Cagnolina bruciata a Naso, c'è un sospettato - Tempostretto

Cagnolina bruciata a Naso, c’è un sospettato

Alessandra Serio

Cagnolina bruciata a Naso, c’è un sospettato

martedì 24 Maggio 2022 - 07:03

Muove i primi passi l'inchiesta della Procura di Patti sulla cagnolina bruciata viva a Naso

NASO – Fa passi avanti l’indagine sul brutale gesto costato la vita a Zicka, la cagnolina bruciata viva e morta dopo due giorni di atroci sofferenze. Il sindaco del centro nebroideo Gaetano Nanì ha presentato un esposto contro ignoti e la Procura di Patti ha avviato gli accertamenti che si stanno rivelando fruttuosi.

“Occorre fare di tutto per trovare e punire il responsabile o i responsabili di questo efferato crimine- si legge in una nota stampa dell’AIDAA Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente- Si respira un clima di fiducia nei confronti dell’operato della magistratura che potrebbe portare presto alla chiusura del caso con l’individuazione del responsabile o dei responsabili. Al momento non ci sono informazioni certe ma gli inquirenti stanno lavorando alacremente, lasciamoli fare senza dare ulteriori informazioni che potrebbero essere fuorvianti in questo momento”

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007