Ecco le graduatorie e l'amara fotografia della città con 3mila domande a reddito zero - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ecco le graduatorie e l’amara fotografia della città con 3mila domande a reddito zero

Francesca Stornante

Ecco le graduatorie e l’amara fotografia della città con 3mila domande a reddito zero

lunedì 14 Aprile 2014 - 16:57
Ecco le graduatorie e l’amara fotografia della città con 3mila domande a reddito zero

Sul sito del Comune sono state pubblicate le graduatorie provvisorie dei cantieri di servizio e gli elenchi dei beneficiari degli sconti Tares. Gli elenchi regalano una triste analisi del tessuto socio-lavorativo messinese, su 5mila domande oltre duemila i giovani nella fascia tra i 18 e i 36 anni. Tremila i messinesi a reddito zero.

Tre giorni fa le graduatorie per le esenzioni Tares, adesso quelle forse ancora più attese per i cantieri di servizio. Oggi Palazzo Zanca ha pubblicato le graduatorie al momento provvisorie degli ammessi ai progetti di lavoro che saranno finanziati dalla Regione. Per visionarle basta ciccare sul link http://www.comune.messina.it/cantieriservizi/. Si tratta di elenchi provvisori perché il Comune non ha ancora ricevuto i finanziamenti necessari per dare il via ai 26 progetti che hanno trovato l’ok della Regione e che porteranno in città oltre 2 milioni di euro che serviranno per retribuire chi sarà impiegato nei cantieri. Provvisori anche perché, in attesa che arrivino le risorse economiche, gli uffici del Comune passeranno sotto la lente di ingrandimento le domande presentate per approfondire ulteriormente le posizioni di coloro i quali sono riusciti a rientrare in graduatoria.

Le domande presentate erano state 4.856. Di queste solo 26 non sono state ammesse, il resto è stato diviso in cinque elenchi ripartiti per fasce: la prima comprende i messinesi dai 18 ai 36 anni, la seconda va dai 37 ai 50 anni, la terza è per gli ultracinquantenni, la quarta comprende gli immigrati e la quinta i portatori di handicap.

Scorrendo i vari grafici emerge una triste fotografia della realtà messinese, sempre più segnata dalla mancanza di lavoro. Perché il fatto che quasi 5 mila messinesi abbiano riposto la speranza di un’occupazione per soli tre mesi nei cantieri di servizio è un dato inconfutabile della crisi che attanaglia l’intera città. Il dato forse più agghiacciante è che su 4856 domande presentate più di 3 mila messinesi abbiano dichiarato reddito 0. Dunque oltre la metà delle persone che il mese scorso si sono messe in fila sperando di ottenere un posto di lavoro che durerà tre mesi hanno un reddito pari 0. La fascia più numerosa è naturalmente quella che raccoglie i giovani dai 18 ai 36 anni e che conta 2139 domande. Tantissime però anche quelle nelle fasce dai 37 ai 50 anni e degli ultracinquantenni, rispettivamente 1782 e 852, uomini e donne che dovrebbero avere un’occupazione ormai stabile o vicini alla pensione e che invece forse il lavoro lo hanno perso per colpa della crisi e oggi non sanno più come e dove ricollocarsi per portare il pane a casa. 32 i portatori di handicap, incredibilmente basso invece il numero degli immigrati: solo 15 hanno presentato domanda per avere un posto nei cantieri di servizio.

Adesso bisognerà attendere che le graduatorie diventino definitive. Intanto il Comune informa che poiché il beneficio è concesso nella stessa annualità ad un solo componente del nucleo familiare nel suo insieme, coloro i quali hanno presentato contestuali istanze e risultano utilimente collocati in graduatoria possono esprimere, entro 10 giorni, preferenza sul soggetto da inserire nei cantieri di servizio. Nel caso in cui non dovesse pervenire alcuna scelta, sarà inserito il richiedente risultante intestatario della scheda familiare o il soggetto richiedente più anziano di età con automatica esclusione dalle graduatorie degli altri componenti richiedenti.

Intanto sono disponibili sul sito istituzionale anche le graduatorie per sconti ed esenzioni Tares (vedi articolo correlato). E’ possibile visionarle nella sezione Avvisi del sito del Comune al link http://www.comune.messina.it/in-evidenza/avvisi/default.aspx?news=18947.

Francesca Stornante

Lunedì, 14 aprile, 2014 – 18:57

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. Mi RATTRISTA MOLTISSIMO avere avuto la conferma dei numeri, TREMILA messinesi senza reddito, ai quali dobbiamo aggiungere, per molti di loro, coniugi e figli, è un numero alto, troppo alto. Molti di loro sono coetanei dei miei figli, oramai lontanissimi, e per sempre, dalla città dei loro avi, in cui sono nati, cresciuti e studiato. Ho ricordato a RENATO sindaco, incontrato a Palazzo Zanca, di fare di tutto e di più, anche proporci una piccola tassa di scopo, per fare lavorare temporaneamente i nostri giovani. Gli ho proposto anche di emendare il Regolamento Edilizio, nella direzione di prevedere il libretto del fabbricato e l’obbligo dei controlli della staticità strutturale dei nostri edifici, partendo da quelli più datati, potrebbero lavorare i nostri giovani ingegneri, geometri, architetti, periti edili. Datemi una mano, con i vostri commenti, a sollecitare il nostro sindaco, credetemi è UNO DI NOI. Quale sindaco potrebbe stare con tranquillità in mezzo ai tifosi del Messina o con i commercianti dei mercati rionali, senza scorta, e mai nessuna protesta? NESSUNO, tranne il sognatore concreto.

    0
    0
  2. Mi RATTRISTA MOLTISSIMO avere avuto la conferma dei numeri, TREMILA messinesi senza reddito, ai quali dobbiamo aggiungere, per molti di loro, coniugi e figli, è un numero alto, troppo alto. Molti di loro sono coetanei dei miei figli, oramai lontanissimi, e per sempre, dalla città dei loro avi, in cui sono nati, cresciuti e studiato. Ho ricordato a RENATO sindaco, incontrato a Palazzo Zanca, di fare di tutto e di più, anche proporci una piccola tassa di scopo, per fare lavorare temporaneamente i nostri giovani. Gli ho proposto anche di emendare il Regolamento Edilizio, nella direzione di prevedere il libretto del fabbricato e l’obbligo dei controlli della staticità strutturale dei nostri edifici, partendo da quelli più datati, potrebbero lavorare i nostri giovani ingegneri, geometri, architetti, periti edili. Datemi una mano, con i vostri commenti, a sollecitare il nostro sindaco, credetemi è UNO DI NOI. Quale sindaco potrebbe stare con tranquillità in mezzo ai tifosi del Messina o con i commercianti dei mercati rionali, senza scorta, e mai nessuna protesta? NESSUNO, tranne il sognatore concreto.

    0
    0
  3. COMMENTO APERTO a Guido SIGNORINO e Daniele IALACQUA. A proposito di TARES, propongo una modifica all’art.16 del Regolamento Comunale per la DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI, avente per oggetto la DETERMINAZIONE DEL NUMERO DEGLI OCCUPANTI DELLE UTENZE DOMESTICHE. Propongo di cancellare la frase di interpretazione incerta, al comma 2 dell’articolo, ” Le variazioni intervenute successivamente avranno efficacia a partire dall’anno seguente.”, e sostituirla con la seguente, ” Le modifiche inerenti alle caratteristiche dell’utenza, che comportino variazioni in corso del tributo (nascite, morte, altro), potranno essere conteggiate nel tributo relativo all’anno successivo ANCHE MEDIANTE CONGUAGLIO COMPENSATIVO.”

    0
    0
  4. COMMENTO APERTO a Guido SIGNORINO e Daniele IALACQUA. A proposito di TARES, propongo una modifica all’art.16 del Regolamento Comunale per la DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI, avente per oggetto la DETERMINAZIONE DEL NUMERO DEGLI OCCUPANTI DELLE UTENZE DOMESTICHE. Propongo di cancellare la frase di interpretazione incerta, al comma 2 dell’articolo, ” Le variazioni intervenute successivamente avranno efficacia a partire dall’anno seguente.”, e sostituirla con la seguente, ” Le modifiche inerenti alle caratteristiche dell’utenza, che comportino variazioni in corso del tributo (nascite, morte, altro), potranno essere conteggiate nel tributo relativo all’anno successivo ANCHE MEDIANTE CONGUAGLIO COMPENSATIVO.”

    0
    0
  5. COMMENTO APERTO A Mariedit :
    Senza voler essere fazioso , non riesco a vedere la concretezza di Accorinti , cortesemente vista la mia amara condizione , la mia ottusità , vogliate elencarmi voi sostenitori di Renato un solo provvedimento atto a migliorare questa città ,escludendo dall’elencazione l’isola pedonale .

    0
    0
  6. COMMENTO APERTO A Mariedit :
    Senza voler essere fazioso , non riesco a vedere la concretezza di Accorinti , cortesemente vista la mia amara condizione , la mia ottusità , vogliate elencarmi voi sostenitori di Renato un solo provvedimento atto a migliorare questa città ,escludendo dall’elencazione l’isola pedonale .

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007