Coronavirus a Messina. Le ordinanze di De Luca: "Coprifuoco, sanificazione e trasporti ridotti" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus a Messina. Le ordinanze di De Luca: “Coprifuoco, sanificazione e trasporti ridotti”

Redazione

Coronavirus a Messina. Le ordinanze di De Luca: “Coprifuoco, sanificazione e trasporti ridotti”

sabato 14 Marzo 2020 - 12:31
Coronavirus a Messina. Le ordinanze di De Luca: “Coprifuoco, sanificazione e trasporti ridotti”

#coronavirus #sindacodeluca Il contenuto delle tre nuove ordinanze

Con tre ordinanze di contrasto alla diffusione del Covid-19, l’Amministrazione De Luca vara disposizioni che riguardano il coprifuoco – ordinanza n. 61 – la sanificazione urbana – ordinanza n. 62 – e la riduzione del servizio di trasporto pubblico – ordinanza 63.

“Con l’ordinanza n.61, tenuto conto dei decreti presidenziali, del Prefetto e dell’Organizzazione mondiale della sanità, la quale usa il termine ‘pandemia’ per definire l’emergenza da Coronavirus, abbiamo introdotto una sorta di coprifuoco, utilizzando la nostra potestà sugli orari di apertura e chiusura di tutte le attività commerciali. Infatti, per quelle che non trattano beni essenziali, la chiusura e fissata alle ore 14; per quante trattano beni alimentari o di prima necessità, alle ore 18. Per le farmacie, le strutture convenzionate con il Ssn, le rivendite di tabacchi e di carburante, restano attivi gli orari secondo la loro disciplina. Disponiamo inoltre che, per tutta la durata del Dpcm 11 marzo 2020, che qualunque spostamento in ambito urbano ed extraurbano sia accompagnato da relativa autocertificazione, invitando la cittadinanza a limitare tutti gli spostamenti se non necessari da comprovati motivi. Si invitano le attività produttive e gli studi professionali ad attenersi alle disposizioni governative. Si favoriscano congedi ordinari o ferie, attività di smart working e laddove non fosse possibile, di garantire ai lavoratori i dispositivi di protezione individuale”. A riferirlo è il sindaco di Messina, Cateno De Luca.

“Per ciò concerne la sanificazione, comprenderà tutta la città, compresi i villaggi. Avrà inizio lunedì 16 e finirà il 25 marzo, con tre passaggi cadenzati nell’arco dei 10 giorni. Definita anche la strategia di riduzione del trasporto pubblico locale, con annessa sospensione del pagamento delle zone a traffico limitato. Di fatto, per il trasporto pubblico su gomma e rotaia – conclude il primo cittadino – a partire da oggi saranno ridotte le corse, mantenendo comunque il livello essenziale per garantire il fabbisogno nella fascia oraria 6-21. All’interno dei mezzi di trasporto dovranno essere garantite le misure di distanza di sicurezza per operatori e utenti. Sarà inoltre garantita la disinfezione giornaliera dei mezzi e relativa sanificazione a giorni alterni. Il mio invito alla cittadinanza è al rispetto di tali norme perché non dobbiamo essere i killer delle nostre famiglie, restiamo vigili e manteniamo alta la guardia”.

Questa sera a partire dalle ore 19, in diretta dalla pagina Facebook De Luca Sindaco di Messina, saranno chiariti gli eventuali dubbi applicativi, oltre che la diffusione di un apposito quadro riepilogativo.

GLI 11 PUNTI DELLA NUOVA ORDINANZA DE LUCA

  1. Avere con sé l’autocertificazione secondo il modello del Ministero dell’Interno
  2. Ferie d’ufficio per tutto il personale comunale e delle partecipate con compiti non essenziali e smart working per i compiti che lo consentono. Lo stesso, ma in forma di invito, è rivolto a tutte le amministrazioni pubbliche, banche, uffici postali, assicurazioni e finanziarie.
  3. Chiusura dei mercati non alimentari, parrucchieri, barbieri, estetisti, bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, tranne alimentari nelle aree di servizio e rifornimento carburante, mense e catering continuativo. Consentita la ristorazione solo con consegna a domicilio entro le 22.
  4. Aperte le rivendite di giornali, tabacchini e attività ricettive. Supermercati e alimentari possono restare aperti dalle 7 alle 18. Attività non alimentari, con espressa esclusione delle attività disciplinate dal Regolamenti sovracomunali quali sono le grandi strutture di vendita, possono stare aperte dalle 8 alle 14. Tutte le attività che garantiscono un servizio di pronto intervento essenziale sono tenute a garantire la reperibilità mediante avviso all’ingresso dell’attività o attraverso social media. Tutte le prestazioni sanitarie convenzionate devono essere limitate a quelle classificate come urgenti o brevi. Esclusi dalle disposizioni i mezzi adibiti al trasporto pubblico su piazza e quelli utilizzati per il soccorso e per l’emergenza.
  5. Tutte le attività aperte devono eseguire interventi di igienizzazione giornaliera e sanificazione almeno a giorni alterni, con documentazione che lo attesti.
  6. Chiuse tutte le ville comunali e gli impianti sportivi pubblici e privati.
  7. Amam, in questo periodo, deve fornire servizio idrico pieno anche ai morosi
  8. Le società partecipate e aziende speciali comunali devono ridurre le prestazioni in modo proporzionale alla prevedibile riduzione del numero dell’utenza
  9. Il Dipartimento Servizi Ambientali e Messina Servizi devono sanificare strade e piazze con cadenza periodica per almeno tre volte.
  10. Le società partecipate e le aziende speciali devono trasmettere entro le ore 18 del 16 marzo al segretario generale comunale i provvedimenti che sono stati assunti
  11. Messina Social City deve assicurare i servizi di assistenza essenziali.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Occhio a non ridurre di troppo le corse dei mezzi pubblici altrimenti questa provocherà la concentrazione dell’utenza sui pochi mezzi di trasporto in circolazione.

    3
    0
  2. invelatosempre 14 Marzo 2020 20:37

    Questa è improvvisazione alla Salvini
    Non necessita un genio per comprendere che se diminuisci le ore di apertura aumenti la concentrazione media degli avventori che in un’ora sono in fila davanti all’esercizio commerciale!
    Cerchi invece lo spazio per creare un ospedale da campo e telefoni a Philips e Siemens per comprare i respiratori prima che necessitino. Crei il secondo bus e pulisca la città tutta.
    Cioè faccia il Sindaco se ne ha la competenza e non l’epidemologo!

    2
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x