Catturati i killer Mignacca, nella black list dei 40 latitanti più pericolosi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Catturati i killer Mignacca, nella black list dei 40 latitanti più pericolosi

Al. Ser.

Catturati i killer Mignacca, nella black list dei 40 latitanti più pericolosi

domenica 10 Novembre 2013 - 11:52
Catturati i killer Mignacca, nella black list dei 40 latitanti più pericolosi

Blitz dei carabinieri in un casolare di Lentini dove si nascondevano i fratelli di Montalbano condannati all'ergastolo alla fine del processo Mare Nostrum per gli omicidi di mafia degli anni '80. Calogero é stato catturato, Vincenzo si è invece suicidato. Il colpo grosso è dei carabinieri del Gis.

Finisce dopo cinque anni la latitanza dei fratelli Calogero e Vincenzo Mignacca, i fratelli di Montalbano, spietati killer del clan dei Tortoriciani. I carabinieri hanno fatto irruzione in un casolare di Lentini dove i due erano nascosti. Calogero è stato catturato, Vincenzo non è uscito vivo. I fratelli hanno fatto di tutto per non farsi catturare, erano armati e, per non cadere in mano ai Carabinieri, Vincenzo Mignacca si è tolto la vita. I due erano stati condannato all'ergastolo, divenuto definitivo nel 2008, per il loro ruolo di fuoco nella faida tra clan che tra la fine degli anni '80 e l'inizio del decennio precedente ha fatto centinaia di morti, tra Barcellona e Tortorici. I fratelli di Montalbano hanno siglato più di un omicidio, per conto del clan dei Nebrodi. Nel 2008, quando la condanna a vita divenne irrevocabile, avevano già fatto perdere le tracce da tempo. Negli anni gli investigatori li hanno cercati sui Nebrodi, in Calabria e nel siracusano, dove oggi sono stati individuati. Qualche anno fa fu scoperto un covo ancora caldo nei dintorni di Randazzo, ma di loro alcuna traccia. Il pentito di Oliveri, Santo Gullo, ha recentemente raccontato della loro latitanza protetta e degli aiuti prestati dal clan, facendo capire che comunque non potevano essere lontani perché uno dei due versava in pessime condizioni di salute.

La lunga scia di sangue dei fratelli Mignacca è andata oltre la data d'inizio della loro latitanza. Nel febbraio scorso il pastore Nicola Di Stefano, 23 anni, è stato ammazzato nelle campagne di Montalbano. Il ragazzo, figlioccio dei boss dei mazzaroti, Tindaro Calabrese, è stato giustiziato con un colpo di fucile che gli ha dilaniato il volto.

La "firma" dei fratelli Mignacca, che da liberi abitavano ad un tiro di schioppo da casa del giovane. Nei primi anni della loro latitanza hanno continuato a gestire le estorsioni per i tortoriciani.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007