Risanamento Messina, Carfagna: "Daremo poteri speciali al Comune" - Tempostretto

Risanamento Messina, Carfagna: “Daremo poteri speciali al Comune”

Redazione

Risanamento Messina, Carfagna: “Daremo poteri speciali al Comune”

martedì 16 Marzo 2021 - 14:10

La posizione dei parlamentari messinesi Matilde Siracusano, Francesco D'Uva e Pietro Navarra

Il governo vuole adottare iniziative urgenti, anche in relazione al quadro scaturito dall’emergenza Covid, per dotare il Comune di Messina di poteri derogatori, al fine di facilitare la delocalizzazione delle persone che abitano nelle baraccopoli. Allo stesso tempo l’esecutivo ritiene fondamentale e non più rinviabile un’opera di bonifica e di riqualificazione dei siti interessati”.

L’ha detto la ministra per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, in audizione sul Recovery plan nelle Commissioni Bilancio e Politiche Ue di Camera e Senato, in risposta alle sollecitazioni sul tema delle baraccopoli di Messina.

Siamo confortati e soddisfatti per queste affermazioni, che danno speranza e prospettiva a un’intera comunità – commenta la deputata messinese Matilde Siracusano -. Forza Italia continuerà a lavorare con l’unico primario obiettivo di cancellare definitivamente lo scempio delle baraccopoli che da più di cento anni insistono su tantissime zone della città dello Stretto. Andremo avanti con convinzione e determinazione”.

Il deputato messinese dei 5 Stelle, Francesco D’Uva, ha invece chiesto alla ministra “se intende collegare alla linea ‘Interventi speciali di coesione territoriale’ del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza, ndr) il progetto di risanamento delle baracche di Messina, tema che rientra tra gli obiettivi di inclusione sociale sottostanti a questa missione. Ringrazio la ministra Carfagna per la risposta. Dal canto mio, ribadisco che non farò mancare il mio contributo qualora effettivamente si decidesse di realizzare il qui auspicato lavoro di collegamento tra progetto di risanamento e Pnrr. Colgo l’occasione, inoltre, per chiedere alla ministra di tenere presente che ben due delle tre proposte di legge sul tema, già all’esame della Commissione Ambiente, individuano come soggetto attuatore del complessivo progetto di risanamento un commissario dello Stato, e ciò soprattutto in ragione della gestione fallimentare dei soggetti locali incaricati finora”.

“Ora attendo – dice il senatore Pietro Navarra – che il Governo proponga, nel primo provvedimento utile che verrà proposto in Parlamento, misure e risorse per superare il degrado delle baracche a Messina”.

Navarra denuncia anche il “disinteresse” della Regione sul tema. “Un emendamento alla finanziaria a firma dei deputati Lupo e Gucciardi che prevedeva lo stanziamento di risorse circa 200 milioni a valere sui fondi extraregionali per la bonifica e il recupero delle aree degradate della città, infatti, è stato bocciato in Commissione Bilancio dell’Ars. Nel contempo, è stato approvato un altro emendamento che autorizza la spesa annua di 500 mila euro per i prossimi 3 anni a favore dell’Agenzia Comunale per il risanamento e la riqualificazione urbana della città di Messina, risorse che sembrerebbero appena sufficienti per stipendi e spese di gestione. L’emendamento del Pd sarà ripresentato in aula e, ancora una volta, vedremo se il Governo Musumeci rivolgerà la sua attenzione unicamente al funzionamento dell’Agenzia o si accorgerà delle migliaia di cittadini messinesi costretti a vivere nelle baracche”.

Articoli correlati

Tag:

Un commento

  1. Un commento per queste scaramucce sul ponte si e sul ponte no è d’obbligo per quei pochi Messina che credono alla rinascita della città.Partendo da una considerazione ben consolidata e dalla realtà messinese diciamo in partenza che la classe politica messinese non ha mai contato niente,figuriamoci oggi con questi,a qualsiasi colore politico appartengono,motivo sono stati portati al potere della città da gente poco trasparente e oserei dire senza nessun criterio politico ed una idea di come una città potenzialmente turistica è stata lasciata nell’abbandno totale.Punti fermi di questo menefreghismo affermato: baracche, sporcizia,incultura, delinquenza,monumenti, spazio verde ecc ecc si potrebbe scrivere un volume. Un ponte sarebbe un’opportunità, ma per Messina in particolare è uno spreco di denaro.
    Pensate a cose più pratiche, più logiche, più reali , altrimenti sono solo chiacchiere per recuperare voti e del favoritismo spicciolo che tutti conoscono in questa città.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007