Sicko, un documentario per riflettere - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sicko, un documentario per riflettere

Redazione

Sicko, un documentario per riflettere

mercoledì 29 Agosto 2007 - 18:23

Se vuoi stare bene in America... non ammalarti mai

Ritorna Michale Moore con un documentario incentrato sulla sanità americana; il precedente lavoro, Fahrenheit 9/11, vincitore della Palma d’oro a Cannes nel 2004 , risulta caratterizzato da troppo fervore e presa di posizione, armi utilizzate dai detrattori per diminuire il valore del film; in questa nuova opera l cineasta usa al contrario una visione obiettiva, schietta e a volte sarcastica al punto giusto di come l’America sia l’unico paese industrializzato ad avera la sanità privata, una sanità fatta da lobby potenti che decidono chi e come si debba curare, con l’unico scopo di accrescere il proprio patrimonio evitando tutte le spese ospedaliere possibili, utilizzando qualsiasi escamotage legale e non e negando la copertura assicurativa a chiunque abbia precedenti clinici tali da indurre a grosse spese ospedaliere future.

Il punto di forza del documentario, personalmente il più riuscito finora, sta nell’analizzare la situazione non dal punto di vista degli americani privi di assicurazione, discusso marginalmente ad inizio film, ma affrontando l’argomento esplorando casi di persone con assicurazione parziale e completa; inquietanti alcuni casi, quali l’uomo che ha dovuto scegliere se farsi riattaccare il medio per 60000$ o l’anulare per -soli- 12000$ o la bambina con la febbre alta cacciata dall’ospedale in quanto la compagnia assicuratrice non autorizzava le cure mediche in quella struttura e morta successivamente, trasportata con ritardo e noncuranza all’ospedale della compagnia in questione.

Attualmente Michael Moore risulta indagato dalle autorità Usa per aver violato l’embargo verso Cuba, avendo organizzato un viaggio per far curare i soccorrittori volontari dell’11 Settembre 2001,ai quali in America hanno negato le cure necessarie per stabilire e curare i loro problemi clinici adducendo le più svariate scuse; toccante la scena di un paramedico costretto ad usare da quel giorno due inalatori al mese, pagati negli Stati Uniti alla -modica- cifra di 120 dollari e ottenuti a Cuba per la cifra di 5 centesimi.

Un documentario di grande impatto,imperdibile, che dovrebbe smuovere le coscienze e farci capire come la privatizzazione della sanità, che dovrebbe essere garantita a tutti ed in ugual misura, sia una meschinità, un modo ignobile di fare arricchire grosse compagnie multinazionali.

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007