Matassa, al Cas arrivano gli ispettori. Intanto "Berlusconi" parla - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Matassa, al Cas arrivano gli ispettori. Intanto “Berlusconi” parla

Alessandra Serio

Matassa, al Cas arrivano gli ispettori. Intanto “Berlusconi” parla

giovedì 19 Maggio 2016 - 22:05
Matassa, al Cas arrivano gli ispettori. Intanto “Berlusconi” parla

Capurro e Pernicone a confronto negli interrogatori di garanzia. Il patron della Coop CSS spiega dei suoi rapporti con Genovese e l'ex consigliere Saglimbeni. Intanto l'assessore Pistorio manda gli ispettori al Consorzio.

La Regione invia gli ispettori al Consorzio Autostrade Siciliane, dopo il “coinvolgimento”nell’inchiesta Matassa sui nuovi clan di Camaro e Santa Lucia sopra Contesse, che ha svelato l’interessamento per i lavori del Cas da parte di soggetti ritenuti legati alla mafia. Le rassicurazioni di Rosario Faraci, che ha chiarito che non sono stati affidati lavori al Consorzio Sociale Siciliano dei Pernicone, non sono evidentemente bastate all’assessore alle infrastrutture Giovanni Pistorio, che ha annunciato l’arrivo di due ispettori per verificare gli affidamenti stessi “dopo le notizie che evidenziano, anche in capo a componenti dell’organo di amministrazione del Cas, comportamenti che potrebbero integrare gravi fattispecie di reato…”, recita la nota ufficiale.

Che i Pernicone fossero interessati ai lavori sulle autostrade lo ha ammesso lo stesso Angelo Pernicone, qualche giorno fa, nel corso dell’interrogatorio di garanzia reso davanti al GIP Maria Teresa Arena.Gli ho chiesto se si poteva interessare per sapere come fare per accedere ai lavori del Cas. Lui ha parlato col commissario e ha detto che bisognava iscriversi come ditte fiduciarie”, dice “Berlusconi” di Paolo David, il consigliere comunale ancora in carcere con l’accusa di aver “comprato” voti da personaggi poco chiari. Pernicone, accompagnato dal difensore, l’avvocato Alessandro Billè, ha chiesto di uscire dal carcere perché in pessime condizioni di salute. Pernicone ha spiegato che il Consorzio era nato quando l’Ato appaltava i lavori di scerba tura e pulizia del verde cittadino, che in passato le coop di cui si interessa hanno lavorato anche con “Orizzonte 94” di Paolo Saglimbeni, e che già da allora frequentava la segreteria di Genovese. Anche l’interessato, quindi, conferma che il rapporto tra l’onorevole di riferimento e Pernicone è precedente ai contatti con Paolo David, e sostiene che con il consigliere i rapporti si sarebbero interrotti dopo le elezioni perché David gli ha rimproverato di non avergli portato abbastanza voti.

Di Capurro, invece, Pernicone spiega la conoscenza antica, risalente ai tempi della scuola. “E’ vero che mi ha fatto incontrare Germanà”, spiega il patron del Consorzio al Giudice che lo ha fatto arrestare, su richiesta della Procura. Ma non entra nello specifico del rapporto. E sui pacchi di pasta e le carte da 50 euro nega che si trattasse di regalìe in cambio di voti.

“Pernicone da un punto di vista elettorale non ha mai collaborato. Alle elezioni regionali, quando era candidato l’onorevole Germanà, lui si era avvicinato perché si lamentava del PD, aveva avuto dei contrasti. Chiedeva dei lavori, voleva che gli presentassi Germanà il cui suocero Ricciardello, avendo realizzato gli svincoli di Giostra, perché volevano entrare evidentemente anche in questo ambito. Lui mi ha fatto credere di votare Germanà, ma non lo ha votato perché ha votato Rinaldi”.

E’ questa la versione di Giuseppe Capurro, che ha risposto alle domande del PM Liliana Todaro, nel corso dell’interrogatorio di garanzia, e precisa “Non sono riuscito a fare incontrare Pernicone con Germanà”.

E su Genovese e Pernicone, la versione di Capurro è questa: “ Pernicone(ndr) non ha mai votato per me perché (…) era nel contesto di Genovese”. Ovviamente si tratta delle parole dell’uno e dell’altro, in relazione a fatti non tutti di rilevanza penale e quindi in parte non strettamente legati all’inchiesta, ma che certamente inquadrano la figura di Angelo Pernicone, la figura centrale dell’inchiesta della Squadra Mobile. E’ lui, infatti, l’uomo cerniera che ammatassa i clan al livello politico cittadino. Per gli inquirenti è un uomo legato alla criminalità organizzata, addirittura coinvolto in un fatto criminale cruento, in casa sua si sarebbe svolto un importante summit criminale. La sua fedina penale, prima del blitz dello scorso , era macchiata soltanto lievemente, visto che l’unico suo precedente risale a decenni fa: coinvolto in un’altra inchiesta sulla mafia cittadina, era stato scagionato in fase preliminare.

Il GIP Maria Teresa Arena ha chiuso il ciclo di interrogatori martedì scorso. Adesso dovrà decidere se accogliere o meno alcune delle domande di scarcerazione accolte. I verbali degli arrestati, invece, la loro versione dei fatti, va ora al vaglio degli inquirenti, che decideranno se approfondire o meno gli spunti offerti dalle loro dichiarazioni.

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. Come si fa ad avere fiducia in Pernicone ?solo questo motivo David e Capurro meritano il massimo della pena. Con tante persone e ditte serie che ci sono in città ?
    Ognuno merita quello che semina.

    0
    0
  2. Come si fa ad avere fiducia in Pernicone ?solo questo motivo David e Capurro meritano il massimo della pena. Con tante persone e ditte serie che ci sono in città ?
    Ognuno merita quello che semina.

    0
    0
  3. Metteteli tutti nella stessa cella e vedrete come si scanneranno.

    0
    0
  4. Metteteli tutti nella stessa cella e vedrete come si scanneranno.

    0
    0
  5. Se questo tipo ha il sopranome di “Berlusconi” da oggi in poi mi farò chiamare Giovanni Agnelli.
    Come siamo caduti così in basso politicamente parlando.

    Il massimo della pena per David e per Capurro per aver chiesto voti a questo tizio (er nulla ).

    0
    0
  6. Se questo tipo ha il sopranome di “Berlusconi” da oggi in poi mi farò chiamare Giovanni Agnelli.
    Come siamo caduti così in basso politicamente parlando.

    Il massimo della pena per David e per Capurro per aver chiesto voti a questo tizio (er nulla ).

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007