Coronavirus. L'odissea di Sofia, messinese bloccata in Inghilterra: «Fateci tornare» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Coronavirus. L’odissea di Sofia, messinese bloccata in Inghilterra: «Fateci tornare»

Francesca Stornante

Coronavirus. L’odissea di Sofia, messinese bloccata in Inghilterra: «Fateci tornare»

venerdì 20 Marzo 2020 - 08:00
Coronavirus. L’odissea di Sofia, messinese bloccata in Inghilterra: «Fateci tornare»

Sofia ha 20 anni, negli ultimi due giorni si è vista cancellare tre voli. Studia a Cambridge e chiede solo di poter tornare a Messina. Come lei tanti altri ragazzi

Sofia Russo ha 20 anni, studia a Cambridge e da giorni sta vivendo una vera e propria odissea per riuscire a tornare a casa. L’emergenza Coronavirus è esplosa anche in Inghilterra e per gli studenti fuori sede è iniziato l’incubo. Sofia è una di loro. E’ messinese, è giovanissima, fino a pochi giorni frequentava ancora le lezioni, mentre l’Italia aveva già iniziato la sua guerra contro il Covid 19. Poi è arrivata una mail che invitava i ragazzi stranieri a rientrare nei propri Paesi. E’ accaduto tutto nel giro di pochissimi giorni.

Lasciati soli

Il suo racconto è carico di preoccupazione, angoscia per quanto sta succedendo. «Non abbiamo risposte, zero aiuti, temo che il governo britannico dichiari il lockdown e non voglio restare da sola, così, in un paese straniero. In Italia parlano tanto di aerei per i rimpatri ma non è assolutamente così facile. E nella mia condizioni c’è un altro messinese qui a Cambridge, altri amici in Portogallo, uno a Parigi. Non possono abbandonarci così».

Coronavirus in Inghilterra

Sofia si sfoga, chiede aiuto. Ha passato l’ultima notte sveglia, tra telefonate e controlli degli orari dei voli disponibili fino alle 4 del mattino. «Mi trovo in un Paese in cui si respira un’inquietante aria di normalità e indifferenza, in cui la vita continua con lo stesso passo, in cui le persone continuano a lavorare e a fare la vita di tutti i giorni. Mi sono trovata sin da subito in estrema difficoltà. Ma mi sono detta: gli inglesi sono così irresponsabili? Arriverà pure qui l’emergenza e la affronteranno a dovere. Con questo spirito ho cercato di continuare anche io a fare la mia vita. Con tutte le precauzioni del caso ho continuato ad andare a lezione, in biblioteca, al supermercato. Non mi soffermo su come da qui in poi il governo inglese abbia affrontato la situazione».

L’odissea per tornare a Messina

Proprio qui inizia l’odissea. Sofia vuole che qualcuno le spieghi come sia possibile che una persona, residente in Italia, non riesca in alcun modo a raggiungere la sua casa, nonostante il Ministro abbia assicurato che “tutti rimpatrieranno” e che “l’unità di crisi sta lavorando senza sosta per permettere di tornare il prima possibile”. E definisce tutto questo “una barzelletta”.

«Mercoledì decido di non aspettare più e di cercare il primo volo che mi riporti a casa. Ad oggi mi sono stati annullati tre voli. Di cui uno era il famoso Alitalia di rimpatrio: in overbooking dopo 3 minuti. Chiamo la Farnesina, dopo ore di attesa mi viene data una lista di voli che avrebbero continuato ad operare con vari scali, rassicurandomi che sarei tornata a casa tramite uno di quelli. Le opzioni erano due: fare scalo in Germania per poi arrivare a Catania, o prendere Alitalia con scalo a Roma notturno, con probabilità di contrarre il virus esageratamente elevate. Decido di prendere il volo con scalo in Germania, in quanto più breve. Dopo qualche ora, la Regione Sicilia decide di chiudere tutti i collegamenti per via aerea, fatta eccezione per il famoso Alitalia di “rimpatrio”. Allora ricomincio le mie solite chiamate: compagnia aerea, Ambasciata italiana a Londra, Ambasciata italiana in Germania, Farnesina. Tutti con risposte diverse. Ancora. Risultato? Volo annullato mercoledì sera. Nessuno riesce a darmi risposte e io mi ritrovo ancora bloccata».

Sofia adesso è ancora a Cambridge, ha prenotato un altro volo per lunedì. Le hanno assicurato che questa volta non ci saranno problemi. Dovrà fare scalo a Roma, pernottare lì e poi arrivare a Catania martedì pomeriggio. Però teme che possa arrivare un’altra cancellazione, teme di non riuscire a tornare a Messina. E ovviamente pensa anche al rischio di contagio di Coronavirus in tutti questi spostamenti.

Non è la sola in questa condizione. Gli studenti ancora fuori dall’Italia sono tanti. Sofia chiede solo una cosa: «Fateci tornare a casa».

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Perché tornare a tutti i costi?
    Perché invocare il diritto di tornare necessariamente a casa in una situazione del genere?
    Non è più pericoloso tornare a casa piuttosto che rimanere li?

    Che senso ha tornare e poi chiudersi in una stanza in casa in totale autoisolamento per 14 giorni?

    Francesco
    (messinese che vive a Milano e che è chiuso in casa in Lombardia dal 21 febbraio)

    7
    5
    1. Ciao Francesco! Senza dubbio lo è! Ma non si tratta di un’altra regione dove hai il diritto alla stessa assistenza sanitaria che hai a Messina. Si tratta di un’altra nazione! Il mio medico, ad esempio, è il medico dell’università, che ha chiuso! Dunque, quando la stessa università ci ORDINA di tornare a casa, cosa dovremmo fare?

      0
      0
  2. Sofia, vuoi il mio biglietto Gatwick-Catania dell’11 Aprile? Non ha molto senso fuggire verso dove il focolaio sta per esplodere e non hanno ne’ i mezzi ne’ la preparazione per proteggerti. Ma se tu preferisci…

    0
    0
  3. Ma lei si faccia la sua di quarantena la ragazza si trova sola e indifesa è ha il diritto di rimpatriare

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007