No Triv, no Muos, no al governo Crocetta: la protesta in piazza organizzata da Antudo - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

No Triv, no Muos, no al governo Crocetta: la protesta in piazza organizzata da Antudo

No Triv, no Muos, no al governo Crocetta: la protesta in piazza organizzata da Antudo

mercoledì 30 Marzo 2016 - 22:06
No Triv, no Muos, no al governo Crocetta: la protesta in piazza organizzata da Antudo

Il corteo organizzato da Antudo ha manifestato a Palermo contro il governo Crocetta. "Popolo siciliano alza la voce" era lo slogan nel giorno dell'anniversario dei Vespri siciliani

Il popolo dei No Triv, No Muos, No inceneritori, insieme a Cobas, associazioni, movimenti, studenti, amministratori, è sceso in piazza per dire: no al governo Crocetta. Un corteo che da Piazza Verdi ha raggiunto Palazzo d’Orleans, una catena di no che ha scelto l’anniversario dei Vespri siciliani per una nuova ribellione contro un governo che si è rivelato lontano rispetto all’idea di rivoluzione iniziale.

Dietro lo striscione “Crocetta vattinni” si sono uniti i diversi rivoli di protesta, senza colori politici, senza partiti. La manifestazione è nata dalla proposta di gruppo di cittadini sparsi sul territorio (studenti, precari, lavoratori, disoccupati) che hanno creato la pagina facebook dal nome Antudo (https://www.facebook.com/Antudo166633903706645/?fref=ts) per porre in risalto il coraggio dell’animo siciliano contro la rassegnazione. Una pagina i cui contenuti sono divenuti in pochissimo tempo virali e che ricordano da una parte il ricco e prezioso bagaglio storico-artistico-culturale e dell’altra la voglia di dire basta ad un governo che si è mostrato in continuità con il passato. Antudo in pochi mesi è diventata una rete che ha unito motivazioni diverse, realtà diverse, che però si sono ritrovate insieme in piazza per dire basta.

“Definendo la sua vittoria alle elezioni regionali come l’inizio della rivoluzione per la Sicilia e la fine di clientele, corruzioni, complicità, blocchi di potere del passato il nostro Governatore ha ingannato il suo popolo- si legge nel manifesto di Antudo- Nel corso di questi tre anni di governo abbiamo sperimentato sulla nostra pelle che questa fantomatica rivoluzione altro non è che la più classica prosecuzione dei precedenti sistemi di governo (Cuffaro e Lombardo). La gestione del potere da parte di Crocetta, oltre a non presentare alcuna novità nei volti, non ha presentato nemmeno alcuna novità nelle scelte politiche, sociali, economiche, di sviluppo e tutela ambientale, infrastrutturali. La nostra bella isola e le sue risorse sono gestiti seguendo un modello di sviluppo economico basato su devastazione ambientale, cattiva gestione delle risorse pubbliche. Un modello di sviluppo che l’ha resa pattumiera dell’Italia e che obbliga i suoi abitanti a emigrare per cercare altrove dignità per la propria esistenza che qui invece viene negata costantemente. Le trivellazioni nel canale di Sicilia, la presenza invasiva di infrastrutture belliche e basi militari, la gestione dei rifiuti per mezzo di inceneritori sono tutte scelte che minano la salute degli abitanti e palesano un assoluto non rispetto per le ricchezze ambientali della nostra terra. Scelte che il governo ha preso accettando supinamente gli ordini del governo nazionale senza mai volersi avvalere dello Statuto speciale che caratterizza il governo siciliano. Non parliamo poi dei conti della Regione Sicilia, peggiorati in questi tre anni, e i fondi europei investiti seguendo sempre le stesse logiche clientelari”

Studenti, movimenti, associazioni, hanno protestato contro i tagli alla sanità, alla formazione, ricordando lo stato delle strade e delle scuole, la desertificazione dell’isola, la disoccupazione giovanile, l’incapacità di avviare percorsi di sviluppo.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007