Concorso per i vigili urbani a Messina. I posti saranno 46 per un anno. I DETTAGLI - Tempo Stretto

Concorso per i vigili urbani a Messina. I posti saranno 46 per un anno. I DETTAGLI

Marco Ipsale

Concorso per i vigili urbani a Messina. I posti saranno 46 per un anno. I DETTAGLI

martedì 27 Agosto 2019 - 14:41
Concorso per i vigili urbani a Messina. I posti saranno 46 per un anno. I DETTAGLI

Il bando è atteso in Gazzetta ufficiale regionale il 30 agosto. 28 posti nel 2019 e 18 nel 2020, in totale 46, sempre per un anno a partire dall'assunzione

MESSINA – 28 posti nel 2019 e 18 nel 2020. E’ quanto prevede il bando di concorso pubblico, per titoli ed esami, per vigili urbani a Messina. Nove posti sono riservati per i volontari delle forze armate.

Il bando dovrebbe essere pubblicato nella Gazzetta ufficiale regionale il 30 agosto e, poco prima di quel termine, la giunta ha provveduto a modificarlo e integrarlo.

Giovedì scorso è stato affidato il servizio di preselezione, con criterio del minor prezzo nella piattaforma di e-procurement, alla Ales srl di Selargius (Cagliari), che ha invitato il Comune ad apportare delle modifiche al bando.

I REQUISITI:

Essere cittadini europei, con diploma di scuola secondaria di secondo grado, con patente A e B (solo B se rilasciata prima del 26 aprile 1988), avere i requisiti psicofisici minimi per il porto d’armi e per i servizi operativi esterni, anche di notte, dando la propria disponibilità all’uso delle armi e alla conduzione di tutti i veicoli della Polizia Municipale di Messina.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE:

Dovrà essere presentata esclusivamente on line su un link che sarà pubblicato sul sito del Comune di Messina entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale regionale e sul sito del Comune di Messina. Alla domanda dovranno essere allegati copia del documento di identità, delle patenti di guida, dichiarazione titoli di studio e di servizio, ricevuta del bonifico bancario di trenta euro effettuato sull’Iban IT89N0200816511000300034781 intestato al Comune di Messina con la
causale “Bando di concorso pubblico, per tìtoli ed esami, per la copertura a tempo pieno e determinato, di 46 posti di Agente di Polizia Municipale”, quale tassa per la partecipazione al concorso.

PROVA PRESELETTIVA:

Se le domande saranno più di 200, si farà una preselezione con 60 quiz a risposta multipla in un’ora sulle materie oggetto delle prove di esame. Saranno ammessi al massimo il quintuplo dei candidati rispetto ai posti da ricoprire, esclusi quelli riservati.

PROVE DI ESAME:

A) Una PROVA SCRITTA di contenuto tecnico – professionale concernente la stesura di un atto o provvedimento inerente attività e materie di competenza della Polizia Municipale in relazione al programma d’esame di cui all’articolo successivo.

B) Una PROVA ORALE verterà e consisterà in un colloquio individuale nel corso del quale i candidati saranno chiamati a rispondere a domande mirate ad accertare le loro conoscenze, la padronanza degli argomenti, la capacità di sviluppare ragionamenti.

Oltre alle prove d’esame, si potranno ottenere fino a quattro punti per i titoli di studio, tre punti per i titoli di servizio, due punti per i titoli professionali e un punto per titoli vari.

PROGRAMMA DI ESAME:

  1. Normativa nazionale e regionale sull’ordinamento della Polizia Municipale;
  2. Nozioni in materia di depenalizzazione, procedimento sanzionatorio amministrativo e notificazione degli atti (Legge 24 novembre 1981, n. 689 – Modifiche al sistema penale);
  3. Nozioni su Codice della strada e Regolamento di esecuzione;
  4. Nozioni di diritto penale generale e procedura penale con particolare riferimento all’attività della Polizia Giudiziaria;
  5. Nozioni su leggi e regolamenti di Pubblica Sicurezza con particolare riferimento alle qualifiche e funzioni della Polizia Municipale;
  6. Nozioni di diritto amministrativo con particolare riguardo all’attività della Pubblica Amministrazione;
  7. Nozioni sull’ordinamento degli Enti locali (D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 – Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti locali) con particolare riferimento all’ordinamento nella Regione siciliana;
  8. Nel corso della prova orale il candidato dovrà sostenere anche un colloquio finalizzato ad accertare, ai sensi dell’art. 37 del D.Lgs. 30 marzo 2001, n.165 “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”, la conoscenza e l’utilizzo delle apparecchiature e applicazioni informatiche più diffuse (videoscrittura, foglio di calcolo, internet, posta elettronica) e conoscenza della lingua inglese (lettura e comprensione di un testo).

ASSUNZIONE E PERIODO DI PROVA:

Le assunzioni verranno disposte secondo l’ordine della graduatoria, tenendo conto delle eventuali preferenze di legge. Le prime 28 assunzioni, a tempo pieno e determinato e di durata annuale, saranno effettuate nell’anno 2019 mentre le seconde 18 assunzioni, a tempo pieno e determinato e di durata annuale, saranno effettuate con scorrimento della graduatoria già approvata, nell’anno 2020. Il candidato assunto sarà soggetto ad un periodo di prova di 4 settimane.

(Marco Ipsale)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007