Doppio accoltellamento alle Case Gialle: chiuso il cerchio su un minorenne - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Doppio accoltellamento alle Case Gialle: chiuso il cerchio su un minorenne

Veronica Crocitti

Doppio accoltellamento alle Case Gialle: chiuso il cerchio su un minorenne

sabato 17 Ottobre 2015 - 15:02
Doppio accoltellamento alle Case Gialle: chiuso il cerchio su un minorenne

Ha soltanto 16 anni il giovane messinese che, lo scorso 1 luglio, ha accoltellato a Bordonaro due suoi coetani e che adesso si trova a Gazzi con l’accusa di tentato omicidio, lesioni personali e porto abusivo di armi da tagli, aggravati dall’aver commesso i fatti per futili motivi. Quella sera erano stati in due ad arrivare contemporaneamente al Pronto Soccorso dell’Ospedale Policlinico ed a quello dell’Ospedale Papardo, entrambi con diverse ferite di arma da taglio. (Leggi qua)

Non c’avevano messo molto i carabinieri della Compagnia di Messina Sud a ricollegare i due ferimenti ad una lite sfociata a Bordonaro, nella zona della Case Gialle. In una delle palazzine, i militari avevano subito ritrovato delle tracce di sangue nel portone del 16enne nonché altri elementi che facevano ricadere tutti i sospetti proprio su di lui. Del ragazzo, però, non c’era traccia.

Sono state così le indagini avviate dal Nucleo Operativo e coordinate dalla Procura a far definitivamente luce su quel che era accaduto quella sera. Dichiarazioni di testimoni, esame delle tracce di sangue da parte del Ris di Messina e vari accertamenti hanno infine portato i militari dell’Arma a chiudere il cerchio e trovare il movente di quella doppia aggressione: vecchi rancori ed uno “sguardo storto”. Il minorenne avrebbe così utilizzato un arma da taglio, poi gettata nell’immondizia, per accoltellare al collo ed all’addome la sua prima vittima, e solo per puro caso non l’avrebbe ucciso tagliandogli la giugulare e la carotide. Sulla seconda vittima si sarebbe scagliato dopo con un profondo colpo all’avambraccio, quando questi cercava di far da paciere tra i due. Adesso il giovanissimo si trova all’istituto penitenziario per minorenni di Acireale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. (Veronica Crocitti)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. RIPETO SEMPRE FATICHE SFORZI CORSA CONTRO IL TEMPO PER EVITARE CHE LE TRACCE O ALTRO RENDONO DIFFICILI LE INDAGINI, MA POI? ………

    0
    0
  2. RIPETO SEMPRE FATICHE SFORZI CORSA CONTRO IL TEMPO PER EVITARE CHE LE TRACCE O ALTRO RENDONO DIFFICILI LE INDAGINI, MA POI? ………

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007