Coronavirus e crisi. Andrea: "Firmate per lo stop affitti degli studenti fuori sede" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus e crisi. Andrea: “Firmate per lo stop affitti degli studenti fuori sede”

Francesca Stornante

Coronavirus e crisi. Andrea: “Firmate per lo stop affitti degli studenti fuori sede”

sabato 21 Marzo 2020 - 08:15
Coronavirus e crisi. Andrea: “Firmate per lo stop affitti degli studenti fuori sede”

Molte famiglie di lavoratori autonomi fermi a causa del Coronavirus non sanno come sostenere queste spese. Ecco la petizione per chiedere lo stop

Una petizione per chiedere al Governo di sospendere i canoni di affitto per gli studenti fuori sede. A lanciarla il giovane Andrea Curcio che racconta delle difficoltà che l’emergenza coronavirus sta causando a tante famiglie. Tra cui la sua. 

«Sono uno studente universitario fuori sede. A causa della drammatica emergenza Coronavirus che stiamo vivendo, moltissime famiglie si sono ritrovate a dover affrontare un problema non indifferente che riguarda proprio noi figli fuori sede. Un problema di cui il Governo, nel decreto Cura Italia, non ha fatto minima menzione. Gran parte delle famiglie di lavoratori autonomi si è ritrovata dall’oggi al domani a non percepire più un reddito mensile, riuscendo a malapena ad a avere i soldi per fare la spesa. Più l’emergenza si protrarrà, maggiori saranno le conseguenze. Queste famiglie, inevitabilmente, non riescono più a far fronte al pagamento dell’affitto mensile per i figli che studiavano fuori sede.

Questa è esattamente la situazione in cui mi ritrovo in questo preciso contesto. Ma non sono l’unico. Anzi siamo tantissimi, migliaia. Per questo motivo ho lanciato una petizione per tentare di dare visibilità a questa problematica di cui non parla nessuno».

Andrea vorrebbe riuscire a far sentire la voce di tante famiglie che fanno sacrifici per farci studiare fuori e che adesso rischiano di veder tutto vanificato. La voce di giovani studenti che temono di non potersi più permettere di riprendere gli studio quando tutto questo passerà. In un pomeriggio erano state raccolte oltre mille firme. Ieri erano già più di seimila. «Proviamo a chiedere al Governo di non ignorarci».

Clicca qui per firmare

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Chiunque tu sia, potevi risparmiarti questa lettera che non aggiunge e non toglie niente di più a questa incresciosa vicenda. Se qualcosa ci insegnerà questa situazione è che ogni gesto, ogni scelta che nella vita facciamo nn condiziona soltanto noi stessi, ma anche gli altri. Quindi impariamo ad uscire dal nostro gretto egoismo, dal piacere personale…. prima di ogni agire, interroghiamoci se il nostro attuare qualcosa può pesare sulla vita del prossimo. Abbiamo perso il senso della comunità, della società che è lontano dal partecipare ad un aperitivo o andare a folleggiare ma che è un sentirsi profondamente far parte di un intero, questo abbiamo perso di vista. E’ spero proprio che ora sia l’occasione giusta per riscoprire il rispetto verso sé stessi, verso gli altri, ma soprattutto verso la vita, un dono che riceviamo solo una volta.. preserviamolo, difendiamolo ad oltranza! .

    10
    13
  2. Cara Marcella,
    non capisco il suo risentimento nei confronti di chi si è attivato per risolvere un problema fortemente impattante sulle famiglie e ancor più in questo stato di emergenza. Da ciò che scrive si coglie un suo probabile interesse personale che in questo momento davvero, dovrebbe essere messo da parte. Tra chi fitta e chi paga il fitto l’anello debole è sempre quest’ultimo. Vada in pace.

    7
    0
  3. cara marcella, sicuramente lei non ha figli e neanche problemi economici, le posso assicurare che l’ansia che ci assale è indescrivibile per chi ha figli studenti fuori sede e che non possono neanche rientrare, per non parlare del tragico bilancio familiare aggravato dalla situazione emergenziale del momento… sicuramente avrà sbagliato sito….. oltre al fatto che sicuramente parla per interessi personali….

    3
    0
  4. mi sa che in un periodo di crisi così generalizzato e dove la via d’uscita sarà lunga e faticosa…gli unici che non ci rimetteranno saranno proprio loro,locatori di stanze per universitari fuorisede…tutto pulito…gli altri perderanno un bel pò di averi e loro ne usciranno puliti….ma un pò di rossore in viso vi viene?o avete la pietra al posto della coscienza…io penso che una persona normale,si metterebbe la mano sulla coscienza e direbbe….si blocca,e ne riparliamo quando finirà…ma sto parlando di una persona normale….

    1
    1
  5. Innanzitutto, la petizione che sta girando in Italia l’ho creata io e ha raccolto oltre 58.000 firme in neanche una settimana. La prossima volta, anziché cercare visibilità mediatica, mio caro, pensa a fare le cose nel modo giusto.

    Questo è il link:
    https://www.change.org/p/presidenza-del-consiglio-dei-ministri-governo-italiano-coronavirus-sospensione-affitto-studenti-fuorisede

    Per chi volesse partecipare, questa è la petizione che potrà fare la differenza.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007