Chat erotiche con allieva a Messina, Cassazione: non è pedopornografia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Chat erotiche con allieva a Messina, Cassazione: non è pedopornografia

Alessandra Serio

Chat erotiche con allieva a Messina, Cassazione: non è pedopornografia

giovedì 15 Ottobre 2020 - 18:53
Chat erotiche con allieva a Messina, Cassazione: non è pedopornografia

Cade l'accusa di pedopornografia per l'istruttore di ginnastica messinese arrestato per chat erotiche con l'allieva minorenne

Cade l’accusa di pedopornografia per l’istruttore di ginnastica messinese ai domiciliari dopo la denuncia dei genitori di un’allieva 15enne, preoccupati dalle chat che i due si scambiavano. La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso dell’avvocato Nino Cacia e “cancellato” l’accusa, annullando sul punto l’ordinanza del Tribunale del Riesame di Messina, che aveva invece confermato l’accusa come aveva già fatto il giudice per le indagini preliminari.

Per la Cassazione i video che la ragazza mandava all’istruttore di ginnastica, in alcuni casi su richiesta dell’uomo – da qui l’accusa ora smontata – non hanno contenuto pedopornografico.

“Avevamo offerto al Gip prima e al Tdl poi – osserva il difensore – la prova della insussistenza della condotta contestata, anche allegando copia dei video e delle foto inviate dalla ragazza. A misura della assoluta normalità delle immagini/video – oggettivamente prive di contenuto erotico o lascivo – si è prodotto una consulenza informatica da cui è emerso come la ragazzina avesse iniziato nel 2018 a pubblicare nei social media contenuti video e foto di analogo tenore a quelli inviati all’istruttore, ottenendo oltre 12000 like da una vasta platea di follower. A ciò si aggiunga che la ragazza anche dopo la esecuzione dell’ordinanza di custodia a carico dell’istruttore, ha continuato a pubblicare gli stessi video nelle varie piattaforme social .”

Adesso l’uomo affronterà il processo, fissato al prossimo 27 ottobre, con a carico la sola accusa di atti sessuali con minore. Ha scelto di essere processato col rito abbreviato, quindi direttamente dal giudice per l’udienza preliminare, senza dibattimento. E’ ancora ai domiciliari.

L’arresto della Squadra Mobile era scattato dopo la denuncia dei genitori di una quindicenne che allenava in una palestra di centro città. Durante il lockdown l’atteggiamento nervoso della figlia ha spinto la coppia ad indagare, controllando il cellulare. Causa del nervosismo della ragazza era in realtà un controllo troppo “duro” dell’allenatore nei confronti dell’allieva, che spingeva con insistenza a continuare ad allenarsi.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007