“Bike to Work” a Messina. 70 biciclette elettriche e agevolazioni per chi le usa - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Bike to Work” a Messina. 70 biciclette elettriche e agevolazioni per chi le usa

Emanuela Giorgianni

“Bike to Work” a Messina. 70 biciclette elettriche e agevolazioni per chi le usa

venerdì 07 Agosto 2020 - 14:26
“Bike to Work” a Messina. 70 biciclette elettriche e agevolazioni per chi le usa

Università e Comune insieme per una città ecosostenibile. Tanti incentivi per chi utilizzerà le bici a pedalata assistita per andare a lavoro e in Ateneo.

Presenti il Sindaco Cateno De Luca, il Rettore Salvatore Cuzzocrea e il Vice Sindaco Carlotta Previti, il Comune di Messina e l’Università degli Studi di Messina hanno presentato oggi nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, l’iniziativa “Bike to Work”. All’incontro con la stampa hanno partecipato anche Massimo Villari, delegato ICT per l’Università, il mobility manager Silvana Mondello e il RUP degli interventi Giuseppe Messina.

Il progetto

L’evento, inserito all’interno del progetto “Messina – A scuola e al lavoro con il Trasporto Pubblico Locale. Iniziative per promuovere la mobilità sostenibile”, è finanziato nell’ambito del programma sperimentale del Ministero dell’Ambiente Casa-Scuola – Casa-Lavoro. Il progetto, redatto dal Comune di Messina in partenariato con l’Università degli Studi di Messina e l’A.T.I. Euromobility-CRAS s.r.l., coinvolge gli enti pubblici, le aziende, gli ordini professionali, le associazioni di categoria e gli istituti scolastici della città al fine di sensibilizzare tutti i potenziali utenti all’uso di mezzi di trasporto sostenibile.

“Bike to Work” prevede il riconoscimento di incentivi agli utenti che utilizzino una bicicletta elettrica a pedalata assistita (e-bike) per recarsi sul luogo di studio/lavoro. Le agevolazioni previste sono offerte a fronte di un impiego sistematico (dimostrato tramite sistema IoT di tracciamento collocato sul mezzo) della e-bike per gli spostamenti di studio/lavoro.

70 biciclette

Il Comune di Messina ha acquistato 70 biciclette a pedalata assistita e le mette a disposizione dei lavoratori/studenti maggiorenni che hanno effettuato la richiesta tramite l’innovativa piattaforma informatica basata su blockchain Ethereum raggiungibile all’indirizzo “www.muovime.it”, sviluppata dall’Università degli Studi di Messina. L’infrastruttura informatica predisposta si inquadra all’interno delle direttive Europee riguardanti le infrastrutture Cloud e Edge per le Smart Cities nell’ambito della Smart Mobility, utili ad ottimizzare i processi della pubblica amministrazione.

Rilanciare la città

“Il progetto odierno – ha dichiarato il Sindaco De Luca – è un esempio di una serie di azioni che tendono a sradicare certi malcostumi del passato per giungere ad un obiettivo che è quello di rendere Messina una città normale. Stiamo lavorando su un doppio binario, da un lato infatti sradicare tutto ciò che è stato fatto e dall’altro attraverso un’azione sinergica, accompagnata da una strategia d’intenti, avviare programmi di rilancio. Nella fattispecie il piano per incentivare l’utilizzo della bici, quale mezzo di trasporto ecosostenibile, è una prima fase che deve essere un segnale concreto di come indirizzarci verso comportamenti che devono diventare normali. È l’inizio che deve condurre ad altri istituti da applicare su più fronti e ad altri comportamenti normali per una città. Proseguiremo pertanto non soltanto a sdradicare ciò che di brutto abbiamo ereditato ma nello stesso tempo dobbiamo pensare al dopo, lavorando ad una strategia comune al fine di consegnare percorsi di progettualità e di rilancio della nostra città, e ringrazio tutti coloro che stanno lavorando in quest’ottica”.

Politica di sostenibilità

Il Magnifico Rettore Cuzzocrea ha evidenziato che: “L’UniMe è al servizio dell’Istituzione, l’ho dichiarato dal primo giorno e credo che ormai sia chiara a tutti la volontà dell’Università di collaborare con questa Amministrazione e con tutte le Istituzioni. In questo caso abbiamo sviluppato un’app, rendendo possibile a tutti coloro che lo volevano di selezionare con un clic la bicicletta e l’app verificherà se chi l’ha selezionata la utilizzerà da casa a scuola o da casa al lavoro. Laddove non sarà accertato l’utilizzo, dopo l’invio di un allert, la bicicletta sarà ritirata. L’iniziativa rientra in una politica di sostenibilità promossa dal Ministero, nell’ambito di un progetto di ricerca che ha visto nel professore Villari l’artefice per conto dell’Università al fine di realizzare tutta la parte di supporto informatico e nella professoressa Adele Marino, a cui va il mio ringraziamento, per avere messo in piedi la collaborazione e la gestione di questa prima iniziativa alla quale sono certo ne seguiranno altre perché dobbiamo incentivare il trasporto sostenibile soprattutto in una città bella come la nostra e con un clima favorevole che va tutelato”.

Comune e Università insieme

“Oggi noi stiamo inaugurando – ha sottolineato il Vice Sindaco Carlotta Previti – un progetto finanziato nell’ambito di un programma sperimentale per incentivare la mobilità sostenibile del Ministero Ambiente, un progetto che vede coinvolti in prima linea l’Università ed il Comune di Messina per tracciare l’inizio di un percorso che deve incentivare, a partire dalle nostre risorse umane, i nostri impiegati, l’uso al mezzo sostenibile soprattutto nel tragitto da casa al lavoro. Attraverso questo finanziamento abbiamo acquistato un primo stock di biciclette elettriche che metteremo, tramite una piattaforma, a disposizione degli impiegati degli enti pubblici qui rappresentati e degli studenti universitari. Il sistema permette di controllare il tragitto percorso dal beneficiario del mezzo di trasporto che dovrà essere utilizzato per gli spostamenti casa – lavoro. Si tratta quindi di un modo per ricominciare a rendere familiare l’uso di mezzi di trasporto sostenibile che da noi, a differenza del nord, non rientra nella consuetudine. Cominciamo dai nostri impiegati per dare il buono esempio, credo sia uno di quei programmi che probabilmente vedrà un prosieguo anche negli anni a venire. Sono particolarmente contenta di vedere ancora una volta in sinergia il Comune e l’Università, sinergia che ormai da due anni ha rafforzato la collaborazione con il coinvolgimento in una serie di progetti ed iniziative soprattutto sul tema dell’innovazione tecnologica e delle Smart Cities, e oggi siamo particolarmente lieti di inaugurare insieme questo progetto. Ovviamente il sistema per concedere le biciclette è tracciato attraverso una piattaforma, ma i mezzi saranno concessi con una rotazione temporanea”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. C’è un grosso problema di cultura che mai troverà soluzione ossia adeguate corsie per le biciclette e soprattutto libere da veicoli. Già la precedente amministrazione in occasione della vittoria di Nibali al tour de france aveva istituito delle corsie che definirle tali era osceno. Tantomeno c’è stata una politica di repressione contro l’occupazione della corsia ciclabile da parte del sindaco pseudo ecologista.

    2
    1
  2. Quando l’aveva proposta Accorinti la ritenevano un idea bizzarra che solo un pacifista scalzo come lui poteva proporre. Oggi e diventata una genialata. Date a Cesare quello che è di Cesare e ogni tanto invece di sputare sentenze date pure qualche merito invece di rubare le idee altrui

    5
    6
    1. Avere buone idee e non metterle in pratica è come non avere nessuna idea.

      1
      1
      1. Almeno lui si e messo in gioco e dopo 15 anni di commissariamenti il suo mandato lo ha concluso. Vedi Genovese e Buzzanca 10 anni di commissario

        0
        0
        1. Se ancora a Messina c’è qualche nostalgico della precedente amministrazione allora siamo alla frutta. Caro amico io intanto non ho fatto nomi a differenza sua, tantomeno giustifico le amministrazioni da lei menzionate. Ma difendere la precedente amministrazione ce ne vuole.

          0
          0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007