Comune di Messina, tre dirigenti in esubero. Ecco il loro destino - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Comune di Messina, tre dirigenti in esubero. Ecco il loro destino

Danila La Torre

Comune di Messina, tre dirigenti in esubero. Ecco il loro destino

martedì 27 Agosto 2019 - 11:37
Comune di Messina, tre dirigenti in esubero. Ecco il loro destino

Sui nomi al momento ci sono solo indiscrezioni. Chi sono i dirigenti a rischio

MESSINA – Tra poco più di un mese la struttura organizzativa del Comune di Messina sarà sottoposta ad una “cura dimagrante” senza precedenti. Dal primo ottobre infatti i Dipartimenti di Palazzo Zanca saranno ridotti da ventidue a nove ed il numero complessivo dei dirigenti scenderà dagli attuali 12 a 9. Nella delibera n°485 del 22 luglio scorso 2019 è stata quindi dichiarata «l’eccedenza di tre unità del personale di qualifica dirigenziale».

Chi rischia

In queste settimane, non  è ancora emersa alcuna novità ufficiale  sui nomi dei dirigenti che verranno “defenestrati”. Tuttavia, secondo indiscrezioni,  a rischio i dirigenti più a rischio sarebbero  Pagano, Cutroneo, Manna e  Cardia. I criteri per decidere chi mettere alla porta sono però ancora tutti da stabilire e proprio a tal fine, nei primi giorni di settembre, è previsto un incontro tra l’amministrazione ed i sindacati per fissare i paletti in vista della rivoluzione di Ottobre. Intanto, la giunta De Luca ha dovuto comunque chiarire con apposita delibera quale sarà il futuro dei tre alti funzionari a  cui sarà dato il “benservito”

Cosa prevede la legge

In base alla normativa vigente, di fronte a situazioni di eccedenza o soprannumero, in relazione alle esigenze funzionali o alla situazione finanziaria dell’ente, le pubbliche amministrazioni devono darne immediata comunicazione al Dipartimento della funzione Pubblica e sono altresì tenute a fornire un’informativa preventiva alle rappresentanze unitarie del personale e alle organizzazioni sindacali firmatarie contratto del comparto o area.

Adempiuti questi obblighi, la legge concede tre opzioni alla PA: procedere al collocamento a riposo dei dipendenti in esubero in presenza dei requisiti previsti dalla legge; in subordine, verificare la possibilità di ricollocazione totale o parziale del personale in situazione di soprannumero o di eccedenza nell’ambito della stessa Amministrazione; oppure ricollocarlo presso altre Amministrazioni, previo accordo con le stesse comprese nell’ambito della Regione.

Il caso del Comune di Messina

Da Palazzo Zanca fanno sapere che il dirigente del Dipartimento Risorse umane, con nota del 5 agosto scorso ha comunicato che non vi sono dirigenti in possesso dei requisiti per andare in pensione. All’amministrazione De Luca non resta dunque che verificare la possibilità di ricollocazione totale o parziale all’interno del Comune di Messina ( con conseguente “demansionamento”) oppure presso altre amministrazioni nell’ambito della Sicilia.

Nel caso in cui i dirigenti considerati in esubero non potranno essere ricollocati a Palazzo Zanca o trasferiti presso altre amministrazioni nell’ambito regionale, saranno collocati «in disponibilità».

I chiarimenti dell’Inps

«Durante il periodo in cui il lavoratore è collocato in disponibilità – si legge nel sito dell’Inps – l’amministrazione pubblica è tenuta a corrispondere un’indennità pari all’80% dello stipendio e dell’indennità integrativa speciale nonché l’assegno per il nucleo familiare, con esclusione di qualsiasi altro emolumento retributivo comunque denominato, per la durata di 24 mesi. In caso di trasferimento cessano gli obblighi contributivi a carico dell’amministrazione di provenienza e il lavoratore è iscritto alle gestioni di riferimento dell’amministrazione di destinazione».

Il taglio dei Dipartimenti e dei costi

Secondo la giunta De Luca, «la rideterminazione della struttura organizzativa con la riduzione delle posizioni dirigenziali, risponde ad una politica delle risorse umane tese ad ottenere una riduzione stabile delle spese di personale, rendendo nel contempo la struttura più efficiente ed operativa e razionalizzando al massimo livello le risorse a disposizione per una dotazione organica funzionale ai processi dinamici attuali che richiedono una sempre maggiore flessibilità degli apparati burocratici»

Quanto si risparmia secondo De Luca

L’esecutivo guidato dal sindaco Cateno De Luca evidenzia di aver accertato che «la soppressione di n. 13 posti di qualifica dirigenziale comporta un risparmio teorico della spesa del personale pari ad € 963.797,31 e un risparmio effettivo di circa due milioni di euro».

Danila La Torre

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. Letterio Santisi 27 Agosto 2019 13:24

    Carissimo signor sindaco Cateno De Luca continua cosi che vai alla grande.
    I sindacati la ROVINA DELLA NOSTRA ITALIA chi non fa il suo dovere mandalo
    a casa.

    11
    3
  2. sono d’accordo per 3/4 , non credo che De luca si farà sfuggire Antonio Cardia , un ingegnere che ha dato lustro alla protezione civile comunale , impegnandosi seriamente nel reperimento di fondi , sul dissesto idrogeologico .

    33
    0
    1. Condivido pienamente!

      0
      0
  3. Rosario Pietro 27 Agosto 2019 18:04

    si deve aspettare l’11 settembre e speriamo che accada qualcosa di buono in quanto sta facendo troppi danni

    0
    0
  4. Sicuramente il povero catanese che non ha eseguito gli ordini, sarà tra questi vero De Luca?.

    0
    1
  5. Il cda dell’Arisme non ha previsto l’assunzione di nuovo personale tra cui delle figure dirigenziali? Piuttosto che paventare con la solita enfasi “collocazioni a riposo” che sanno di licenziamento si dia corpo all’Arisme, dove, da un anno, si elargiscono stipendi non si sa a quale fine, vista l’inconsistenza dell’attività!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007