Furnari, ancora percolato nel torrente Mazzarrà. Ma la Regione è immobile - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Furnari, ancora percolato nel torrente Mazzarrà. Ma la Regione è immobile

Redazione Tirreno

Furnari, ancora percolato nel torrente Mazzarrà. Ma la Regione è immobile

giovedì 06 Aprile 2017 - 07:53
Furnari, ancora percolato nel torrente Mazzarrà. Ma la Regione è immobile

La discarica di Tirrenoambiente è ormai abbandonata a se stessa, e i liquami finiscono nel greto del torrente, per poi scendere verso la cittadina. Una situazione accertata dall'Arpa, e sempre più pericolosa. Ma le istituzioni non fanno nulla, e gli sversamenti continuano a minare l'ambiente

A pochi giorni di distanza dall’ennesima denuncia, il sindaco di Furnari Mario Foti si è recato sul greto del torrente Mazzarrà, per documentare lo sversamento di percolato della vicina discarica di Tirrenoambiente. Al fine di verificare l’esistenza di sostanze pericolose, il sopralluogo è stato effettuato insieme ad alcuni tecnici.

“In data odierna ARPA Messina ha confermato che si è realmente verificato lo sversamento del percolato nel greto del torrente” – ha dichiarato il primo cittadino – “questo grave evento comprova che, malgrado gli allarmi lanciati, nessuna autorità ha preso provvedimenti per evitare un potenziale disastro ambientale, soprattutto ai danni della comunità furnarese”.

Dalla comparazione della documentazione fotografica in possesso del sindaco emerge che gli scarichi abusivi accertati due anni orsono sono stati recentemente coperti e mascherati, probabilmente per nascondere le tracce. “Poiché nella fattispecie ricorrono ipotesi delittuose nonché illeciti amministrativi, chiediamo ancora una volta azioni penali, civili e disciplinari nei confronti di tutti coloro che, individualmente o in concorso tra loro, abbiano permesso che questo sconcertante episodio criminale potesse compiersi, nonostante le denunce”.

Foti chiede l’intervento immediato delle autorità e il commissariamento di Tirrenoambiente: “I fatti sono analoghi alla vicenda relativa alla discarica di Pietramelina, cui le autorità di Perugia hanno applicato misure cautelari ed il commissariamento giudiziale della società che gestiva l’invaso (GESENU spa, peraltro socia di TirrenoAmbiente), le cui azioni sono state sequestrate. Ciò è avvenuto dopo l’arresto del direttore tecnico ed il sequestro anche dei beni personali degli autori del danno”.

A sostegno di Foti interviene anche il M5s, che annuncia un’interrogazione al presidente Crocetta: “Vogliamo sapere quali interventi metterà in campo la Regione” – hanno dichiarato D’Uva, Villarosa e Zafarana – “fino ad oggi, la risposta delle Istituzioni a questa grave emergenza è sempre stata quella della mancanza di soldi, con un rimpallo senza fine di responsabilità. Ma com’è possibile che, per la salute dei cittadini e la salvaguardia dell’ambiente, non si riescano a trovare neanche 100 mila euro?”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007