Comune, rifatti i conti: i dirigenti dovranno restituire 1 mln - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Comune, rifatti i conti: i dirigenti dovranno restituire 1 mln

Rosaria Brancato

Comune, rifatti i conti: i dirigenti dovranno restituire 1 mln

martedì 14 Gennaio 2020 - 07:35
Comune, rifatti i conti: i dirigenti dovranno restituire 1 mln

Messina- Dal 2010 ad oggi sarebbero stati pagati 4 mln non dovuti d'indennità di risultato

I dirigenti di Palazzo Zanca, compresi quelli andati in pensione in questi mesi, dovranno restituire ingenti somme relative all’indennità di risultato incassate nel periodo 2010-2018 in misura eccedente al dovuto.

Il dossier sul Fondo dirigenti

Il primo attacco il sindaco lo aveva sferrato nei mesi scorsi, anche in seguito ad alcune segnalazioni da parte dei sindacati sul Fondo destinato ai dirigenti. In estate il corposo fascicolo era stato affidato al segretario generale per gli approfondimenti richiesti.

3 mln e mezzo in più

Sei mesi dopo l’istruttoria è stata ultimata, anche in base alle relazioni periodiche dell’Organismo indipendente di Valutazione (che ha il compito di valutare le perfomance dei dipendenti) ed a quanto pare risultano 3 milioni e mezzo erogati in più negli ultimi 8 anni rispetto ai risultati effettivamente conseguiti dai dirigenti.

Il Comune ha rifatto i calcoli

L’indennità di risultato destinata ai dirigenti per il perseguimento dei singoli obiettivi era erogata dal Fondo per il trattamento accessorio della dirigenza, che nel 2010 era di circa 2 milioni di euro e successivamente è stato adeguato in base al numero dei dirigenti in servizio. Dal dossier effettuato dalla Carrubba sono emerse, secondo il sindaco, valutazioni contrastanti rispetto ai valori con i quali i Fondi erano stati costituiti dal 2010 al 2018. Dopo un confronto con il dipartimento Risorse Umane,  il Segretario Generale ha determinato l’importo calcolato erroneamente negli ultimi 8 anni.

I conti non quadrano

Dal 2010 al 2018– scrive De Luca–  l’importo valorizzato nel Fondo dei Dirigenti   è stato costituito in eccesso per un importo complessivo di oltre 4 milioni di euro. La cifra comprende indennità di risultato ed indennità di posizione”. Nei giorni scorsi quindi la giunta De Luca ha preso atto della relazione di Rossana Carrubba in merito alla quantificazione dei fondi del trattamento accessorio della dirigenza in relazione alle annualità 2010-2019.

1 milione da restituire

In seguito al riconteggio è stato diminuita la somma per ogni anno di riferimento tenendo conto che “non solo i premi di produttività quantificati  (comunque non sono  stati erogati)  avrebbero dovuti essere inferiori , ma addirittura risulterebbero somme già erogate per trattamento accessorio (indennita’ di posizione) che, per effetto di tale diminuzione dovranno essere restituite da quasi tutti i dirigenti comunali”

Gli errori

Stando all’istruttoria effettuata in questi mesi è emersa una situazione di errori rispetto alla normativa. Il Fondo per i  Dirigenti  per gli anni 2010-2019 era stato costituito in complessivi € 16.325 mln.  mentre doveva essere pari ad € 12.225 mln con un risparmio per tutto il periodo di € 4.100 mln.

Alla luce di tale differenza – conclude De Luca– ed in considerazione dell’indennità di risultato per come emersa alla data di Luglio 2019 pari ad € 3,5 mln. che per effetto della riduzione dei Fondi dovrà a sua volta essere ridotta, si ritiene realistica la condizione in base alla quale i Dirigenti dovranno restituire al Bilancio del Comune un importo di oltre € 1mln”.

Dal 2020 un risparmio

In base a quanto emerso per la costituzione dei Fondi per gli anni 2020-2022,  l’importo complessivo € 4.656 mln. del Fondo verrà ridotto a € 2.625 mln. con un risparmio di  2 milioni nel triennio. In sostanza ci saranno 677 mila euro annui che saranno disponibili quale risorse per spesa corrente negli anni 2020-2021 e 2022.

La somma complessiva da restituire, stando a questi dati, è di un milione. Più che probabile che scatterà un contenzioso con chi nel frattempo è andato in pensione, mentre per quanto riguarda i dirigenti attualmente in servizio si seguirà un altro iter.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007