Gli auguri dell'Orsa: "Nessuno parla più di lavoro in questa città. Soprattutto l'amministrazione" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Gli auguri dell’Orsa: “Nessuno parla più di lavoro in questa città. Soprattutto l’amministrazione”

Rosaria Brancato

Gli auguri dell’Orsa: “Nessuno parla più di lavoro in questa città. Soprattutto l’amministrazione”

sabato 21 Dicembre 2013 - 17:20

Auguri dell'Orsa questa mattina nella sede alla stazione marittima. Poche parole per i sindacalisti per stilare un bilancio di risultati ma sopratutto un calendario di prossime battaglie. "Di lavoro nessuno parla più, se ne parla troppo poco. Ancora oggi non abbiamo ben capito chi è l'assessore che ha delega al lavoro e che programmi ha".

Quando hanno mossi i primi passi erano in pochi, un’avventura iniziata con i lavoratori dei traghetti delle Ferrovie. Anni dopo l’Orsa ne ha fatta di strada ed oggi può contare sulle federazioni dei trasporti, ferrovie, navigazione, scuola-università, servizi-ambiente, metalmeccanici e si appresta ad occuparsi anche di Teatro Vittorio Emanuele. Dal cammino fatto insieme ai dipendenti dei traghetti delle Fs, che si sentivano poco rappresentati dalle sigle sindacali storiche fino alle vertenze più dolorose come Servirail, Caronte-Tourist, Casa Serena, Atm, Ferrotel, i sindacalisti dell’OrSA, hanno rappresentato quel che i movimenti hanno significato per il mondo della politica, “un modo diverso di fare”, nonostante ancora oggi non abbiano la possibilità di stare a quello che viene definito il “tavolo della contrattazione”.

Ma a dargli fiducia sono stati i lavoratori che hanno scommesso su un gruppo di “sindacalisti non di mestiere” ed hanno portato a casa battaglie, qualche sconfitta, qualche vittoria, qualche pareggio. Così stamattina gli auguri del sindacato nella sede della Stazione marittima sono stati anche un sintetico bilancio ma soprattutto un ponte sul futuro, ci sono ancora troppe vertenze aperte e troppe risposte mancate ai lavoratori.

Poche parole per Mariano Massaro,Michele Barresi, Francesca Fusco, che hanno costruito mattoncino per mattoncino l’OrSA dello Stretto, e per i loro compagni di viaggio Antonio Cambria,Maurizio Rella.

C’è tanto lavoro da fare e “gli orsi” non vanno in letargo,aspettano al varco l’amministrazione comunale e i vertici delle partecipate, “Lo sciopero dell’Atm ha avuto oltre il 70% delle adesioni, ma aspettiamo ancora dall’assessore Cacciola risposte chiare e fatti”, e lunedì ci sarà il capitolo Casa Serena, sul cui destino ci sono ombre sempre più cupe, esattamente come un anno fa. "Si parla pochissimo di lavoro. Ancora oggi non sappiamo bene nè chi ha la delega al lavoro, penso Mantineo,ma soprattutto quali programmi e quando potremo incontrarci" Insomma,se qualcuno credeva che l’elezione della giunta Accorinti potesse aver cambiato l’OrSA si è sbagliato, perché è proprio dall’amministrazione che ha sposato lo slogan della discontinuità che si pretendono i fatti concreti. Tra i presenti, tutti lavoratori dei vari settori, c’era, unica rappresentante del mondo politico, Nina Lo Presti, consigliere comunale di Cambiamo Messina dal basso,che nel suo breve saluto ha sintetizzato lo spirito del sindacato: “Noi dobbiamo avere fiducia. Rivogliamo il Renato sindaco, perché il Renato di adesso è prigioniero di quanti non vogliono che le cose cambino”. Ed è proprio perché l’Orsa rivuole il Renato sindaco che nei giorni scorsi ha manifestato con determinazione a Palazzo Zanca, perché gli sconti non si fanno a nessuno se non ci sono le risposte.

Rosaria Brancato

Tag:

7 commenti

  1. cari amici, ma cosa volete che sappiano di lavoro questi signori??I loro stipendi da impiegati mica sono mai stati in pericolo??

    0
    0
  2. complimenti a chi ha votato questa gente….
    probabilmente….masochisti….

    0
    0
  3. Bravi bravi , i miei complimenti per la flotta comunale , stupende quelle navi comprate con poche centinaia di migliaia di euro , se non fosse per le scritte laterali “flotta dello stretto”, si confonderebbero con le navi da crociera in transito

    0
    0
  4. Sembra profilarsi una speranza, uno spiraglio di luce in questo momento buio. Finalmente a Messina arriva IL LAVORO , lavoro sicuramente intanto per tutti sindacalisti dell’ORSA maggiore e quella minore, CGL, CISL , UiL, autonomi e chi più ne ha più ne metta. Insomma c’è’ “travagghiu pi tutti” ….i sindacalisti. Infatti dovranno lavorare molto per protestare ,rivendicare, dibattere, negoziare, scioperare , realizzare tavoli (di lavoro). Su dai coraggio, il lavoro a Messina non mancherà per lustri. Intanto però , un mio amico extraterrestre atterrato da poco dalle nostre parti mi chiede come mai il mondo del LAVORO non si batte per il Ponte sullo Stretto? Potrebbe dare LAVORO, con l’indotto a 10.000 persone. Confesso che non trovo risposta ragionevole .

    0
    0
  5. Perchè parlate sempre di lavoro??? Ma quando mai avete lavorato ???

    0
    0
  6. Infatti la parola “LAVORO” era da molti anni che non la sentivo!!

    0
    0
  7. Gente che non ha mai fatto un xxxxx in vita loro

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x