Via Beppe Alfano al buio. E’ pubblica o no? Il II quartiere sollecita il Comune - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Via Beppe Alfano al buio. E’ pubblica o no? Il II quartiere sollecita il Comune

Via Beppe Alfano al buio. E’ pubblica o no? Il II quartiere sollecita il Comune

giovedì 09 Febbraio 2017 - 08:28
Via Beppe Alfano al buio. E’ pubblica o no? Il II quartiere sollecita il Comune

L’amministrazione comunale ha disertato l’incontro di martedì scorso, ora ce ne sarà un altro mercoledì prossimo. Se ancora tarderanno risposte, la II circoscrizione è pronta ad adire le vie legali

Si parlava dell’impianto di pubblica illuminazione di via Beppe Alfano ed erano invitati anche l’assessore De Cola, il dirigente Amato e l’energy manager Saglimbeni. “Ma hanno disertato l’incontro senza alcuna spiegazione – dice il presidente della II circoscrizione, Nuccio Zullo -, simbolo dell’attenzione che l’amministrazione comunale presta alle problematiche della periferia cittadina

All’incontro nel salone parrocchiale della chiesa di San Nicolò, di Pistunina, hanno preso parte la maggioranza dei consiglieri di circoscrizione, tre amministratori condominiali e moltissimi cittadini. Dopo l’introduzione del parroco Giovanni Pelleriti, il presidente Zullo ha esposto la questione in esame nei dettagli, ragguagliando i presenti sull’iter che ha portato alla dismissione dell’impianto di pubblica illuminazione della via.

La delibera di giunta 453 del 17 giugno 2014 interpreta la via Beppe Alfano di natura non pubblica, seppure catastalmente comunale, ma a servizio della sola comunità che ci abita (10 palazzine con 15 appartamenti ciascuna + il vecchio edificio del Cnr, l’edificio “polifunzionale” di proprietà comunale – denominato lotto I – e le ultime costruzioni di edilizia popolare, realizzate con il piano di risanamento che ospitano i sbaraccati di via Bisignano (circa 30 abitazioni).

“Un lembo di territorio, peraltro ricadente in una zona sensibile della nostra città – prosegue Zullo -, letteralmente abbandonato; un numero considerevole di abitanti lasciato completamente al buio; questa è la scelta poco oculata operata da un tecnico ed avallata dall’esecutivo cittadino che, con il suo modus agendi – leggasi la mancanza di confronto e dialogo -, basato su un criterio discutibile ed impraticabile nella città di Messina (ove, infatti, moltissime strade presentano le caratteristiche proprie di Via Beppe Alfano), ritiene di risolvere i problemi non affrontandoli, trincerandosi dietro tecnicismi ed interpretazioni giuridiche formali, non suffragate nella sostanza”.

L’assemblea ha deciso di proporre un secondo incontro pubblico mercoledì prossimo, alle 18, proprio in via Beppe Alfano, invitando nuovamente i rappresentanti del Comune. Se ancora non arriveranno risposte, l’assemblea si dice pronta ad adire le vie legali.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007