicata il servizio l’appalto di 5 milioni di euro. Si parte da IV e V circoscrizione per poi procedere nei restanti quartieri. La speranza è che la tabella di marcia (SU APPROFONDIMENTO TUTTE LE ZONE) venga rispettata, così da liberare tante strade dal buio in cui sono avvolte. Le perplessità però non mancano considerando che oggi come qualche mese fa, il numero degli operai (ricordiamo che una clausola contrattuale prevede il riassorbimento di altri lavoratori dell’ex-ditta Schipani), rimane nettamente ridotto rispetto alle esigenze di un territorio vasto come quello di Messina.

Dubbi a parte, sull’altro fronte dell’ “illuminato caso”, quello legale, occorre fare un breve riepilogo e qualche aggiunta. Nelle scorse settimane (vedi articoli correlati) abbiamo dato notizia del doppio ricorso presentato dalla ditta classificatasi seconda nella gara d’appalto, la Simei. Quest’ultima ha inoltrato al Tar richiesta di annullamento, previa sospensiva, dei provvedimenti di aggiudicazione e dei verbali di gara relativi all’affidamento. Di fronte al rigetto del Tribunale amministrativo, l’impresa ha impugnato la sentenza presso il Cga di Palermo ottenendo stavolta parere favorevole. Una vittoria tutto sommato facile se si considera che nell’udienza del 29 settembre, l’amministrazione comunale più che essere indifendibile è stata letteralmente “indifesa”, ovvero non legalmente tutelata. Ed è forse questo l’aspetto veramente paradossale della vicenda, perché l’avviso inoltrato dall’avv. Giulia Carrara (componente del Collegio di difesa e difensore innanzi al Tar nella seduta dell’8 settembre) agli Uffici dell’Avvocatura, in cui si comunicava la mancata abilitazione alla difesa presso il Cga, è avvenuto esattamente due giorni prima dell’udienza, ovvero il 27 settembre. Un “gap” temporale che dunque è valso al Comune la non difesa di fronte al Consiglio di Giustizia Amministrativa, nonostante l’incarico fosse stato affidato dall’Avvocatura con procura d’urgenza il 29 settembre. Un’urgenza purtroppo già abbondantemente scaduta.

La vicenda è stata oggetto di interrogazione (datata 19 novembre) da parte del consigliere di Fli, Nello Pergolizzi, in cui è stata chiesta l’individuazione dei responsabili del conferimento dell’incarico ad un legale, appunto la Carrara, non abilitata alla difesa al Cga. Secondo quanto sostenuto dal consigliere, infatti, la delicatezza della “pratica” avrebbe già dovuto far pensare “ad un esame e ad una trattazione anche da parte del Consiglio di giustizia amministrativa”. A rispondere, per nome e per conto del sindaco (che detiene la delega all’Avvocatura) è il Capo di Gabinetto Antonio Ruggeri. Quest’ultimo, nell’evidenziare la tempestiva costituzione in giudizio dell’avvocato Carrara innanzi al Tar, sottolinea che “contrariamente a quanto sostenuto, non è assolutamente previsto che l’incarico in oggetto fosse destinato ad una trattazione al Cga”. Ruggeri esclude inoltre la possibilità di qualsivoglia risarcimento da parte dei responsabile della nomina, come invece sostenuto da Pergolizzi, per un motivo ben preciso: “A prescindere dalla poco tempestiva comunicazione (dell’avv. Carrara, ndr) avente ad oggetto la richiesta di provvedere alla nomina di un difensore abilitato al patrocinio innanzi alle giurisdizioni superiori, l’ATI Aristea, contro interessata, si è costituita con controricorso e memoria difensiva del prof. Fabio Saitta, il cui contenuto è in perfetta aderenza alla posizione del Comune, le cui ragioni sono state, pertanto, tutte rappresentate al Cga cui era noto il contenuto delle difese del Comune innanzi al Tar. In ogni caso – aggiunge Ruggeri – è ancora pendente il giudizio innanzi al Tribunale amministrativo e pertanto non può in alcun modo ritenersi definita la vicenda de qua”.

Secondo quanto emerge, dunque, a detta del Capo di Gabinetto nel caso specifico palazzo Zanca è riuscito a difendersi, anzi ad “autodifendersi”, pur non avendo alcun legale a rappresentarlo. E tuttavia, per le prossime volte, meglio non farsi cogliere alla sprovvista: “Per evitare che possano verificarsi ulteriori simili evenienze – conclude Ruggeri – sarà richiesto al Dirigente dell’Avvocatura di inviare a tutti i difensori dell’Ente una circolare con espresso sollecito a comunicare con tempestività (comunicare eventuali urgenze) le notifiche dalle quali discende la necessità di provvedere all’emissione di conseguenti provvedimenti di competenze dell’amministrazione”. Un ben preciso invito a stare “svegli” quello rivolto da Ruggeri, ovvero dal Sindaco, ai legali “di fiducia”, e nello specifico del Collegio di Difesa, dell’Ente, per evitare sgradite sorprese. Insomma, visto l’argomento, più illuminazione per tutti, sia ante che post. (ELENA DE PASQUALE)

Tag:

4 commenti

  1. sig Buzzy ,questo è il risultato dei soldi che lei ha voluto dare a tutti i consulenti.Loro intascano ed il comune e quindi i cittadini pagano . Non è più semplice che il comune si difenda attraverso i suoi legali? e se il caso di volta in volta nomini un avvocato esterno,esperto nel contenzioso?

    0
    0
  2. La mia proposta è AZZERARE il collegio di difesa del Comune, affidare a giovanissimi e preparati avvocati,che si impegnano a lavorare in esclusiva per palazzo Zanca, previo un compenso mensile fisso predefinito,in relazione alla quantità e qualità delle cause in cui palazzo Zanca è coinvolto,fino a conclusione del giudizio,che se positivo per il Comune vedrà aggiornato il compenso secondo le tariffe previste,altrimenti NO.
    Trovare AVVOCATI disponibili non sarà difficile, visto che Messina ne ha in proporzione agli abitanti il numero più alto.

    0
    0
  3. io non capisco perchè questi individui che vengono pagati solo e soltanto per fare il loro lavoro, non debbano rispondere dei propri errori anche in considerazione del fatto che i soldini con cui vengono pagati sono versati da tutti i cittadini, o perlomeno da coloro che le tasse le pagano; quando finalmente ci saranno le elezioni comunali voglio proprio vedere chi avrà il coraggio di ricandidarsi e sopratutto se ci saranno i soliti “idioti” che li voteranno!!!

    0
    0
  4. Caro capo gabinetto ma è possibile che il sindaco e lei non vi siete resi conto che il 90% dei v/s dirigenti sono una massa di incompetenti ++++++ ecc ecc ma che volete da questi undividui il loro problema è aspettare fine mese facendo passerella lungo i corridoi e se vai a chiedere qualcosa ti senti rispondere che la pratica segue l’ordine cronologico e che su quel problema tu non ci dormi mentre loro poverini ci si adagiano sopra e non si sveglia

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x