Taormina, aggredì vigile urbano per intimorirlo: arrestato commerciante - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Taormina, aggredì vigile urbano per intimorirlo: arrestato commerciante

Alessandra Serio

Taormina, aggredì vigile urbano per intimorirlo: arrestato commerciante

venerdì 26 Ottobre 2018 - 10:44
Taormina, aggredì vigile urbano per intimorirlo: arrestato commerciante

L'episodio risale al maggio scorso e l'ispettore della Municipale aggredito rischia la vista ad un occhio. Alla base dell'aggressione c'è un verbale che avrebbe sconfessato un falso incidente stradale denunciato dal 36enne di Giardini Naxos.

E' stato arrestato per minacca e violenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate, calunnia e porto abusivo d'arma bianca il commerciante trentaseienne di Giardini Naxos che lo scorso 14 maggio aveva minacciato e aggredito un ispettore di polizia municipale di Taormina, colpito al viso con un bicchiere di vetro.

Il vigile, a cinque mesi di distanza dall'episodio, non ha ancora recuperato del tutto la vista ad un occhio e rischia conseguenze maggiori.

A fare luce sulla vicenda sono stati i carabinieri della compagnia di Taormina, ai comandi del Capitano Arcangelo Maiello, che hanno ricostruito l'accaduto e smontato i tentativi dell'aggressore di ribaltare le responsabilità sull'agente.

Alla base del fatto, secondo gli investigatori, una relazione di servizio dell'ispettore municipale che aveva impedito al commerciante di intascare il risarcimento per un sinistro denunciato.

Il commerciante aveva infatti lamentato danni alla propria auto, finita contro un masso. Ma la relazione dell'ispettore della Municipale, che aveva eseguito il sopralluogo, aveva bloccato il risarcimento.

Il trentaseienne quindi, lo scorso maggio, ha convocato il vigile in un ristorante di Taormina, lo ha invitato a sedersi al tavolo e vi ha appoggiato un coltello, estratto dalla tasca, redarguendo l'ispettore perché sistemasse la relazione, pena presanti ripercussioni su lui e la famiglia. Quando il vigile si è rifiutato, il commerciante gli ha spaccato in viso il bicchiere. La vitttima è finita in ospedale per le lesioni all'occhio, è ancora sotto cura e rischia di perdere 5 decimi di vista.

Il commerciante invece, il giorno dopo è andato a denunciare l'ispettore della Municipale, lamentando di essere stato lui l'aggredito.

Ma le telecamere del locale hanno ripreso l'intera scena, e le indagini dei militari dell'Arma hanno inchiodato il 36enne, che ha già qualche precedente alle spalle, alle sue responsabilità.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007