“Alternanza scuola-lavoro”. Obiettivo apprendistato e tirocini formativi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Alternanza scuola-lavoro”. Obiettivo apprendistato e tirocini formativi

“Alternanza scuola-lavoro”. Obiettivo apprendistato e tirocini formativi

martedì 01 Dicembre 2015 - 09:45
“Alternanza scuola-lavoro”. Obiettivo apprendistato e tirocini formativi

Istituita la sezione speciale del Registro delle Imprese alla Camera di Commercio. Nei giorni scorsi, l’Ente camerale ha siglato un protocollo d’intesa con l’Istituto “Minutoli”

In ottemperanza a quanto previsto dalla legge sulla “Buona scuola”, la n. 107 del 2015, nel Registro delle imprese tenuto dalla Camera di commercio, è stata istituita l’apposita sezione speciale in cui devono iscriversi le aziende che intendono attivare i percorsi di alternanza scuola-lavoro.

La legge prevede, infatti, che a partire dall’anno scolastico 2015/2016, sia istituito presso le Camere di commercio il Registro nazionale per l'alternanza scuola-lavoro.

Il Registro, istituito d'intesa con il ministero dell'Istruzione, dell'università e della ricerca, sentiti il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e il ministero dello Sviluppo economico, consta di due parti. La prima è un'area aperta e consultabile gratuitamente in cui sono visibili le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili a svolgere i percorsi di alternanza. La seconda è la sezione speciale del Registro delle imprese a cui devono essere iscritte le imprese per l'alternanza scuola-lavoro. Per ciascuna impresa o ente, il Registro riporta il numero massimo degli studenti ammissibili nonché i periodi dell'anno in cui è possibile svolgere l'attività di alternanza.

Nei giorni scorsi, l’Ente camerale ha siglato un protocollo d’intesa con l’Istituto “Minutoli”. «Le difficoltà nel mondo del lavoro aumentano ogni anno – afferma il commissario della Camera di commercio, Franco De Francesco – a causa di una politica passiva che non ha creato alcun posto di lavoro. Gli apprendistato e i tirocini formativi sono parte, invece, di una politica attiva che mette in campo strumenti finalizzati ad incentivare l’occupazione. La Camera di commercio è la casa delle imprese e creerà le condizioni perché le aziende si avvicinino agli studenti».

Il “compito” dell’Ente camerale sarà quello di sensibilizzare le imprese disponibili a svolgere percorsi di alternanza scuola-lavoro e che hanno curato, o cureranno, l’iscrizione nell’apposita sezione speciale del Registro delle imprese ad accogliere e formare, per la parte di competenza, tutti gli studenti assegnati per gli stage e/o apprendistato, garantendo l’osservanza degli adempimenti formali e sostanziali, come da singoli accordi sottoscritti tra le parti.

Per ulteriori informazioni sulle modalità di iscrizione alla sezione speciale del Registro imprese, le imprese interessate possono consultare il sito www.me.camcom.it nell’area riservata al Registro imprese.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007