Un privato realizzerà il progetto: occasione persa da Palazzo Zanca - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Un privato realizzerà il progetto: occasione persa da Palazzo Zanca

Sara Faraci

Un privato realizzerà il progetto: occasione persa da Palazzo Zanca

martedì 28 Ottobre 2014 - 16:50
Un privato realizzerà il progetto: occasione persa da Palazzo Zanca

Le recriminazioni dei consiglieri pdr Giovanni Carbone e Nino Carreri in una lettera indirizzata al sindaco, Renato Accorinti, e all'assessore all'ambiente, Daniele Ialacqua

“Scippata” da un privato l’idea della “rivoluzione dell’acqua”. Un flop dell’Amministrazione comunale – secondo il consigliere pdr Giovanni Carbone – che segna ancora una volta il soccombere dell'”ignavia” pubblica all'”efficienza del privato”.

Parole pesanti quelle del consigliere che non mancano di una punta di rimpianto per l’occasione mancata da Palazzo Zanca. Risale, infatti, agli inizi dello scorso settembre la delibera d’indirizzo siglata dal partito in seno alla III Circoscrizione che esortava la giunta Accorinti a fare tesoro dell’esperienza delle “case dell’acqua”, consolidatasi con incoraggianti risultati già nella provincia.

Erogatori siti in posizioni strategiche all’interno di città e paesi, come nella vicina Rometta, consentono già di rifornire i cittadini del bene indispensabile alle ordinarie attività quotidiane al modico prezzo di 5 centesimi per ogni litro e mezzo di acqua potabile. Aprire le porte della città di Messina a un progetto di questo genere avrebbe, dunque, significato – nelle intenzioni dei rappresentanti del III Quartiere – fare tesoro di un insegnamento di civiltà e condivisione, consentendo all’Amam di fornire un servizio economico ed altamente fruibile all’intera comunità.

Un’intuizione, non raccolta dall’assessore Daniele Ialacqua, ma che non ha mancato di solleticare il fiuto di una società privata la quale, proprio in questi giorni, ha dato avvio all’innovativo esperimento, installando distributori nella zona di Villa Dante, area tra l’altro indicata anche nella delibera d’indirizzo varata a settembre, come quella maggiormente recettiva a lanciare l’iniziativa.

“Non che l’iniziativa non sia lodevole – ha spiegato lo stesso Carbone – ma il fatto che una tale occasione sia stata colta da un privato e lasciata sfuggire da Palazzo Zanca dimostra che il concetto di bene pubblico è solo una foglia di fico per questa Amministrazione comunale che si copre di belle parole e alla prova dei fatti scivola miseramente”. Non ha peli sulla lingua il consigliere che definisce “pilatesca” la risposta negativa di Ialacqua nei confronti dell’idea: “Non ha senso che l’assessore si limiti ad asseverare il diritto della gratuità dell’acqua potabile per i cittadini quando di fatto le bollette bimestrali che gli stessi pagano all’Amam non sono di certo un brutto sogno!”.

Ma a rincarare la dose, sulla scia dell’insoddisfazione causata dalla scelta dei vertici comunali sulla dibattuta questione delle “case dell’acqua”, il consigliere comunale, anch’esso pdr, Nino Carreri che compie un poco lusinghiero rapporto sugli insuccessi dell’assessore anche in altri campi: “Ialacqua, passerà alla storia per essere stato il primo amministratore ‘verde’ a dare il via a una discarica non a norma come quella di Pace e a procedere al taglio indiscriminato di alberi non sempre ammalorati”. (Sara Faraci)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Meglio il privato… almeno qualcuno controlla e gestisce cm si deve

    0
    0
  2. Meglio il privato… almeno qualcuno controlla e gestisce cm si deve

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x