Prima notte nel dormitorio per clochard, c’è anche il sindaco Accorinti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Prima notte nel dormitorio per clochard, c’è anche il sindaco Accorinti

Eleonora Corace

Prima notte nel dormitorio per clochard, c’è anche il sindaco Accorinti

martedì 18 Febbraio 2014 - 06:22

Una decina di senza tetto più il primo cittadino hanno passato la notte al rifugio per clochard denominato “La Casa di Vincenzo”, in ricordo di un senza tetto amico del Sindaco

Lucio è il primo ad arrivare al rifugio per senza tetto “La Casa di Vincenzo” inaugurato ieri mattina dall’amministrazione comunale e i volontari della Caritas, a cui è stato affidato in gestione. Ha 44 anni, Lucio, e per mesi, tutti i giorni, ha aspettato con pazienza di poter vedere per un attimo il Sindaco Accorinti, per potergli chiedere: “A che punto siamo?”, perché in questo “rifugio” lui, come molti altri clochard, ci sperava con tutto il cuore e proprio per questo è stato affidato a lui il compito onorario di tagliare il nastro del dormitorio.

Lucio non è di quelli che dormono alla stazione centrale, da un anno a questa parte passa le sue notti sulle navi traghetto: “Facevo avanti e indietro da Messina a Villa per tutta la notte, poi la mattina scendevo. A volte un marinaio o il comandante mi offrivano il caffè o un cornetto, a volte no. Da un anno faccio questa vita, prima ho sempre lavorato. Ho fatto da badante ad un anziano che è vissuto fino a 101 anni, guadagnavo, ma dopo la sua morte non ho più trovato lavoro ed ho perso tutto. Non si può spiegare cosa vuol dire desiderare di avere un euro in tasca! A volte chiedo un panino in un Panificio, ma mi mandano via, preferiscono farne mollica o forse buttarlo piuttosto che donarlo…”.

Aziz, marocchino fuggito dal suo paese a 18 anni, è a Messina da tre settimane. Prima ha lavorato nel Lazio ed al Nord, poi non ha più trovato un’ occupazione ed è tornato indietro. È felice di aver trovato questo rifugio con le tende colorate e le frasi di Martin Luter King alle pareti: “Qui si sta bene – sorride Aziz – la gente è più gentile ed ho meno freddo che al Nord. Quando ho lasciato il Marocco sono prima andato in Libia, dove ho lavorato come imbianchino. A quei tempi c’era ancora Gheddafi e si trovava sempre lavoro in Libia, poi le cose sono cambiate e allora ho attraversato il mare. Non voglio tornare al mio paese perché i politici che ci sono fanno proprio schifo. Non pensano alla gente e sono solo attaccati alla poltrona”.

A dormire la prima sera di apertura del dormitorio, ci sono una decina di clochard, di cui una buona parte extracomunitari come Aziz.

Alessio, invece, è un ragazzo che fino a qualche tempo fa lavorava a Letojanni, adesso sono quattro mesi che vive per strada, ma, precisa: “mi trovo in questa situazione per varie difficoltà che ho avuto nell’ultimo periodo, ma è solo un momento transitorio. È come una pausa per riflettere e nel frattempo rilassarmi…può sembrare paradossale ma nel frattempo mi sto anche rilassando”. Alessio condivide una delle camere con le tendine viola e i tulipani sugli scrittoi con Leonardo e la sua educatissima cagnetta “Siria”. Luigi, invece, barcellonese, vive per strada da trent’anni, anche lui non per scelta ma per varie avversità che hanno interferito sulla sua vita, prima tra tutte la morte del padre e una pensione di invalidità insufficiente per mantenere un alloggio.

Tutti loro chiedono occasionalmente o abitualmente l’elemosina per poter comprare qualcosa da mangiare o le tanto sospirate sigarette. Tutti ringraziano il Sindaco Accorinti che passerà a sua volta la notte nel dormitorio popolare. Il gesto simbolico di vicinanza “agli ultimi” vuole sottolineare la concretezza dell’azione politica della Giunta che ha realizzato un “rifugio” sicuro per i cittadini più disagiati. Anche se per soli due mesi, salvo proroghe. Venti posti che sono solo l’inizio per trasformare Messina “in una città normale”, come ha più volte ripetuto lo stesso Renato Accorinti.

Alla stazione, però, diversa gente continua a srotolare cartoni e plaid per dormire per terra. Donne e uomini che rifiutano l’offerta lanciata dai volontari di andare a trovare ricovero nel dormitorio appena inaugurato, un po’ perché troppo intontiti dall’alcool per muoversi, un po’ perché diffidenti verso un luogo in cui temono di trovare delle regole. Un rischio troppo grande per gente che ha rinunciato a tutto per l’orgoglio della più assoluta autonomia.

Alcuni hanno perso tutto. Altri hanno votato la loro vita alla più totale assenza di vincoli di ogni tipo. Altri sono stati travolti dalla crisi economica di recente, altri invece sono rimasti segnati da un tragico evento in un lontanissimo passato. Alcuni escono dal carcere e non sanno dove andare. Altri ancora, migranti giunti da paesi più o meno lontani, non hanno lavoro e preferiscono scivolare nel limbo della vita per strada piuttosto che tornare al paese d’origine sconfitti.

Karl Marx diceva che “in questa società chi non ha, non è”, iniziative come questa sono volte proprio a ribaltare questo principio sottolineando il fatto, semplice quanto dimenticato, che una persona, anche quando non ha niente, conserva sempre la dignità. (Eleonora Corace)

Tag:

12 commenti

  1. LA CASA DI VINCENZO,
    STRAORDINARIA!
    RIDARE UN TETTO A CHI NON LO HA, CON UN INVESTIMENTO DI 20.000 EURO!

    CON POCO SI PUO FARE TANTO,
    PENSO CON RABBIA ALLO SPERPERO INDEGNO DI FONDI PUBBLICI
    vedi audi A8 di xxxxx nell’inchiesta xxxxxxxx, retribuzioni di amministratori, consiglieri e consulenti nelle partecipate fallite etc…

    GRAZIE RENATO

    0
    0
  2. Sarai Tibetano ma il gesto e’ cristiano…gli ultimi saranno i primi…

    0
    0
  3. io invece oltre a ringraziare l’amministrazione, faccio un plauso a chi si è speso per rendere questo posto vivibile. spero che la città risponda. davvero basta poco…

    0
    0
  4. Bravissimo RENATO la città ha bisogno di TE e della TUA equipe vincente ….. sei la nostra nuova LUCE. TU solo sei in grado di ILLUMINARCI senza dare fastidio all’avifauna migratoria
    G R A Z I E

    0
    0
  5. FINALMENETE qualcuno che invece di interessarsi della città e dei suoi problemi si interessa dei morti di fame e senza tetto.Ci voleva,Messina ne ha bisogno.

    0
    0
  6. Dai Stignino, un giorno potrebbe far comodo anche a te!

    0
    0
  7. Un gesto che fa molto onore non solo al sindaco ma a tutta la città, che sia di destra o di sinistra, a favore o contro. Significa rispetto per il prossimo che ha veramente bisogno.

    0
    0
  8. ma che Osservatore sei, non lo sai che prenotato il letto nel quale ha dormito RENATO già da domani sera

    0
    0
  9. Ma se invece di pensare solo a dargli un degno posto dove dormire e lavarsi, si pensasse anche al loro riinserimento nelle proprie famiglie o nella societa, ove possibile?
    Perchè se un percorso del genere lo si e costretti a farlo per i carceratti credo sia più che doveroso metterlo in pratica anche per loro-
    E questi “clochard” non sono ultimi a nessuno, come qualcuno li definisce, sono solo vittime della cosidetta “civiltà” a cui la civiltà umana deve dare delle giuste risposte e possibilità.

    0
    0
  10. Infatti in una grotta è nato il Buon Gesù era un senza tetto.

    0
    0
  11. non lo sapevo,un motivo in più per apprezzare il tibetano e lasciare perdere quei buddaci abituati oramai a vivere in cloaca.Grazie

    0
    0
  12. Bravo Renato.
    Come mai nessuno prima di te ci aveva pensato?
    Ah già, erano impegnati con i Corsi di Formazione…

    P.S.: Ma la Curia si fa viva ogni tanto? Lo batte un colpetto?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x