Botti notturni e fuochi d'artificio a Cristo Re, cresce la protesta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Botti notturni e fuochi d’artificio a Cristo Re, cresce la protesta

Cesare Giorgianni

Botti notturni e fuochi d’artificio a Cristo Re, cresce la protesta

martedì 08 Settembre 2020 - 08:00
Botti notturni e fuochi d’artificio a Cristo Re, cresce la protesta

C'è la moda di festeggiare i compleanni con brindisi i botti a mezzanotte. Ma la gente che vive in quella zona non ce la fa più

Per Capodanno siamo in netto anticipo, Ferragosto è invece già passato e i festeggiamenti per commemorare i Santi nelle parrocchie dei villaggi sono stati aboliti a causa del Covid. Allora, si chiede da tempo un numero sempre più crescente di cittadini, chi è che continua a disturbare la quiete pubblica facendo esplodere botti in tarda serata o nel cuore della notte? Una domanda alla quale, ormai da diversi anni, non si riesce a dare “risposte” adeguate, malgrado sia stata accertata l’origine della fonte rumorosa. C’è la moda, infatti, di festeggiare compleanni, onomastici, lauree, anniversari vari, addii al celibato e… separazioni tra coniugi (nota aggiuntiva del cronista), facendo esplodere giochi pirotecnici che illuminano l’oscurità del cielo cittadino.

Un’abitudine, questa, che, visti soprattutto gli orari in cui i fuochi d’artificio vengono innescati, non può non creare problemi e pericoli di ogni tipo. Primo fra tutti quello di far svegliare di soprassalto molti messinesi che l’indomani mattina devono magari alzarsi presto per andare a lavorare; quindi irresponsabili comportamenti in tema di sicurezza, se è vero che il confezionamento di gran parte del materiale esplodente utilizzato non risponde alle vigenti normative. I botti risultano pertanto insidiosi sia per chi li utilizza, sia per l’ambiente, dato che, una volta terminata la “carica” di polveri, i resti bruciacchiati vengono abbandonati per strada e persino su importanti monumenti.

I fuochi d’artificio a Cristo Re

E’ il caso, ad esempio, del Sacrario di Cristo Re, dal cui piazzale, un autentico invidiabile balcone su Messina, le scintille risultano ben visibili da lontano prima di estinguersi. Ci auguriamo che, in caso di errore, il fuoco non raggiunga la sottostante scarpata, divenuta una discarica in cui vengono lanciati rifiuti, cartacce, lattine o bottiglie consumate proprio durante i festeggiamenti con “allegati” assembramenti di giovani incoscienti.

Appello alle forze dell’ordine

Le segnalazioni, anche al nostro numero WhatsApp 3668726275, crescono di giorno in giorno e provengono sia dal centro urbano che dai rioni della cintura periferica peloritana. Da queste pagine non possiamo che lanciare un appello a tutte le Forze dell’Ordine, affinchè, in particolare durante le ore notturne, le pattuglie che controllano il territorio agiscano tempestivamente, in caso di telefonate ai centralini delle rispettive Sale operative, per evitare una vergognosa consuetudine che ha trasformato la nostra “città nobile” in un baraccone da circo.

Cesare Giorgianni

Tag:

6 commenti

  1. Tranquilli, ci sono i 44 nuovi vigili urbani…….ihihihihihih.

    2
    1
  2. Francesco Borgosano 8 Settembre 2020 10:24

    Messina purtroppo non ha più niente di nobile.
    Il senso civico comune è bassissimo, imperano diffusi comportamenti egoistici. La mancanza di rispetto per il prossimo è prassi comune.
    Manca totalmente il senso comune del bello, la gente è abituata solo al brutto, alla veemenza ed alla prevaricazione.
    La gentilezza oramai è cosa rara.

    22
    0
  3. E’ davvero difficile accertare le responsabilità? Oppure si è conniventi ? Basterebbe parcheggiare una vettura con una telecamerina e nessuno potrebbe sfuggire. ….ma la privacy …. e i consumi…..

    8
    1
    1. … e poi vai a scoprire che chi fa questo è… il figlio dell’assessore, del pediatra, del chirurgo, dell’ avvocato.. del professore…. sei matto? lascia perdere tanto la colpa è sempre degli altri.

      5
      0
  4. zalli si nasce, non si diventa

    2
    0
  5. anche qui nella riviera Nord botti intorno alla mezzanotte. ho scritto nella pagina fb del sindaco ma non ho ricevuto risposta

    1
    0

Rispondi a salvelox Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x