Coronavirus, l'ingegnere messinese e le statistiche che infondono ottimismo sul web - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus, l’ingegnere messinese e le statistiche che infondono ottimismo sul web

Gianluca Santisi

Coronavirus, l’ingegnere messinese e le statistiche che infondono ottimismo sul web

lunedì 23 Marzo 2020 - 13:15
Coronavirus, l’ingegnere messinese e le statistiche che infondono ottimismo sul web

I dati raccolti da Giuseppe Palamara hanno suscitato interesse. Anche l'ex ministro Brunetta lo ha contattato per suggerirgli come affinare la ricerca, diffondendone poi i risultati

Le sue statistiche sull’andamento dei contagi da coronavirus in Italia hanno fatto il giro del web fino ad essere apprezzate e rilanciate dall’ex ministro ed economista Renato Brunetta, che gli fornito anche delle indicazioni per perfezionarle. Niente più previsioni ma solo l’oggettività dei numeri per comprendere l’evoluzione dell’epidemia di Covid-19.

E dire che l’ingegnere messinese Giuseppe Palamara aveva cominciato a farle quasi per gioco, da semplice appassionato, rapportando l’andamento dei contagi in Cina a quello italiano.

Figura 1 – La curva di Gauss in Cina

“Il 13 marzo scorso – racconta Palamara – feci un grafico con la curva di Gauss per l’Italia (andamento dei sotto terapia che giunge a zero quando non ci sono più contagiati), guardando quella della Cina (figura 1) che aveva visto la “risoluzione del problema” in un mese, dal 19 gennaio (primo morto) al 18 febbraio (quasi azzeramento dei sotto terapia). Questo mio studio ebbe molto successo su Facebook, per la verità più sui gruppi nazionali che tra i miei amici messinesi, perché in molti seguendo i miei calcoli e quel 13 marzo anche le mie previsioni (avevo elaborato tutti i dati proiettando i valori con un sistema semiprobabilistico al 6 aprile), prevedevano il famoso “picco”, cioè l’inversione di tendenza della curva di Gauss, per 18 marzo. Ecco dunque che ricevo la telefonata di un medico e politico romano, che aveva chiesto il mio numero ad un mio amico del gruppo WhatsApp Rete Civica degli attivisti per il #messinabridge (Palamara gestisce anche una pagina Facebook sull’argomento, ndC), che mi dice che un ex ministro ed esperto di statistica era stato molto impressionato da un’altra tabella (figura 2) che aveva già pubblicato sulla sua pagina Facebook e mi voleva parlare al telefono per una joint-venture”.

Figura 2 – Dati Italia al 22 marzo

La collaborazione con l’ex ministro Brunetta

E così, dopo una chiacchierata telefonica, Giuseppe Palamara – ingegnere civile libero professionista che da un trentennio opera a Messina e provincia nell’ambito dell’urbanistica e nella progettazione e direzione dei lavori di opere edili – si ritrova a collaborare con l’ex ministro Renato Brunetta. “In pratica – continua – esaminiamo solamente l’aumento percentuale rispetto al giorno prima dei dati dei contagi, dei morti e dei guariti. Sono evidenziate in verde le percentuali in miglioramento rispetto al giorno prima, cioè se diminuisce il trend giornaliero di contagi e morti e se invece aumenta quello dei guariti”.

Dati in miglioramento

Una statistica che ieri ha diffuso anche un certo ottimismo in un periodo molto buio per il nostro Paese.
“Ieri, 22 marzo, abbiamo due “verdi” (dati che migliorano rispetto al giorno prima). Il primo “verde” è relativo ai contagi: abbiamo avuto 5.566 contagi. Due giorni fa il dato complessivo era di 53.572 contagiati: in matematica questo è un aumento percentuale del 10,4%, il più basso dell’ultimo mese. In linea con il trend degli ultimi 8 giorni sotto 17% ben distante dal quasi 30% che toccavamo nei giorni di boom. Altro dato in “verde” è quello dei deceduti rispetto a due giorni fa. Dobbiamo guardare proprio questi dati e concludere che ancora non siamo al “picco” (inversione del trend), ma stiamo contenendo bene gli aumenti percentuali, molto al di sotto del resto d’Europa essendo noi partiti prima col virus”.

Figura 3 – Dati utilizzati per l’analisi in Figura 2

Il raggiungimento del picco

Ma c’è di più. Un dato importante che tutti ci auguriamo sia confermato anche oggi…
“Sì, dulcis in fundo, una nuova analisi fatta proprio ieri, che ho chiamato “Fine-Tuning Picco”, ovvero picco finemente regolato (foto 4). L’inversione di tendenza (raggiungimento del picco) si avrà quando nel dato della terza colonna sarà in positivo la differenza tra i sotto terapia giornalieri ed i contagi giornalieri. Così ancora non è, e dunque l’inversione non può esserci. Teniamo un occhio sui valori in verde ovvero quando almeno questa differenza si sta riducendo”.

Il dato incoraggiante

Ieri però, 22 marzo, c’è un bellissimo dato di quasi 1.000 punti rispetto al dato del giorno prima (da -4.815 a -3.963), di questo passo per andare in positivo non ci vorrà molto (quattro giorni se si mantenesse questo trend). Facciamo questo anche per dare ascolto a quello detto proprio ieri da un rappresentante del Governo che ha chiesto alle televisioni di non invitare più illustri opinionisti ben pagati che sanno solo urlare alla catastrofe ed inveire aizzando la popolazione. Noi non siamo “gomblottisti” – conclude l’ingegnere Giuseppe Palamara – e non diamo peso ai video di “caccia alle streghe” che circolano sui social e soprattutto non ci piace essere vittimisti e piangerci addosso, guardiamo sempre il bicchiere mezzo pieno e siamo per il fare non per il disfare”.

Figura 4 – Fine-tuning picco

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. ma che dice…..Il picco agognato in Italia è arrivato il 21/03/20 e come tutti i picchi e postumo mai prevedibile. Meno sciocchezze per favore. La curva di Gauss e’ postuma.

    2
    1
  2. Anzi mi permetto di aggiungere che tutti speriamo che il 21/03 sia l’effettivo picco con la paura di una ondata di contagi al sud dovuta all’esodo del 7/8 u.s.
    Si vedano i dati di Messina e della Sicilia in generale in controtendenza rispetto a quelli della Lombardia.

    0
    0
  3. con tutto il rispetto per i grandi matematici, la verità è che siamo in un bel casino, e questa situazione alla fine ci porterà indietro nel tempo di almeno 30 anni

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007