Nebrodi, ciechi con lo smartphone: sequestro da 200 mila euro per 3 persone - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Nebrodi, ciechi con lo smartphone: sequestro da 200 mila euro per 3 persone

Alessandra Serio

Nebrodi, ciechi con lo smartphone: sequestro da 200 mila euro per 3 persone

giovedì 19 Aprile 2018 - 07:10
Nebrodi, ciechi con lo smartphone: sequestro da 200 mila euro per 3 persone

Due uomini e una donna del circondario adesso dovranno restituire allo Stato quanto percepito in indennità, dopo che i Carabinieri hanno scoperto che non erano affatto ciechi.

E' sfociata nel sequestro preventivo di 200 mila euro sui conti correnti dei soggetti interessati l'indagine dei Carabinieri di Sant'Agata di Militello su tre persone dichiarate cieche assolute, ma che in realtà non lo erano affatto.

I tre, due uomini e una donna, residenti a Capo d'Orlando, Tortorici e San Marco D'Alunzio in questi anni sono stati pedinati e filmati, ripresi a compiere tutta una serie di attività incompatibili con l'invalidità al 100% che era stata loro riconosciuta: si muovevano autonomamente anche fuori casa, compivano numerose attività pratiche, leggevano e comunicavano attraverso lo smartphone.

Gli accertamenti del Nucleo Radiomibile e della stazione di San Salvatore di FItalia è partita nel maggio 2016 ed è passata anche attraverso la documentazione relativa ai tre casi custodita alla Cittadella della Salute di Messina, dove erano state "sbrigate" le pratiche per riconoscere l'invalidità. Poi la Procura ha chiesto il consulto degli specialisti medici che li hanno visitati.

Alla fine degli accertamenti, la Procura di Patti ha disposto il sequestro per equivalente della somma di 200 mila euro, per recuperare quanto i tre hanno percepito in questi anni a titolo di indennità.

Le indagini vanno avanti per chiarire il ruolo degli specialisti che hanno certificato la loro inesistente invalidità.

Il provvedimento di sequestro è stato siglato dal GIP Andrea La Spada su richiesta del PM Francesca Bonazinga.

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Beh l’oro si sono macchiati del reato di truffa, ma da perseguire severamente e con provvdimenti gravi sono tutti i medici e ambulatori che hanno rilasciato false attestazioni

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007