Coronavirus Messina: coprifuoco alle 18, controlli, bus ridotti, ville chiuse - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus Messina: coprifuoco alle 18, controlli, bus ridotti, ville chiuse

Rosaria Brancato

Coronavirus Messina: coprifuoco alle 18, controlli, bus ridotti, ville chiuse

venerdì 13 Marzo 2020 - 20:50
Coronavirus Messina: coprifuoco alle 18, controlli, bus ridotti, ville chiuse

Coronavirus- I divieti entreranno in vigore dal 14 alle 21. "Un'ordinanza morale - ha detto De Luca- L'appello è: state a casa"

Coprifuoco alle 18 (in un primo momento era stato annunciato alle 17), fasce orarie per le diverse tipologie di negozi (alimentari e non alimentari), trasporti pubblici ridotti, cimiteri chiusi al pubblico (con regole per garantire la presenza di familiari alle tumulazioni). Ville chiuse (villa Mazzini, villa Dante etc). Controlli a tappeto e regole rigide per le attività che restano aperte. Ma soprattutto l’invito a STARE A CASA. “E’ un’ordinanza morale, faccio appello a tutti i messinesi”, ha concluso il sindaco a fine conferenza stampa.

Coprifuoco: un’ordinanza morale

Non va allo scontro con il prefetto Maria Carmela Librizzi né col governo Conte (sebbene continui a contestarne la minore capacità di fronteggiare la diffusione del virus), revoca l’ordinanza dell’11 e ne firma 3 che di fattoaggirano l’ostacolo”. In sostanza De Luca interviene sugli orari piuttosto che sul divieto. Anche se per il coprifuoco è più un fatto morale che dovrebbe attenere ai comportamenti del singolo che un provvedimento amministrativo.

Nuove ordinanze in vigore dalle 21 di sabato 14 marzo

Nelle prossime ore le ordinanze saranno pubblicate sull’albo pretorio ed entreranno in vigore da DOMANI SABATO 14 MARZO ALLE 21 ( e resteranno in vigore fino al 25 marzo)

LA DIRETTA ON LINE DELLA CONFERENZA STAMPA

Cimiteri e villette chiusi

Dopo le premesse del sindaco che ha evidenziato l’importanza del confronto dei giorni scorsi è stato l’assessore Minutoli a dire che LA SITUAZIONE A MESSINA E’ INVARIATA (restano quindi 9 i casi tra città e provincia). Minutoli ha anche dato il resoconto delle chiamate arrivate ai numeri del Coc e del dipartimento protezione civile. Si tratta sia di persone rientrate in città che di segnalazioni o richieste di informazione. Chi rientra ricordiamo che deve registrarsi sul portale sia Regionale che Comunale nonchè avvisare subito il medico di famiglia (che inviterà la persona a mettersi in autoisolamento).

Da stamane ci sono stati 333 controlli ad attività e sono stati effettuati sequestri di acqua e di pesce. Inoltre sono stati controllati 96 veicoli in transito e anche 54 pedoni; sono stati anche sciolti 19 assembramenti.

L’assessore ha elogiato anche oggi il prezioso lavoro dei volontari. I cimiteri da domani e fino al 3 aprile saranno chiusi al pubblico ma è garantita la presenza di due familiari per defunto in caso di operazioni di tumulazione. Chiuse le villette comunali.

Ridotti bus e tram, sospesa Ztl

Ha quindi preso parola il sindaco confermando l’ordinanza e annunciando alcune novità. Il vicesindaco Mondello ha ricordato (vedi articolo in pagina) la demolizione dell’ex Samar, “uno dei tanti ecomostri. Noi non fermiamo l’attività ordinaria. Relativamente ai trasporti- ha continuato Mondello – abbiamo previsto una riduzione del trasporto limitata per gli autobus alla fascia oraria 6-21 con minori corse (18 linee con 23 bus e 90 autisti). I tram ne circoleranno 3 per 15 autisti e 56 corse e circolerà dalle 6.30 alle 20. Abbiamo deciso di sospendere la ZTL e chiudiamo il Fosso in via la Farina e il parcheggio Zaera. Resta in funzione il Cavallotti. Adottata la sanificazione di tutti i mezzi e gli uffici”

Piazze, vie, villaggi: sanificazione

Per quanto riguarda l’attività di Messina servizi sarà sanificata tutta la rete viabile e delle piazze cittadine per 3 volte di seguito. L’attività si svolgerà in 3 giorni con il ciclo appunto di 3 volte per ogni singola zona Ogni strada e piazza sarà quindi sanificata per 3 volte di seguito. La pulizia riguarderà tutta la città compresi i villaggi.

In linea col decreto Conte

“Noi non siamo alla ricerca dello scontro nè con autorità nè con figure istituzionali- ha detto De Luca – Vogliamo che ci sia la consapevolezza che l’emergenza si supera con il senso di responsabilità di tutti. Ci dicono che nei villaggi la sera c’è ancora occasione d’incontro in piazza, estenderemo i controlli anche lì.

Oggi proponiamo una NUOVA ORDINANZA con modalità e regole che riteniamo IN LINEA CON IL DECRETO DEL PRESIDENTE CONTE. A noi non interessa lo scontro e per questo revoco l’ordinanza n°60 ma in attesa di chiarimenti sui dettagli dal governo Conte, firmerò stasera una nuova ordinanza.

Le chiusure per il decreto Conte

L’assessore Dafne Musolino ha elencato le attività chiuse (già note). Una sorta di ripasso dei due decreti Conte. SOSPESE TUTTE LE ATTIVITA’ DI GENERI AL DETTAGLIO (SALVO DEROGHE ALIMENTARI), sospesi i mercati di abbigliamento ma non quelli alimentari. Sospese le attività di ristorazione ovvero bar, ristoranti, pub, pasticcerie, rosticcerie, tranne mense e attività GIA’ organizzate per la consegna a domicilio. Restano aperti anche quei bar che operano nelle autostrade o negli ospedali. Sospesi barbieri, parrucchieri, estetisti.

A Messina le fasce orarie

Fin qui i due decreti NAZIONALI. De Luca si è poi soffermato sull’idea di disciplinare quantomeno gli orari delle attività che restano aperte. “Il ragionamento che facciamo- ha detto De Luca- è indicare fasce orarie per le attività distinguendo tra quelle che secondo il governo nazionale devono restare aperte anche se non sono beni di necessità. Quantomeno daremo una fascia oraria per fare chiudere ad un certo orario le profumerie, per fare un esempio. Faremo un quadro esplicativo ma intanto spieghiamo le nostre intenzioni senza andare contro nessuno.

NON ALIMENTARI 9-15

Secondo noi TRA LE ATTIVITA’ CHE PER IL GOVERNO DEVONO RESTARE APERTE CI POSSA ESSERE LA POSSIBILITA’ DI RIDURRE L’ORARIO DI APERTURA. La fascia oraria è quindi 9-15 per le attività NON ALIMENTARI Ad esempio ferramenta, profumeria, tintoria, dovranno osservare questi orari. Potranno comunque garantire la reperibilità per gli orari successivi. “Per noi dovevano essere chiusi perchè non si tratta di beni essenziali. Così i centri commerciali restano aperti e si creano assembramenti, ma dovendoci adeguare almeno ne limitiamo la fascia oraria. MA FACCIO UN APPELLO A TUTTI VOI: CHIUDETE, prendetelo come un appello morale. Contribuite a non far diffondere il virus.

ALIMENTARI 7-17

Per quanto riguarda i BENI ALIMENTARI la fascia oraria è dalle 7 alle 17. Si tratta quindi di supermercati, alimentari, mini market, punti vendita di generi alimentari, panifici, ambulanti in regola (di generi alimentari), botteghe alimentari.

ATTIVITÀ SENZA LIMITAZIONI

LE ATTIVITÀ SENZA LIMITAZIONI restano tali e su di esse il comune non può incidere. De Luca invita però anche in questo caso a modulare il personale e gli orari tenendo conto dell’emergenza. Senza limitazioni, in quanto così stabilisce il decreto Conte, sono i tabacchi, rifornimenti di carburanti, edicole, così come centri commerciali.

Sanificazione e igenizzazione

A tutti il Comune DISPONE, igenizzazione a chiusura di giornata e sanificazione a giorni alterni così come prevede il decreto Conte. Queste operazioni devono essere ATTESTATE con documentazione. Il personale potrà essere ridotto (o il ricorso allo smart working) e comunque dovranno essere rispettate le distanze di sicurezza

“Penso che sia chiaro a tutti che si DEVE STARE A CASA, ma a questo punto chi verrà individuato nel corso dei controlli DOVRA’ ESIBIRE LA MOTIVAZIONE. Previste sanzioni in caso di mancata giustificazione. Chiamiamola ordinanza morale”

Articoli correlati

Tag:

4 commenti

  1. Uno in cerca di visibilità per le sue ambizioni.
    Un misto di egocentrismo e banalità.
    Visto che non va contro i decreti nazionali, semplicemente non faccia niente invece di minacciare controlli e incrementare il panico e lo stress.
    Se vuole incidere su cose di sua competenza, sospenda i parcheggi a pagamento consentendo che i parcheggiatori stiano a casa evitando che possano essere contagiati.

    0
    0
  2. Caro signor sindaco, la riduzione dell’orario di apertura dei negozi porterà ad un aumento della concentrazione delle persone presenti durante l’apertura. È matematico. Alla fine la sua ordinanza avrà effetto opposto rispetto a quanto si prefigge.

    0
    0
  3. Salvatore La Fauci 14 Marzo 2020 09:21

    Occorre allungare gli orari dei market, supermarket, macellerie, pescherie e in generale dei negozi che vendono cibo, ridurre l’orario creerà parecchi assembramenti e tensioni sull’esterno. Inoltre parecchia gente ancora lavora, quando diamine farà la spesa?

    1
    0
  4. Retro-Cateno

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x