Stadio a porte chiuse. I tifosi: "Un'altra farsa. Se avete dignità andate via" - Tempo Stretto

Stadio a porte chiuse. I tifosi: “Un’altra farsa. Se avete dignità andate via”

Stadio a porte chiuse. I tifosi: “Un’altra farsa. Se avete dignità andate via”

sabato 13 Ottobre 2018 - 16:03
Stadio a porte chiuse. I tifosi: “Un’altra farsa. Se avete dignità andate via”

Il bersaglio, stavolta, non è la società ma i protagonisti della vicenda: "Strafottenza del Comune, organi istituzionali particolarmente e stranamente attenti quando si tratta di una partita di calcio con un migliaio di spettatori al massimo, mentre si gioca in campetti di paese con recinzioni da pollaio"

"L'ennesima umiliante sconfitta è arrivata. Anche stavolta la vergogna non arriva dal terreno di gioco. Messina, per l'ennesima volta, viene umiliata da una serie di balletti di responsabilità che la fanno precipitare, inesorabilmente, all'ultimo posto di una ipotetica classifica tra le città "normali"". Così i tifosi della curva sud, amareggiati per il fatto che Messina – Acireale si giocherà a porte chiuse.

"Non ci interessa sapere se la responsabilità è del Comune o degli organi istituzionali preposti al controllo – proseguono -, per noi la responsabilità è di tutti. La responsabilità è di chi non riesce a far disputare una partita di calcio di uno squallido torneo dilettanti in uno stadio da 40 mila posti. Siamo stanchi, incazzati, mortificati come cittadini in primis. Ci vergogniamo di come tutto ciò che è normale altrove in questa città è negato.

In questa città la normalità non esiste. Le istituzioni chiedono di essere rispettate. Noi pretendiamo che le istituzioni rispettino i cittadini sette giorni su sette, anche la domenica, anche per una partita di calcio. Abbiamo girato gli stadi di tutta Italia compresi innumerevoli campetti di paese con le recinzioni da pollaio. Si è giocato, senza problemi. Evidentemente in questa città non si riesce neanche in questo. Strafottenza del Comune, organi istituzionali particolarmente e stranamente attenti quando si tratta di una partita di calcio con un migliaio di spettatori al massimo. Poco ci importa, il risultato: una città scarsa. Se tutti i protagonisti di questa ennesima farsa avessero un briciolo di dignità andrebbero via, andrebbero a fare altro. Gestione della cosa pubblica e amministrazione di una città è altra cosa. Grazie a tutti voi per la cartolina di Messina che, ancora una volta, avete regalato".

PER APPROFONDIMENTI:

VEDI QUI

E QUI

Tag:

Un commento

  1. Vergognoso,il sindaco parla bene e razzola male,stai calpestando la dignità della gente,sapeva che c era questa problematica, non ha fatto nulla per evitarla.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007