Capo d'Orlando, sfruttavano lucciole migranti dello Sprar, 9 misure cautelari - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Capo d’Orlando, sfruttavano lucciole migranti dello Sprar, 9 misure cautelari

Alessandra Serio

Capo d’Orlando, sfruttavano lucciole migranti dello Sprar, 9 misure cautelari

martedì 04 Agosto 2020 - 09:12
Capo d’Orlando, sfruttavano lucciole migranti dello Sprar, 9 misure cautelari

Operazione Taxi driver a Capo d'Orlando dove un uomo gestiva un locale a luci rosse di prostitute migranti dello Sprar e faceva da autista agli spacciatori

E’ scattata all’alba l’operazione dei Carabinieri denominata Taxi Driver con 9 misure cautelari per altrettanti uomini di Capo d’Orlando accusati a vario titolo di favoreggiamento della prostituzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, marjuana, hashish e cocaina.

Hanno gli arresti domiciliari: Giuseppe Campisi, 65 anni (l’unico accusato di favoreggiamento della prostituzione), Giuseppe Vilardo (22), Stefano Calà Palmarino (22), Andrea Quartarà Agliolo (24), Andrea Scaffidi (32); obbligo di dimora, invece per: Cono Mangano (32), Giuseppina Chiaia (29), Maria Tindara Matracia (21), Gaetano Calogero Cambria Zurro (31).

Durante gli accertamenti a casa di Vilardo è stato sequestrato un chilo di marijuana.

L’inchiesta della sezione Operativa del Nucleo Operativo della Compagnia di Sant’Agata di Militello, ai comandi del maggiore Prosperi – e dei carabinieri della stazione orlandina è partita del 2018. Attraverso pedinamenti, intercettazioni telefoniche ed ambientali gli investigatori hanno ricostruito l’attività di Giuseppe Campisi, che aveva messo su una vera e propria attività di sfruttamento della prostituzione attraverso le donne migranti dello Sprar orlandino. Le donne si prostituivano in un appartamento del centro orlandino, procurato da Campisi Nelle conversazioni, il locale a luci rosse veniva denominato “cancello verde”.

Il 65enne, inoltre, aveva messo l’auto a disposizione di una rete di spacciatori che piazzavano marijuana, hashish ma anche cocaina lungo il litorale tirrenico, tra Sant’Agata e la costa saracena. L’uomo si era trasformato in un vero e proprio autista del gruppo, da qui il nome dell’operazione.

A firmare i provvedimenti cautelari è stato il Giudice per le indagini preliminari Eugelio Aliquò su richiesta dei sostituti Alice Parialò e Giorgia Orlando, che hanno coordinato l’inchiesta insieme al procuratore capo di Patti, Angelo Cavallo.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007