Città e provincia in "zona rossa" e blindate, le misure per la Pasqua adottate dal prefetto - Tempostretto

Città e provincia in “zona rossa” e blindate, le misure per la Pasqua adottate dal prefetto

Carmelo Caspanello

Città e provincia in “zona rossa” e blindate, le misure per la Pasqua adottate dal prefetto

mercoledì 31 Marzo 2021 - 17:06

Esercito, droni ed elicotteri per un monitoraggio capillare, dalle litoranee nord e sud ai Colli Sarrizzo. I dettagli vagliati dal Comitato provinciale per l'ordine pubblico

MESSINA – Città blindata per le festività di Pasqua in zona rossa. Sabato, domenica e lunedì (3, 4 e 5 aprile) i controlli in ingresso ed uscita saranno intensificati con pattugliamenti, droni ed elicotteri. I dettagli legati all’esodo e al controesodo, a possibili raduni spontanei ed eventuali assembramenti, sono stati vagliati nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Cosima Di Stani. Sul tavolo, la programmazione dei servizi di vigilanza per le “misure contenitive del contagio da covid 19”. L’attenzione è stata puntata sulla rete stradale e autostradale; sugli scali ferroviari e portuali e sulla stazione centrale. Ma non solo. Saranno monitorati inoltre il porto di Tremestieri, la rada di S. Francesco ed il terminal bus, parcheggio Cavallotti compreso.

Lungo le vie del centro cittadino è prevista una intensificazione della vigilanza con i militari dell’esercito giovani (piazza Cairoli, piazza Lo Sardo, viale San Martino e strade limitrofe, piazza Duomo, piazza Antonello, piazza Unione Europea e Cristo Re).

Riflettori puntati anche sui luoghi di ritrovo dei litorali nord e sud, da Mortelle a Tremestieri e sulle zone collinari. Alla sicurezza in mare ci penseranno Capitaneria di Porto e Guardia di Finanza.

Controlli intensificati anche in provincia, a partire dal porto di Milazzo, luogo di imbarco per le Isole Eolie. Lungo le autostrade e i caselli delle stesse sarà coinvolto anche il Cas (consorzio per le autostrade Siciliane). Controlli mirati nei Colli Sarrizzo, nei villaggi collinari e lungo i litorali con i droni messi a disposizione dalle Forze dell’ordine e dal Comune di Messina e con gli elicotteri della Guardia di Finanza. Un’operazione interistituzionale alla quale parteciperanno anche Polizia locale e Polizia metropolitana, nel limite delle proprie risorse di uomini e mezzi. Il prefetto Cosima Di Stani ha assicurato che “saranno garantite tutte le altre attività di prevenzione e contrasto di fenomeni di microcriminalità e criminalità organizzata”, puntualizzando quanto sia “necessario che ciascuno si assuma una maggiore responsabilità, soprattutto in questa fase in cui si sta procedendo alla campagna di vaccinazione i cui progressi devono indurre ad un approccio positivo, senza escludere tuttavia un ulteriore sforzo da parte di tutti ed un grande senso di responsabilità collettivo per raggiungere il comune traguardo della sconfitta della pandemia”.

Tag:

12 commenti

  1. Tutto paradossale…. si deve stare a casa, ma nello stesso tempo si può viaggiare all’estero….. quali grandi “geni” e “scienziati” ci sono dietro tutto ciò?

    17
    2
  2. Meno male che ci sono le forze armate a proteggerci! Peccato che i crimini ed i criminali sono altri. Ci fosse questa stessa attenzione per ogni delinquente e per ogni reato negli ultimi 20anni forse l’Italia sarebbe un paese migliore
    Grazie ancora

    20
    2
  3. Proporrei anche l’esercito degli Stati Uniti con bombardamenti in caso di assembramento…

    17
    4
    1. Bombardamenti no, ma un bel getto d’acqua con gli idranti sugli assembramenti forse farebbe capire che la situazione è ancora seriz e la gente continua a morire

      4
      4
      1. C’è uno schifo ovunque la gente fa quello che vuole nn credere che chiudere tt 3/4/5 risolva qualcosa lo fanno solo per fare cassa allo stato italiano nn frega nulla di noi anzi più dura e più ci guadagnano.

        1
        0
      2. In Francia già lo fanno, potremo prendere esempio…

        0
        0
      3. la situazione é gravissima considerata la massa di persone che continua imperterrita a far della costituzione carta straccia. e non mi riferisco ai potenti ma ai comuni cittadini che prendono per legge le disposizioni impartite dai loro dispositivi tecnologici. siamo in balia di fantocci telecomandati.

        0
        0
  4. Ma vorrei sapere io con mia moglie 3 bambini 2 di 10 anni e una di 15 possiami andare a casa di mio fratello?

    3
    0
  5. Nella speranza che il Sindaco non indossi la divisa da Sceriffo e ci risparmi le amplificate volgarità che sono il suo piatto forte.

    4
    1
  6. Il cimitero è zona neutra il signor prefetto dovrebbe chiudere i cimiteri e non lasciarli aperti i giorni di pasqua quando non esistono controlli né vigili ………..un cimitero abbandonato a se il signor cateno invece di giocare con i droni vergognaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    4
    1
  7. tutti a fare la pasquetta al cimitero è aperto. Da don Minico non si può andare abbiamo il signor sindaco che gioca con i droni

    3
    1
  8. Disposizioni che violano l’ Art. 13 della Costituzione, quindi totalmente illegittime e inutilmente vessatorie e liberticide.

    3
    1

Rispondi a Salvo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007