Bisconte. “Non solo migranti ed ex caserma”: i consiglieri chiedono nuovi interventi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Bisconte. “Non solo migranti ed ex caserma”: i consiglieri chiedono nuovi interventi

Emanuela Giorgianni

Bisconte. “Non solo migranti ed ex caserma”: i consiglieri chiedono nuovi interventi

martedì 25 Agosto 2020 - 10:41
Bisconte. “Non solo migranti ed ex caserma”: i consiglieri chiedono nuovi interventi

I consiglieri Cacciotto e Gioveni invitano il Sindaco ad un tour del Villaggio di Bisconte per scoprirne le altre problematiche che necessitano di intervento.

Nelle ultime settimane il Villaggio di Bisconte, come non mai, è quasi quotidianamente sotto i riflettori, comunali, regionali e nazionali per la famosa vicenda legata alla ex caserma ed ai migranti. Ma Bisconte non è soltanto questo. I consiglieri Alessandro Cacciotto (Terza Municipalità) e Libero Gioveni (Consiglio Comunale) invitano, per questo motivo, il Sindaco ad un tour del Villaggio.

Il futuro della Caserma Gasparro

“Ci fa piacere che finalmente la politica sia locale che nazionale passando per quella regionale abbia finalmente preso contezza di un problema, l’inidoneità della ex struttura militare a fungere da centro migranti, che rappresentiamo, senza timore alcuno di essere smentiti, dal 2017.

Non pretendiamo certamente di avere sulla questione alcun diritto di esclusiva quanto piuttosto desidereremmo che, se la strada tracciata è quella della chiusura della ex caserma come centro migranti, e su questo come più volte detto siamo pienamente d’accordo, sulla caserma Gasparro il Sindaco avesse le idee chiare sul futuro dell’imponente struttura.

Futuro non significa solo buoni propositi quanto piuttosto un progetto di riconversione della struttura in centro polifunzionale: sportivo, culturale, ricreativo, sociale per i residenti e per l’intera città” affermano i consiglieri.

Secondo i consiglieri, “Affibbiare” al villaggio di Bisconte solo il problema migranti rischia di fare perdere di vista tante altre problematiche che il quartiere presenta e di cui ci dispiace constatare non sembrerebbero essere tra i pensieri del Sindaco, almeno quelli esternati attraverso documenti ufficiali o attraverso i social.

Ex polveriera di Bisconte

“Andiamo con ordine: Ex polveriera di Bisconte. Proprio di fronte all’impianto sportivo di calcio, fiore all’occhiello dell’impiantista sportiva messinese grazie ai lavori realizzati dalla società di calcio Camaro 1969, concessionario della struttura, sorge una ex polveriera risalente al 1887 che dalla Regione Siciliana ha ricevuto negli anni 90 la declaratoria di bene di rilevanza storica, artistica e culturale.

E’ sufficiente salire a Bisconte per rendersi conto dell’assoluto degrado che regna intorno alla struttura appartenente al demanio militare. Cosa chiediamo al primo cittadino? Di intervenire urgentemente con una bonifica dell’area nonché di predisporre presso gli organi competenti tutto quanto necessario affinché la struttura rientri nelle competenze e disponibilità del Comune di Messina.

La riqualificazione dell’area e della struttura militare rappresentano per il villaggio di Bisconte un assoluta necessità. Per onestà intellettuale sappiamo che l’Amministrazione recentemente ha iniziato ad occuparsi della questione ma ciò che chiediamo è che la vicenda venga affrontata con lo stesso vigore della ex caserma anche se, comprendiamo, non suscita lo stesso clamore mediatico” dichiarano.

Ex autorimessa delle poste

“Vicino la ex polveriera ma anche alla ex caserma è poi collocata una ex autorimessa delle poste ormai in disuso. Comprendiamo che non si tratta di una struttura di proprietà del Comune (ma non lo è neppure la ex caserma per intenderci) ma trattasi comunque di un immobile che sorge sul territorio comunale e che potrebbe essere acquisito dal Comune trasformandolo. Come? Nel tempo abbiamo proposto la realizzazione di parcheggi, di centro di protezione civile, centro culturale, ricreativo, sede della polizia municipale, ma anche alloggi. Ciò che ci rammarica è l’assoluto disinteresse. Una struttura megagalattica di 3700 mq ripartiti su due piani che sta praticamente cadendo a pezzi e che tra l’altro Poste Italiane diversi anni fa tentò di metterla in vendita affidando l’onere della trattativa alla società Europa Gestione Immobiliare di Roma” continuano.

Piazza Padri Passionisti

“Da tempo i residenti di Bisconte aspettano che l’unica piazzetta presente nel villaggio, Piazza Padri Passionisti di fronte la chiesa, abbia dei giochi per bambini. Ad oggi sono risultate vane le richieste inoltrate dalla Terza Municipalità e non solo anche dagli scriventi nonché del parroco di Bisconte.

I bambini di Bisconte non sanno dove andare a giocare perché non hanno nessuna piazza attrezzata”.

Area Verde

“A Bisconte non esiste una Area Verde quanto piuttosto l’area degradata di via Caltanissetta, che originariamente faceva parte del c.d. Ambito C del Risanamento e che doveva, a seguito dello sbaraccamento, essere destinata a parco attrezzato e verde pubblico. Basta farsi una passeggiata per accertare il degrado e l’abbandono che regna” spiegano ancora.

Le altre problematiche

“Alle questioni appena rappresentate si aggiungono altre problematiche legate alla vetustà dei sottoservizi, alla scarsamanutenzione delle strade, ai problemi di spazzamento, scerbatura.

Per onestà intellettuale la copertura del torrente su cui abbiamo speso, ovviamente non solo noi, anni di interventi e di battaglie, è certamente una conquista ed i lavori sembrano andare avanti in maniera spedita.

Non ci sottraiamo assolutamente alla collaborazione, per quanto di nostra competenza, con il primo cittadino, anzi, siamo pronti, per cominciare, a fare con lui e con chiunque volesse, un vero e proprio tour del villaggio per toccare con mano i problemi sopra rappresentati” concludono.


Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Spero veramente che questa dei consiglieri sia un’iniziativa genuina.
    Mi permetto di aggiungere:
    fate sentire la presenza delle istituzioni ed accertate che vengano rispettati i diritti di tutti gli assegnatari delle case popolari, che sono divenute nel tempo terra di nessuno.

    0
    0
  2. I solerti consiglieri comunali perché non vanno in viale principe Umberto e vedono le condizioni della strada?perché non girano per le strade della città e si rendono conto di come viene effettuata la pulizia da chi da loro il voto?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x